IT/Prabhupada 0896 - Quando vendiamo libri, questa è la coscienza di Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Quando vendiamo libri, questa è la coscienza di Krishna
- Prabhupāda 0896


730417 - Lecture SB 01.08.25 - Los Angeles

Tyaktvā dehaṁ punar janma naiti mām eti Kaunteya (BG 4.9). Se diventi avanzato nella coscienza di Kṛṣṇa, allora il risultato sarà, dopo aver lasciato questo corpo ... Kṛṣṇa dice tyaktvā deham, dopo aver lasciato questo corpo, punar janma Naiti, non prendi di nuovo nascita in questo mondo materiale. Questo è voluto. Supponiamo che sono molto comodo in questo momento. Il mio corpo è mantenuto in una posizione molto comoda, ma c'è la morte, e c'è un'altra nascita. Così, dopo aver lasciato questo corpo, se ricevo il corpo di un cane e di un gatto, allora qual è il significato di questa posizione comoda? Perché la morte è certa, e janmāntaṁ, tataḥ dehāntaram. Dehāntaram significa che devi accettare un altro corpo. Se non sai che tipo di corpo stai per prendere ... Puoi saperlo. Questo è affermato negli śāstra, se hai ottenuto questa o quell'altra mentalità, tu ottieni questo o quell'altro corpo. Quindi, in una posizione comoda, se tengo me stesso in una mentalità di cane, poi ottengo nella mia prossima vita il corpo di un cane. Allora qual è il valore di questa posizione comoda? Posso essere in una posizione comoda per 20 anni, 50 anni, o al massimo, 100 anni. E dopo questa posizione comoda, quando lascio questo corpo, se, a causa della mia mentalità, divento un cane o un gatto o un topo, allora qual è il vantaggio di questa posizione comoda? Queste persone non sanno questo. Pensano, soprattutto in questa epoca che: "Ora sono in una posizione comoda. Ho avuto abbastanza soldi. Ho avuto abbastanza beni. Ho avuto abbastanza comfort, cibo a sufficienza. Così, non appena il corpo è finito, quindi non sto andando a prendere di nuovo nascita. Finché sto vivendo, lasciatemi godere la vita. " Questa è la filosofia moderna, l'edonismo. Ma non è questo il fatto. Kuntī è dunque in ansia: apunar bhava-darśanam (SB 1.8.25). Apunar bhava, non da ripetere. Se vedi sempre Kṛṣṇa, questa è la coscienza di Kṛṣṇa. Coscienza di Kṛṣṇa significa sempre pensare a Kṛṣṇa. La tua coscienza dovrebbe essere assorta nel pensiero di Kṛṣṇa.

Quindi diamo diverse varietà di impegno, coscienza di Kṛṣṇa. Non dobbiamo deviare la nostra energia. Ora, quando stiamo vendendo un libro ... Questa è la coscienza di Kṛṣṇa; noi stiamo vendendo un libro. Ma se pensiamo che la vendita di libri può essere deviata con la vendita di gioielli, questa non è una buona idea. Questa non è una buona idea. Allora diventiamo di nuovo gioiellieri. Punar mūṣika bhava. Diventa ancora un topo. Dobbiamo essere molto attenti. La nostra coscienza di Kṛṣṇa non può essere deviata. Allora stai andando all'inferno. Anche se c'è pericolo, anche se c'è sofferenza nella coscienza di Kṛṣṇa, dovremmo tollerare. Questa è l'istruzione di ... Dovremmo accogliere tale pericolo. E pregare a Kṛṣṇa. Cos'è questa preghiera? Tat te 'nukampāṁ su-samīkṣamāṇaḥ (SB 10.14.8). "Mio caro Signore, è per la tua grande misericordia che sono stato messo in questa posizione pericolosa." Questo è il punto di vista del devoto. Non prende il pericolo come pericolo. Prende: "È la misericordia di Krsna." Che tipo di misericordia? Ora bhuñjāna evātma-kṛtaṁ vipākam. "A causa delle mie attività passate, dovevo soffrire così tanto. Ma Tu hai attenuanto questa sofferenza, dandomi solo un pò di sofferenza."