IT/Prabhupada 0744 - Appena Vedete Krishna Ottenete la Vostra Vita Eterna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Appena Vedete Krishna Ottenete la Vostra Vita Eterna
- Prabhupāda 0744


Lecture on SB 7.9.53 -- Vrndavana, April 8, 1976

Prahlāda Mahārāja fu castigato dal padre in tanti modi, ma non potè dimenticare Krishna. L'amore era stato stabilito. Perciò Krishna divenne molto compaciuto, prīto 'ham. Prīto 'ham. Prahlāda bhadraṁ (SB 7.9.52). Mam aprīṇata āyuṣman (SB 7.9.53). Āyuṣman, benedizione; "Ora puoi vivere a lungo", o "vivere eternamente", āyuṣman. Āyuṣ significa 'durata della vita'. Quando ci si avvicina a Krishna... Mām upetya kaunteya duḥkhālayam aśāśvatam, nāpnuvanti. Duḥkhālayam (BG 8.15). Finché abbiamo questo corpo materiale, il mondo materiale è duḥkhālayam aśāśvatam. È pieno di condizioni miserabili e, al tempo stesso, non permanenti. Anche se accettiamo la miserabile condizione... Tutti cercano di vivere. Un uomo vecchio non desidera morire; va dal dottore, prende qualche medicina in modo che possa continuare la sua vita. Ma non gli sarà permesso di vivere. Aśāśvatam. Puoi essere molto ricco, puoi prendere molte pillole e molte iniezioni per prolungare la vita, ma non è possibile. Questo non è possibile. Ma non appena si vede Krishna, allora si ottiene la vita eterna. La vita eterna che abbiamo. Noi siamo eterni, na hanyate hanyamāne śarīre (BG 2.20). Noi non muoriamo dopo la distruzione del corpo, otteniamo un altro corpo. Questa è la malattia. E quando vedete Krishna, quando comprendete Krishna... Anche senza vederLo, se semplicemente si comprende Krishna, allora si diventa eterni.

janma karma ca me divyaṁ
yo jānāti tattvataḥ
tyaktvā dehaṁ punar janma
naiti...
(BG 4.9)

L dice Krishna. Basta cercare di capire Krishna. Comprendere Krishna è come vedere Krishna; poiché Egli è assoluto non vi è alcuna differenza. Nel mondo materiale puoi capire qualcosa, ma puoi non vederla. Questa è la dualità. Ma nell'assoluto, se comprendi Krishna, se ascolti Krishna, se vedi Krishna, se giochi con Krsna, sono un tutt'uno. Questo è chiamato assoluto; non c'è dualità.

Quindi, se semplicemente si comprende Krishna, divyam, la natura divina... capendo semplicemente che Krishna non è come noi, che Krishna non ha un corpo materiale, Krishna non è infelice, Krishna è sempre felice, alcune semplici cose... Se vi convincete che ciò è la natura di Krishna, subito acquisite il diritto di essere trasferiti di nuovo a casa, di nuovo da Dio. Questa è la coscienza di Krishna, ed è così bella. Krishna spiega Sé stesso, e se voi vi convincete —"Sì, quello che dice Krishna va bene"... Proprio come disse Arjuna: sarvam etam ṛtaṁ manye yad vadasi keśava: (BG 10.14), "Tutto quello che hai detto lo accetto totalmente. Senza nessun taglio, no..." Sarvam etam ṛtaṁ manye: "Credo in qualunque cosa hai detto, la accetto." Questo è Krishna. Krishna dice qualcosa, e io capisco qualcosa; col vostro andare avanti per milioni di anni non sarà mai possibile. Dovete capire Krishna da come Lui dice. Per questo stiamo presentando "La Bhagavad-gītā così com'è". Questa è vera comprensione.