IT/Prabhupada 0733 - Il Tempo è Prezioso - Se Paghi Milioni di Monete d'Oro Non Puoi Avere Indietro un Solo Istante

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Il Tempo è Prezioso - Se Paghi Milioni di Monete d'Oro Non Puoi Avere Indietro un Solo Istante - Prabhupāda 0733


Lecture on SB 7.6.1 -- San Francisco, March 15, 1968

C'è un bel verso, negli śloka di Cāṇakya, dove vedete quanto il tempo era considerato prezioso. Lo capirete da questo verso. Cāṇakya Paṇḍita era un grande politico e alcune volte primo ministro dell'imperatore dell'India. Egli dice: āyuṣaḥ kṣaṇa eko 'pi na labhya svarṇa-koṭibhiḥ, "Un attimo di tempo nella durata della tua vita..." Un istante. Non si parla di ore e di giorni, ma di attimi. Egli stava considerando attimo dopo attimo. Proprio come oggi, 15 Marzo 1968, adesso sono le 7:30, o meglio le 7:35. Ora, queste 7:35 del 1968, sono andate non appena sono le 7:36; non è possibile riportare le 7:35 di sera del 15 marzo 1968. Anche se si pagano milioni di dollari, —"Vi prego di tornare ancora"; no, basta. Percui Cāṇakya Paṇḍita dice: "Il tempo è così prezioso, che se si paga milioni di monete d'oro, non si può avere indietro neanche un istante." Ciò che è perso, è perso per sempre. Na cen nirarthakaṁ nītiḥ: "Se l'attimo è talmente prezioso e lo sprecate per niente, senza trarne alcun profitto", na ca hānis tato 'dhikā, "immaginare quante state perdendo, quanto grande è la perdita che subite." La cosa che non si può riavere indietro pagando milioni di dollari, se viene persa per niente, immaginate quanto state perdendo.

Prahlāda Mahārāja dice la stessa cosa: dharmān bhāgavatan (SB 7.6.1), diventare coscienti di Krishna, o coscienti di Dio , è così importante che non dobbiamo perdere neanche un attimo. E' da incominciare immediatamente. Perché? Durlabhaṁ mānuṣaṁ janma. Mānuṣaṁ janma. Egli dice che il corpo dalla forma umana è molto raro, si ottiene dopo molte, molte vite. Nella civiltà moderna non capiscono qual è il valore di questa forma di vita umana; pensano che questo corpo è destinato al godimento dei sensi, come per i cani e i gatti. Cani e gatti godono anche loro della vita secondo quattro principi: mangiare, dormire, difendersi e accoppiarsi. Percui la forma di vita umana non è fatta per sprecarla come cani e gatti. La forma umana è fatta per qualcosa d'altro, un "qualcos'altro" cosciente di Krishna, o la coscienza di Dio. Perché oltre la forma di vita umana nessun altro corpo è in grado di capire chi è Dio, cosa è questo mondo, chi sono, da dove sono venuto, dove andrò. Queste cose sono prerogativa della vita umana. Percui egli dice: "Dalla prima infanzia..." In realtà questo è essenziale. Fin dall'infanzia, nelle scuole, nei college, questo bhāgavata-dharma, o l'occupazione in coscienza di Krishna, dovrebbe essere introdotta. Ciò è necessario, ma non capiscono. Pensano che questa vita sia tutto, che questo corpo è tutto, che non c'è un'altra vita. Non credono ad una prossima vita, e ciò è dovuto tutto all'ignoranza. La vita è l'eternità, e questa vita è la preparazione per la prossima vita.