IT/Prabhupada 0816 - Il Corpo è Una Macchina, Ma Noi Consideriamo la Macchina Come Noi Stessi

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Il Corpo è Una Macchina, Ma Noi Consideriamo la Macchina Come Noi Stessi
- Prabhupāda 0816


751015 - Lecture SB 01.07.05-6 - Johannesburg

yayā sammohito jīva
ātmānaṁ tri-guṇātmakam
paro 'pi manute 'narthaṁ
tat-kṛtaṁ cābhipadyate
(SB 1.7.5)

La nostra condizione attuale è questa sammohita: sconcertati, resi perplessi da māyā. Noi siamo un'eterna parte integrante di Dio, ma a causa dell'incanto di questa energia materiale, l'energia esterna di Dio, abbiamo dimenticato noi stessi e ora siamo impigliati. Abbiamo dimenticato il nostro obiettivo della vita. Na te viduḥ svārtha-gatiṁ hi viṣṇuṁ durāśayā ye bahir-artha-māninaḥ (SB 7.5.31). L'anima condizionata è l'essere vivente, l'anima spirituale che è condizionata da queste leggi della natura materiale. Le leggi della natura materiale fanno si che uno deve accettare un certo tipo di corpo secondo la propria propensione. Noi creiamo la propensione e Krishna è così gentile che Egli vi dà la possibilità: "Va bene." Proprio come la tigre, che vuole succhiare il sangue; o come per qualsiasi uomo: se vuole succhiare il sangue allora gli sarà data l'opportunità del corpo di una tigre. Se una persona non fa discriminazione nel mangiare e mangia qualsiasi cosa sia disponibile, allora le sarà data la facilitazione di diventare un maiale, che può mangiare perfino gli escrementi. Questo è indicato molto chiaramente nella Bhagavad-gītā:

īśvaraḥ sarva-bhūtānāṁ
hṛd-deśe 'rjuna tiṣṭhati
bhrāmayan sarva-bhūtāni
yantrārūḍhāni māyayā
(BG 18.61)

Questo è molto importante. Yantrārūḍhāni māyayā: stiamo guidando una macchina. Questo corpo è una macchina, ma stiamo considerando la macchina come noi stessi. Questo si chiama sammohita, "disorientamento". Se si corre su una macchina e si pensa: "Io sono la macchina", questa è follia; allo stesso modo, ho questo yantra, questo veicolo, il corpo, che funziona grazie alla mia presenza, e lo sto guidando -o Krishna mi sta dando l'intelligenza per dirigerlo. Ma se io identifico me stesso con questo corpo, esattamente come un uomo stolto che guidando la macchina si identifica con la macchina, ciò viene definito sammohita. Yayā sammohito jīva. Pertanto l'esempio, come citavo ieri sera, che non vediamo l'autista, e quando il conducente se ne va, allora vediamo che la macchina non è in movimento, e quindi posso capire: "Oh, l'autista -o mio padre o mio figlio- è andato via." Qualche volta piangiamo: "Mio padre se n'è andato!"; oppure: "Mio figlio se n'è andato!" Ma poiché siamo sammohita, in realtà non abbiamo mai visto il padre o il figlio. Abbiamo considerato questo corpo 'giacca e pantalone' come padre e figlio; ciò si definisce sammoha, sconcerto.

Yayā sammohito jīva ātmānam: l'anima spirituale, ātmānaṁ tri-guṇātmakam... Questo corpo è tri-guṇātmakam. Il corpo è fatto in base alle influenze della natura materiale: kāraṇaṁ guṇa-saṅgo 'sya (BG 13.22). Tutto è spiegato molto chiaramente nella Bhagavad-gītā; questo è un ulteriore sviluppo. Se si capisce la Bhagavad-gītā, e se effettivamente vi arrendete a Krishna... L'ultima parola di Krsna è: sarva-dharmān parityajya mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja (BG 18.66), e se effettivamente capite la Bhagavad-gītā, questo sarà il risultato. E nello Śrīmad-Bhāgavatam è detto: tyaktvā sva-dharmaṁ caraṇāmbujaṁ hareḥ (SB 1.5.17). Sva-dharma. Krishna dice: sarva-dharmān parityajya. Quindi questo significa che ognuno di noi... Dharma significa dovere occupazionale; questa è la caratteristica del dharma. Per cui Krishna ordina: sarva-dharmān parityajya mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja (BG 18.66). Se aderiamo, anche col sentimento... Ciò è confermato nello Śrīmad-Bhāgavatam: tyaktvā sva-dharmaṁ caraṇāmbujaṁ hareḥ patet tato yadi, bhajann apakvo 'tha. Nārada Muni dice: "Se qualcuno, anche per sentimento -'Va bene, Krishna dice sarva-dharmān parityajya. Smettiamola con qualsiasi altra attività e diventiamo coscienti di Krishna- anche accettando sentimentalmente, senza comprendere a fondo, è comunque fortunato." E' comunque fortunato perché egli accetta la cosa vera. Pertanto Nārada Muni ha detto: "Anche se uno accetta sentimentalmente, bhajann apakvo 'tha, e più tardi, nell'esecuzione del servizio di devozione non maturo, cade -Nārada Muni continua- yatra kva vābhadram abhūd amuṣya kim, cosa perde quella persona?" E, d'altra parte, un'altra persona che non abbia accettato ciò -ligio nell'eseguire regolarmente le proprie responsabilità materiali- cosa ci guadagna con questo?" Questo è il parere. "Se la coscienza di Krishna viene accettata anche sentimentalmente, e dopo ciò anche si cade, non vi è alcuna perdita. E se siamo molto fedeli ai nostri doveri materiali", Nārada Muni prosegue, "che cosa ci guadagniamo con ciò?" Questa è una cosa molto importante.