IT/Prabhupada 0833 - Impegno a Servire Come Sannyasi Davanti a Krishna, i Vaisnava, il Guru e il Fuoco

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Impegno a Servire Come Sannyasi Davanti a Krishna, i Vaisnava, il Guru e il Fuoco
- Prabhupāda 0833


Sannyasa Initiation -- Bombay, November 18, 1975

I nostri sannyāsī lavorano veramente sodo, predicano, raccolgono denaro, ma non un centesimo per se stessi. Prima di tutto, il brahmacārī viene addestrato. Brahmacārī guru-kule vasan dānto guror hitam (SB 7.12.1). Il Brahmacārī viene formato a vivere nella sede del guru per il beneficio di guru. Lo stesso principio, quando è maturato e quando uno dedica la sua vita per il bene di Krishna ...

Beneficio di Krishna significa beneficio per tutto il mondo. Krishna vuole sarva-dharmān parityajya mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja (BG 18.66). Un sannyāsī dovrebbe andare di porta in porta. Mahad-vicalanaṁ nṛṇāṁ grhiṇāṁ dīna-cetasām (SB 10.8.4). Un sannyāsī è chiamato mahātmā. Perché è mahātmā? Perché la sua ātmā è ora più ampia. Gṛhiṇāṁ dīna-cetasām. Mahad-vicalanam. Il mahātmā viaggia o vaga di paese in paese, porta a porta -mahad-vicalanaṁ nṛṇāṁ gṛhiṇām- soprattutto per i capofamiglia, dīna-cetasām, la cui coscienza o mentalità è molto ristretta. Loro sono dīna-cetasām. Tutti questi materialista sono semplicemente interessati a come godere coi sensi; perciò sono definiti dīna-cetasām, di mentalità ristretta. Essi non hanno altri pensieri. Quindi, è dovere del sannyāsī illuminarli andando di porta in porta, di paese in paese, solo per insegnare loro riguardo lo scopo della vita. Accade tuttora in India che, se un sannyāsī va in un villaggio, la gente lo inviterà, cercando di ascoltare da lui.

State assumendo questo impegno a servire davanti a Krishna, i Vaiṣṇava, il guru e il fuoco; siate molto cauti e non dimenticate il vostro dovere. Avete una buona occasione, state andando in Africa per liberare quelle persone. Śukadeva Gosvāmī dice: kirāta-hūṇāndhra-pulinda-pulkaśā ābhīra-śumbhā yavanāḥ khasādayaḥ ye 'nye ca pāpā (SB 2.4.18). Questi gruppi di uomini sono considerati molto caduti, kirāta, gli uomini neri. Essi sono chiamati niṣāda; niṣāda è nato da Vena, il re Vena. Essi sono abituati a rubare; quindi gli è stato assegnato un luogo separato, le giungle africane. Ciò è nel Bhāgavatam. Ma tutti possono essere liberati. Kirāta-hūṇāndhra-pulinda-pulkaśā ābhīra-śumbhā yavanāḥ khasādayaḥ ye 'nye ca pāpā, sono riconosciute come vite peccaminose. Ma Śukadeva Gosvāmī dice: "Ci possono essere altri che qui non sono menzionati", ye 'nye ca pāpā yad-apāśrayāśrayāḥ, "Se si rifugiano di un Vaiṣṇava", śudhyanti, "diventano purificati."

Dovete quindi diventare Vaiṣṇava molto rigorosi, e allora sarete in grado di liberarli. Śudhyanti. Come possono venire purificati senza un'altra nascita? Prabhaviṣṇave namaḥ. Poiché il Vaiṣṇava va per liberarli, vengono potenziati dal potere di Viṣṇu. Abbiamo visto praticamente, l'ultima volta che sono andato a Nairobi, che questi africani stanno facendo buoni progressi. Stanno facendo belle domande, stanno seguendo le norme e i regolamenti. La gente africana non è tanto sofisticata, o cosiddetta civilizzata da dimenticare Dio. Ma se si lavora sinceramente, e se è possibile liberare una sola persona grazie alla vostra impresa, poi subito si viene riconosciuti da Krishna. Na ca tasmān manuṣyeṣu kaścin me priya-kṛttamaḥ (BG 18.69). Questo è il modo più rapido per venire riconosciuti da Krishna: con l'attività di predica.