IT/Prabhupada 0895 - Un devoto non prende mai una posizione pericolosa come una posizione molto calamitosa. Egli la accoglie

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Un devoto non prende mai una posizione pericolosa come una posizione molto calamitosa. Egli la accoglie
- Prabhupāda 0895


730417 - Lecture SB 01.08.25 - Los Angeles

Così hai ottenuto questa lingua. Puoi cantare Kṛṣṇa, Hare Kṛṣṇa. Immediatamente diventi direttamente in contatto con Kṛṣṇa. Immediatamente. Perché il nome Kṛṣṇa e Kṛṣṇa-persona non è diverso. È identico. Quindi, anche se pensi che Kṛṣṇa è lontano, molto lontano ... Kṛṣṇa non è lontano, molto lontano. Kṛṣṇa è dentro di te. Non è molto lontano. È lontano, allo stesso tempo più vicino. Quindi, anche se pensi che Kṛṣṇa è lontano, lontano, il Suo nome è lì. Canti Hare Kṛṣṇa, Kṛṣṇa diventa immediatamente disponibile. Aniyamitaḥ. E per rendere Kṛṣṇa disponibile con questa scorciatoia, non vi è alcuna regola dura e veloce. Si può cantare in qualsiasi momento. Immediatamente si ottiene Krsna. Basta vedere la misericordia di Krsna.

Quindi Mahaprabhu dice: etādṛśī tava krpa. "Mio caro Signore, mi hai dato belle facilità per contattarti. ma durdaiva, ma il mio, io sono così sfortunato, non ho nessun attaccamento per queste cose. Non ho alcun attaccamento. Ho avuto così tanti attaccamenti per altre cose. Ma non ho avuto attaccamento per il canto Hare Kṛṣṇa. Questa è la mia sfortuna." Kṛṣṇa ha dato così tante facilità, che Egli è presente dinanzi a te con la vibrazione trascendentale del Suo nome, e il nome ha tutte le potenze di Kṛṣṇa. Quindi, se rimani in contatto con il nome, ottieni tutto il beneficio della benedizione di Kṛṣṇa, ma ancora, non sono incline a cantare il mantra Hare Kṛṣṇa. Questa è sfortuna.

Così un devoto non prende mai la posizione pericolosa come una posizione inversa o una posizione molto calamitosa. Egli l' accoglie. Perché è un'anima arresa, sa che entrambi pericolo o festival, sono tutte diverse dimostrazioni di Kṛṣṇa. Kṛṣṇa è assoluto. Negli śāstra si dice che proprio come ci sono due tipi, due lati, la religiosità e irreligiosità, esattamente l'opposto. Ma negli śāstra si dice la religiosità è giusto la parte frontale di Dio, e irreligiosità è la parte posteriore di Dio. Così la parte anteriore di Dio o la parte posteriore, c'è qualche differenza? Dio è assoluto. Pertanto un devoto, sia nell' opulenza o nel pericolo, non è disturbato. Egli sa che entrambe queste cose sono Kṛṣṇa. Sia in una posizione pericolosa ... "Ora Kṛṣṇa è apparso davanti a me come pericolo."

Proprio come Hiraṇyakaśipu e Prahlāda Mahārāja e Nrsiṁhadeva. Nṛsiṁhadeva è pericoloso per Hiraṇyakaśipu, ed Egli è il Supremo amico di Prahlāda Mahārāja, la stessa personalità. Allo stesso modo Dio non è mai pericoloso per il devoto. Il devoto non ha mai paura dei pericoli. Lui è fiducioso che il pericolo, è un'altra caratteristica di Dio. "Allora, perché aver paura? Mi sono arreso a Lui." Così Kuntīdevī dice che: vipadaḥ santu. Vipadaḥ santu tāḥ śaśvat. Perché lui, lei sa come ricordare Kṛṣṇa nei momenti di pericolo. Così egli è, lei da il benvenuto al pericolo. "Mio caro Signore, accolgo con favore tali pericoli quando mi ricordo di Te". Proprio come Prahlāda Mahārāja, pensava sempre di Kṛṣṇa quando suo padre lo stava mettendo in una situazione pericolosa. Quindi, se sei messo in una situazione pericolosa, e se quella situazione pericolosa dà un impulso per ricordare Kṛṣṇa, questo è il benvenuto. Questo è il benvenuto. "Oh, ho avuto l'occasione per ricordare Kṛṣṇa." Così come è il benvenuto? È benvenuto perché vedi Kṛṣṇa come il mezzo. Sto avanzando nella mia vita spirituale in modo che non dovrò più soffrire di questa posizione pericolosa.