IT/Prabhupada 0731 - Il Bhagavata-dharma Non è Per Persone Invidiose

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Il Bhagavata-dharma Non è Per Persone Invidiose - Prabhupāda 0731


Departure Lecture -- London, March 12, 1975

Per i devoti, una letteratura, una cosiddetta letteratura molto ben scritta, ornata di parole, metafore e cose del genere —tad-vāg-visargo (SB 1.5.11), na tad vacaś citra-padam (SB 1.5.10) — molto piacevole, letteralmente molto ben adorna, na tad vacaś citra-padaṁ harer yaśo na pragṛṇīta karhicit, ma che non fa menzione di Krishna e delle Sue glorie... Proprio come in particolare nei Paesi Occidentali dove avete giornali, un sacco di quotidiani, ma non una sola riga è su Krishna. Nemeno una sola. Quindi, per i devoti, questo tipo di letteratura è paragonato a spazzatura. Tad vāyasaṁ tīrtham (1.5.10), proprio come vāyasam, i corvi. I corvi si radunano inseme, ma dove? Si riuniscono dove le cose inutili vengono gettate via. Questa è la predisposizione tra quella specie di uccelli: i corvi si riuniranno dove tutte le cose sporche vengono gettate via, . ma gli altri uccelli, i cigni, non andranno lì. I cigni si riuniranno in un giardino molto bello, con acqua limpida, fiori di loto, e uccelli che cantano. Essi si riuniranno lì. Per natura, ci sono diverse specie di animali, anche negli uccelli, nelle bestie. "Uccelli dello stesso piumaggio volano insieme". Percui, dove vanno i corvi, non vanno i cigni; e dove vanno i cigni , i corvi non hanno accesso. Allo stesso modo, il Movimento per la Coscienza di Krishna è pensato per i cigni, non per i corvi. Quindi cercate di rimanere cigni, rāja-haṁsa, o paramahaṁsa; haṁsa significa cigno. Anche se abbiamo ottenuto questo piccolo posto non andate nel posto dei corvi, i cosiddetti club, ristoranti, bordelli, dancing club ecc... Le persone, soprattutto nei paesi occidentali, partecipano molto in questi luoghi; ma non rimanere corvi. Diventate cigni semplicemente con questo metodo del canto e dell'ascolto di ciò che riguarda Krishna. Questo è il metodo per rimanere paramahaṁsa. Dharma-projjhita-kaitava atra nirmatsarāṇām. Dharma-projjhita-kaitava atra nirmatsarāṇām (SB 1.1.2). Questo Bhāgavata-dharma, questa coscienza di Krishna, è intesa per paramo nirmatsarāṇām. Matsara, matsarata, significa invidia; io sono invidioso di te, tu sei invidioso di me: questo è il mondo materiale. Proprio come in questo quartiere ci sono tanti invidiosi che reclamano solamente; ne abbiamo avuto buona esperienza di questo. Il Bhāgavata-dharma quindi, è pensato per i paramo nirmatsarāṇām; matsarata è colui che non può sopportare o tollerare l'avanzamento degli altri. Viene chiamato matsarata, e questa è la natura di tutti. Tutti cercano di progredire di più. Il vicino è invidioso: "Oh, questa persona è in testa e io non riesco." Anche se lui è il fratello, anche se è il figlio, questa è la sua natura. Dunque, questo Bhāgavata-dharma non è per queste persone che invidiose; è per i paramo nirmatsarāṇām, coloro che hanno abbandonato questa invidia, questo atteggiamento invidioso definitivamente. Ma come è possibile? E' possibile solo quando hai imparato ad amare Krishna. Allora è possibile. Allora considererete: —"Ognuno è parte integrante di Krishna e soffre per mancanza della sua coscienza di Krishna. Parliamogli di Krishna. Diamogli della letteratura che rigarda Krishna in modo che un giorno arrivi alla coscienza di Krishna e diventati felice." Questa è la procedura: śravaṇaṁ kīrtanaṁ smaraṇam (SB 7.5.23) Dovremmo anche noi stessi ascoltare continuamente da letterature e persone autorevoli e continuamente andare avanti cantando la stessa cosa, ripetendo. Questo è tutto. Poi tutto sarà un'atmosfera felice. In caso contrario, continuerà ad essere un assemblamento di corvi nella spazzatura, e nessuno sarà felice.

Molte grazie.