IT/Prabhupada 0756 - L'Educazione Moderna Non è Vera Conoscenza

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

L'Educazione Moderna Non è Vera Conoscenza
- Prabhupāda 0756


Lecture on SB 6.1.10 -- Honolulu, May 11, 1976

Il guru, Śukadeva Gosvāmī, ha esaminato Parīkṣit Mahārāja, e sembra che il re abbia superato una fase dell'esame rifiutando il processo di espiazione. Così si è intelligenti. lmmediatamente ha detto: "Guru, che cosa è mai questa?", ed egli rifiutò, rifiutò il processo di espiazione perché si tratta di un'attività interessata, di karma. Karma: ho commesso qualche attività colpevole, e quindi altro karma per punirmi. Così, qui si dice... Un karma non può essere annullato da un altro karma. Karma significa attività. Gli altri continuano passando risoluzioni dopo risoluzioni e leggi dopo leggi, ma le cose rimangono nella stessa posizione, non stanno cambiando. Quindi, non può essere controllato in questo modo. Karmaṇā karma-nirhāra (SB 6.1.11). Ora Śukadeva Gosvāmī sta suggerendo la piattaforma della conoscenza speculativa. Come quando fallisce per un ladro, che ripetutamente commette attività criminali e più volte viene punito ma senza essere corretto; qual è quindi il rimedio? Cio è vimarśanam, conoscenza speculativa. Progredendo dal karma-kāṇḍa a jñāna-kāṇḍa, egli propone prāyaścittaṁ vimarśanam (SB 6.1.11): la vera espiazione è la piena conoscenza. Uno dovrebbe ricevere conoscenza; a meno che non si giunga alla conoscenza...

Nell'educazione moderna non c'è una vera conoscenza. La vera conoscenza inizia dalla Bhagavad-gītā. A coloro che hanno letto la Bhagavad-gītā, la prima comprensione, Arjuna ha dato una lezione. Quando fu perplesso e divenne un discepolo di Krishna, śiṣyas te 'haṁ śādhi māṁ prapannam (BG 2.7): "Krishna, smettiamola con questa conversazione amichevole. Ora accetto di diventare Tuo discepolo. Adesso istruiscimi". E il primo insegnamento è stato un rimprovero: aśocyān anvaśocas tvaṁ prajñā-vādāṁś ca bhāṣase (BG 2.11), "Non hai conoscenza"; gātāsun agatāsūṁś ca nānuśocanti paṇḍitāḥ: "Parli come un paṇḍita, ma non sei un paṇḍita". Egli disse, indirettamente: "Tu sei uno sciocco", perché nānuśocanti, "Questo modo di pensare non è sostenuto dagli studiosi eruditi". Ciò significa: "Tu non sei un uomo istruito." Ed è ciò che sta succedendo in questo momento. Tutti pensano di essere altamente istruiti, ma sono sciocchi numero uno. Sta succedendo questo perché non c'è una conoscenza standard. Anche Sanātana Gosvāmī, quando si avvicinò a Caitanya Mahāprabhu, disse la stessa cosa. Se ne rendeva conto. Era primo ministro, e uno studioso molto erudito di Sanscrito e Urdu -c'era l'Urdu a quei tempi perché c'era un governo musulmano. Ma saggiamente pensava: "Mi chiamano studioso erudito, ma che tipo di studioso sono?" Egli pose questa questione a Caitanya. Grāmya vyavahāre kahaye paṇḍita satya kari māni āpanāra hitāhita kichui nāhi jāni (CC Madhya 20.100): "Caro Signore Caitanya Mahāprabhu, questi uomini comuni dicono che io sono professore, dottore, e così via. Sono uno studioso molto preparato, sono un così grande studioso, eppure io non so quello che sono e qual è il mio scopo nella vita". Vedete? Chiedete a qualsiasi cosiddetto studioso: "Qual è lo scopo della vita?" Lui non lo può dire. Lo scopo della vita è lo stesso del cane: mangiare, bere, essere allegri, godere e morire. Questo è tutto. Allora, dove è l'educazione? Non vi è alcuna istruzione. La vera erudizione è diversa: si deve conoscere la propria condizione e agire di conseguenza.