IT/Prabhupada 0817 - La Semplice Stampigliatura 'Io Sono Cristiano', 'Io Sono Hndu', 'Io Sono Musulmano', Non Dà Profitto

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

La Semplice Stampigliatura 'Io Sono Cristiano', 'Io Sono Hindu', 'Io Sono Musulmano', Non Dà Profitto
- Prabhupāda 0817


751019 - Lecture BG 04.13 - Johannesburg

Dobbiamo aderire al metodo religioso. Questa è umanità. Aderite a qualsiasi metodo religioso, ma è necessario sapere qua è lo scopo della religione; non semplicemente professare: "Io sono cristiano", "Io sono hindu", "Io sono musulmano". Ma qual è lo scopo nel diventare religiosi? E' necessario saperlo. Questa è intelligenza. Non siate semplicemente orgogliosi dicendo: "Io sono cristiano", "Io sono hindu", "Io sono musulmano". Va bene, avete un certo tipo di designazione; ma il Bhāgavatam afferma che il metodo religioso è perfetto. E qual è? Sa vai puṁsāṁ paro dharmo yato bhaktir adhokṣaje (SB 1.2.6): "Quella religione, quel metodo religioso, è perfetto." Sa vai puṁsāṁ paro. Paro significa perfetto, senza alcun difetto. Quale? Yato bhaktir adhokṣaje: "Quello per cui, diventando seguaci di tale sistema religioso, si diventa un devoto di Dio; quello è perfetto." Non dice di diventare hindu, o diventare musulmano, o diventare cristiano, o buddista o qualsiasi altra cosa. E' molto liberale; qualsiasi sistema religioso si accetti non vi è nulla di male, va bene. Ma guardate il risultato. Qual è il risultato? Yato bhaktir adhokṣaje: se avete capito Dio e se amate Dio. Allora la vostra religione è perfetta. Semplicemente etichettarsi 'Io sono cristiano', 'Io sono hindu', 'Io sono musulmano', non dà profitto. Anche ciò viene spiegato nello Śrīmad-Bhāgavatam.

dharmaḥ svanuṣṭhitaḥ puṁsāṁ
viṣvaksena-kathāsu yaḥ
notpādayed ratiṁ yadi
śrama eva hi kevalam
(SB 1.2.8)

Dharmaḥ svanuṣṭhitaḥ, qualunque religione professi, non importa; perseguila appropriatamente, seguitene le regole e fate tutto in accordo al metodo religioso. Dharmaḥ svanuṣṭhitaḥ puṁsām: "Eseguendo con attenzione il principio religioso", viṣvaksena-kathāsu yaḥ, "se non si diventa ansiosi di capire sempre di più su Dio" -viṣvaksena kathā; viṣvaksena significa Dio- kathāsu yaḥ notpādayed ratiṁ yadi: "Se non si diventa attaccati a sentir parlare di Dio sempre di più, allora è 'śrama eva hi kevalam' semplice perdita di tempo". Semplicemente una perdita di tempo, perché religione significa: dharmaṁ tu sākṣād bhagavat-praṇītam (SB 6.3.19). Per religione si intende l'ordine dato da Dio e la sua esecuzione. Questa è la semplice definizione di religione. Altre cerimonie rituali, formule, l'andare in chiesa o al tempio, sono dettagli. Ma vero dharma, la somma e la sostanza del dharma, significa rispettare gli ordini di Dio. Tutto qua, questa è la religione. Dharmaṁ tu sākṣād bhagavat-praṇītam.

Non si può fabbricare una religione. E qualunque sia la vera religione, se la si segue, allora siete religiosi. La vera religione è l'ordine di Dio. E' quella. Ognuno segue qualche principio religioso per comprendere Dio. E nel nostro sistema Vedico l'unico scopo della vita è quello di comprendere Dio. Athāto brahma jijñāsā. Nella forma umana non abbiamo altra attività. Nessun'altra occupazione che anche gatti e cani stanno facendo e anche noi facciamo. E' automatico, non è che gli altri animali stanno morendo di fame. Anche loro mangiano e anche noi mangiamo. Ma l'opportunità, per gli altri animali inferiori all'essere umano, è che non devono fare alcun lavoro o attività professionale, o andare da un luogo all'altro per guadagnarsi da vivere. Questo è il loro vantaggio. E il nostro svantaggio è che stiamo cercando di trovare miglior cibo girando per tutto il mondo, tuttavia senza ottenerlo. Quindi loro sono più avvantaggiati. Gli uccellini, al mattino presto, si sveglieranno e cinguettando se ne andranno in giro perché sono sicuri che "Il nostro cibo è pronto, ovunque andremo." E questo è un dato di fatto. Vanno su qualsiasi albero. Che cosa mangia l'uccello? Quattro o cinque piccoli frutti. Ma ci sono innumerevoli frutti in un albero, e ci sono innumerevoli alberi. Allo stesso modo qualsiasi animale, anche l'elefante. In Africa ci sono così tanti elefanti, milioni di elefanti. Mangiano quaranta chili per volta. E chi è che fornisce il cibo? Non lavorano, non hanno una professione. Come mangiano?