IT/Prabhupada 0893 - Questa è l'intenzione interiore di tutti. Nessuno vuole lavorare

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Questa è l'intenzione interiore di tutti. Nessuno vuole lavorare
- Prabhupāda 0893


730417 - Lecture SB 01.08.25 - Los Angeles

Devoto: Traduzione: "Vorrei che tutte quelle calamità sarebbero successe più e più volte in modo da poterti vedere ancora e ancora, per vederti significa che non saremo più soggetti alle nascite e morti ripetute."

Prabhupāda: Questo è un verso molto interessante, questo vipada, calamità, pericolo, questo va molto bene, se tale pericolo e calamità mi fanno ricordare di Kṛṣṇa. Questo va molto bene. Tat te 'nukampāṁ su-samīkṣamāṇo bhuñjāna evātma-kṛtaṁ vipākam (SB 10.14.8). Un devoto, come egli riceve una posizione pericolosa? Pericolo deve essere lì. Pericolo ... Perché questo luogo, questo mondo materiale è pieno di pericoli. Queste persone sciocche, non sanno che. Stanno cercando di evitare i pericoli. Questo è una lotta per l'esistenza. Ognuno sta cercando di diventare felice e evitare il pericolo. Questo è il business materiale. Ātyantika-sukham. Ātyantika-sukham. Felicità finale. Un uomo lavora e pensa: "Fammi lavorare molto duro adesso, e permettimi di avere qualche conto in banca così quando sarò vecchio, dovrei godermi la vita senza dover lavorare." Questa è l'intenzione interiore di ognuno. Nessuno vuole lavorare. Appena riceve dei soldi, vuole ritirarsi dal lavoro, e diventare felice. Ma ciò non è possibile. Non si può essere felici in questo modo. Qui si dice: apunar bhava-darśanam (SB 1.8.25). Il vero pericolo è... Lei parla di apunaḥ. Apunaḥ significa... A significa non, e punar bhava significa ripetizione della nascita e della morte. Il vero pericolo è la ripetizione della nascita e della morte. Questo deve essere fermato. E non questo cosiddetto pericolo. Questo è tutto... Il mondo materiale è pieno di pericoli. Padaṁ padaṁ yad vipadām (SB 10.14.58). Proprio come se sei nell'oceano. Se sei nell'oceano, potresti avere una forte nave, una nave molto sicura, ma questo non ti assicura. Perché sei nell'oceano, in qualsiasi momento ci potrebbe essere un pericolo. Forse vi ricordate del vostro paese, non c'era, cos`è questo, Titanic?

Devoto: Titanic.

Prabhupāda: Tutto era al sicuro, ma al primo viaggio è stato affogato, e uomini importanti del vostro paese, hanno perso la loro vita. Quindi il pericolo ci deve essere, perché ti trovi in una posizione pericolosa. Questo mondo materiale in se stesso è pericoloso. Quindi la nostra attività è... Quel pericolo deve essere lì. Ora la nostra attività dovrebbe essere come attraversare l'oceano il più presto possibile. Finché si è nell'oceano, si è in una posizione pericolosa, nonostante forte la tua nave possa essere. Questo è un dato di fatto. Quindi non dovresti essere disturbato dalle onde del mare. Basta provare ad attraversare il mare. Andare verso l'altro lato. Questo è il tuo business. Similmente, così a lungo siamo in questo mondo materiale, ci devono essere calamità pericolose perché questo è un luogo di calamità. Così il nostro business è, anche all'interno di queste calamità, pericoli, come sviluppiamo la nostra coscienza di Kṛṣṇa e, dopo aver lasciato questo corpo, torniamo a casa, da Krishna. Questo dovrebbe essere il nostro business. Non dobbiamo essere disturbati da queste cosiddette calamità. Loro non sono le cosiddette; loro sono reali.