IT/Prabhupada 0826 - Il Nostro Movimento è Per Trasferire il Duro Lavoro in un'Occupazione Per Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Il Nostro Movimento è Per Trasferire il Duro Lavoro in un'Occupazione Per Krishna
- Prabhupāda 0826


The Nectar of Devotion -- Vrndavana, November 4, 1972

Negli śāstra si dice: "Generalmente, in questo mondo materiale, le persone sono in rajo-guṇa." per questo prendono come un piacere l'attività laboriosa pesante. Se alcune persone sante non lavorano, essendo impegnate nel servizio devozionale o nella meditazione o nel canto, a volte viene frainteso che queste persone stanno scappando. E questo perché considerano molto bello lavorare molto duramente. Se non si lavora molto duramente lo intendono come un processo di fuga: "Sfuggono agli obblighi sociali e ad altri impegni aderendo alla vita del mendicante e quindi vivere a spese altrui." E tante altre cose. A loro piace lavorare molto duramente.

Ma il nostro Movimento per la Coscienza di Krishna sta trasformando questo lavorare duro in attività per Krishna. Questa tendenza al duro lavoro può essere utilizzata. Proprio come i filosofi māyāvādī che pensano che la lussuria e la collera sono nostri nemici. Kāma-krodha-lobha-moha-mātsarya. Ma Narottama dāsa Ṭhākura dice che anche kāma può essere utilizzata per il servizio a Krishna. Kāmaṁ kṛṣṇa-karmārpane. Se uno è molto attaccato a lavorare per Krishna, -come i karmī che lavorano molto duramente per la gratificazione dei sensi- questa tendenza può essere utilizzata. Si può fare. E, allo stesso modo, 'krodha' bhakta-dveṣi jane. Krodha, la collera, non è un bene, ma anche la collera può essere utilizzata per il servizio a Krishna. Proprio come Hanumān che si arrabbiò con Rāvaṇa per amore del Signore Rāmacandra, e appiccò il fuoco nella città d'oro di Rāvaṇa, Lankā. Utilizzò così la collera per il servizio al Signore Rāmacandra; non utilizzò mai la rabbia per la sua personale gratificazione dei sensi. In questo modo, tutto può combaciare col servizio al Signore; e come stavo spiegando ad altri, ci sono sei modi di come il puro servizio devozionale è l'unico modo per attrarre Krishna. Per attrarre Krishna non è possibile utilizzare il proprio spirito di karmī, o jñānī, o yogī. Si può attrarre Krishna semplicemente col servizio devozionale. Bhaktyā mām abhijānāti (BG 18.55). Krishna dice chiaramente: "Mi si può capire semplicemente col servizio devozionale." Bhaktyā mām abhijānāti. Le attività dei karmī, quando corrispondono col servizio a Krishna, anche lavorando così duramente, secondo la nostra tendenza...

In realtà, il servizio devozionale dipende dai principi fondamentali śravaṇaṁ kīrtanaṁ viṣṇoḥ smaraṇaṁ pāda-sevanam arcanaṁ vandanaṁ dāsyam... (SB 7.5.23). Ma all'interno della categoria del dāsyam... Proprio come Hanumān; Hanumānjī era impegnato a livello di dāsyam. Arjuna era impegnato al livello di sakhyam. Anche loro lavorarono molto duramente. Il campo di battaglia di Kurukṣetra non era un luogo in cui sedersi con facilità e silenziosamente. Quando era in battaglia combatteva da soldato. Assunse tutti i doveri di un soldato. Ma è stata combattuta per Krishna. Questa è l'attrazione. Questo è puro servizio devozionale. Anche Krishna lo certificò: bhakto 'si priyo 'si (BG 4.3), "Mio caro Arjuna, tu sei il Mio caro amico e devoto." Quindi, ogni azione che corrisponde alla soddisfazione di Krishna è servizio di devozione e può attrarre Krishna, l'attenzione di Krishna. L'attenzione di Krishna può essere attratta dal servizio di devozione puro privo di motivazioni personali. E se tale compito è ricevuto attraverso la successione disciplica del maestro spirituale, quanto sarà contento Krishna!