IT/Prabhupada 0882 - Krishna è molto ansioso di prenderti indietro a casa da Dio, ma noi siamo testardi

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Krishna è molto ansioso di prenderti indietro a casa da Dio, ma noi siamo testardi
- Prabhupāda 0882


730413 - Lecture SB 01.08.21 - New York

Non puoi avvicinarti all' illimitato con la tua conoscenza limitata. Questo non è possibile. Così, per la grazia dei devoti come Kuntīdevī, possiamo capire che qui c'è Vāsudeva. che tutto pervade la Verità Assoluta, Paramātmā, Vāsudeva, è qui. Kṛṣṇāya vāsudevāya (SB 1.8.21). Quindi questa realizzazione di vāsudeva è possibile dagli impersonalisti dopo molte, molte nascite. Non molto facilmente.

bahūnāṁ janmanām ante
jñānavān māṁ prapadyate
vāsudevaḥ sarvam iti
sa mahātmā sudurlabhaḥ
(BG 7.19)

Sudurlabhaḥ, "molto raro" mahātmā, "larghe vedute". Ma uno che non riesce a capire Kṛṣṇa, sono di mentalità storpia. Essi non sono di larghe vedute. Se uno diventa di larghe vedute, poi, con la grazia di Kṛṣṇa, egli può comprendere Kṛṣṇa.

Sevonmukhe jihvādau (Bhakti-rasamrta-sindhu 1.2.234). Il processo è sevonmukha, servizio. Servizio, comincia con la lingua, la realizzazione di vāsudeva è possibile. Il servizio, il primo servizio è śravaṇaṁ kīrtanam (SB 7.5.23). Canta il mantra Hare Kṛṣṇa, ascolta ripetutamente, e prendi prasāda. Queste sono le due attività della lingua. Quindi realizzerai. Il metodo è molto semplice. Sevonmukhe hi jihvādau svayam... Kṛṣṇa rivelerà, non che per il tuo sforzo puoi capire Kṛṣṇa, ma il tuo impegno nel servizio d'amore, che ti renderà qualificato. Kṛṣṇa rivelerà. Svayam eva sphuraty adaḥ. Kṛṣṇa è molto ansioso per portarti a casa, ritornare da Dio. Ma noi siamo testardi. Noi non vogliamo. Così Lui sta sempre cercando l'opportunità come tu puoi ritornare a casa, da Dio. Proprio come un padre affezionato. Il figlio mascalzone ha lasciato suo padre, bighellonare per strada senza rifugio, senza cibo, soffrendo molto. Il padre è più ansioso di prendere a casa il ragazzo. Similmente, Kṛṣṇa è il padre supremo. Tutti questi esseri viventi in questo mondo materiale, sono esattamente come un bambino fuorviato di un grande padre, ricco uomo, che vagabonda per strada. Così il più grande beneficio per la società umana è quello di dargli la Coscienza di Kṛṣṇa. Maggiore... Tu non puoi dare nessun beneficio; qualsiasi tipo di profitto materiale non soddisferà l'essere vivente. Se ha dato questa coscienza di Kṛṣṇa... Proprio come lo stesso processo. Un ragazzo disorientato si bighellona nella strada. Se gli ricorda: "Mio caro ragazzo, perché soffri così tanto? Tu sei il figlio di questo e quest'altro uomo molto ricco. Tuo padre ha avuto così tante proprietà. Perché bighellonare per strada? " E se viene alla sua coscienza: "Sì, io sono il figlio di questo e questo grande uomo. Perché devo bighellonare per strada?" Lui torna a casa. Yad gatvā na nivartante (BG 15.6).

Quindi questo è il miglior servizio, per informarlo che "Tu sei parte integrante di Kṛṣṇa. Tu sei figlio di Kṛṣṇa. Kṛṣṇa è opulento, sei tipi di opulenza. Perché sei in viaggio, perché stai marcendo in questo mondo materiale?" Questo è il più grande servizio, coscienza di Kṛṣṇa. Ma māyā è molto forte. Tuttavia, è il dovere di ogni kṛṣṇa-bhakta, di cercare di illuminare tutti alla coscienza di Kṛṣṇa. Proprio come Kuntīdevī sta indicando. Prima di tutto, lei ha detto, alakṣyaṁ sarva-bhūtānām antar bahir avasthi (SB 1.8.18)... Sebbene Kṛṣṇa, la Persona Suprema, è dentro e fuori, ancora, ai mascalzoni e sciocchi, Egli è invisibile. Quindi lei sta precisando: "Qui è il Signore, kṛṣṇāya vāsudevāya (SB 1.8.21)." Egli è l'onnipresente Persona Suprema di Dio, ma Lui è molto contento di diventare figlio di Devaki. Devakī-nandanāya. Devakī-nandanāya. Devakī-nandana è menzionato anche nell' Atharva-Veda. Kṛṣṇa si presenta come Devakī-Nandana, e suo padre putativo è Nanda-Gopa, Nanda Mahārāja.