IT/Prabhupada 0898 - Perché sono diventato un devoto, non ci sarà nessun pericolo, nessuna sofferenza. No!

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Perché sono diventato un devoto, non ci sarà nessun pericolo, nessuna sofferenza. No!
- Prabhupāda 0898


730417 - Lecture SB 01.08.25 - Los Angeles

Prabhupāda: la coscienza di Kṛṣṇa non può essere disturbata in qualsiasi circostanza. Anche se c`è una pesante sofferenza. Questa è l'istruzione di Kuntīdevī. Kuntīdevī, accoglie, accogliente: vipadaḥ santu tāḥ tatra ta... ... Sia ... Perché, prima di vincere la battaglia di Kuruksetra, tutti questi Pāṇḍavas sono stati messi in tante posizioni pericolose. Questo è già descritto nei versi precedenti. A volte gli sono stati offerti del veleno, a volte sono stati messi in una casa di lacca, e fu dato fuoco. A volte grandi, grandi demoni, mangiatori di uomini, e grandi, grandi combattenti. Ogni volta ... Hanno perso il loro regno, hanno perso la loro moglie, hanno perso il loro prestigio. Sono stati cacciati nella foresta. Piena con pericoli. Ma in tutti questi pericoli, Kṛṣṇa era lì, con tutti quei pericoli. Quando Draupadī stava per essere denudata, Kṛṣṇa era lì fornendo la stoffa. Kṛṣṇa è sempre lì.

Pertanto Bhīṣmadeva, mentre stava morendo ... Era il nonno dei Pāṇḍavas. Così, quando i Pāṇḍavas andavano a vederlo sul letto di morte, così si lamentò: "Questi ragazzi, i miei nipoti, sono tutti molto pii. Mahārāja Yudhiṣṭhira, la più elevata persona pia. Il suo nome è Dharmarāja, il re della religiosità. Egli è il fratello maggiore. E Bhīma e Arjuna, sono devoti e così grandi eroi. Possono uccidere migliaia di uomini. Sono così potenti. Così Yudhiṣṭhira, Yudhiṣṭhira è lì, e Bhīma è lì. Arjuna è lì, e Draupadī è direttamente la Dea della Fortuna. C'era questa ingiunzione che dovunque Draupadī si trovasse, non ci sarebbe stata scarsità di cibo. In questo modo, la combinazione era così bella e sopratutto, Kṛṣṇa è sempre con loro, e ancora stanno soffrendo ". Così cominciò a piangere: " Non so cos'è l'arrangiamento di Kṛṣṇa, questi tali uomini pii, tali devoti, anche loro soffrono."

Quindi non credere che: "Perché sono diventato un devoto, non ci sarà alcun pericolo, né sofferenza." Prahlāda Mahārāja ha sofferto così tanto. I Pāṇḍavas hanno sofferto così tanto. Haridāsa Ṭhākura ha sofferto così tanto. Ma non dovremmo essere disturbati da quelle sofferenze. Dobbiamo avere la ferma fede, ferma convinzione che: "Kṛṣṇa è lì Lui mi darà protezione.". Kaunteya pratijānīhi na me bhaktaḥ praṇaśyati (BG 9.31). Non cercare di prendere beneficio da altri rifugi che non sono Kṛṣṇa.Prendi sempre Kṛṣṇa.

Krishna dice: kaunteya pratijānīhi na me bhaktaḥ praṇaśyati. "Mio caro Arjuna, puoi dichiarare al pubblico che i Miei devoti non sono mai sconfitti." Perché è stato dichiarato e consigliato di essere fatto da Arjuna? Perché non ha dichiarato se stesso? Vi è un certo punto. Perché questa dichiarazione, se fatta da Kṛṣṇa, ci poteva essere una violazione perché a volte lui ha violato la sua promessa. Ma se il suo devoto promette, non sarà mai violato. Questo è il business di Kṛṣṇa. "Oh, il mio ​​devoto ha dichiarato questo. Devo vedere che sia eseguito." Questa è la posizione di Kṛṣṇa. È così tanto attaccato al suo devoto. Perciò Egli ha detto che: "Tu dichiara. Se io dichiaro, la gente forse non crederà. Ma se tu dichiari, loro crederanno. Perché tu sei un devoto. La tua dichiarazione non sarà mai ... "

Yasya prasādād bhagavat- prasadah. Kṛṣṇa vuole vedere che: "la promessa del mio devoto è adempiuta. La mia promessa forse non può essere adempiuta, può essere rotta. "Quindi questa è la coscienza di Kṛṣṇa. Dobbiamo aderire alla coscienza di Kṛṣṇa in, in ogni circostanza, anche nella posizione più pericolosa. Dobbiamo tenere la nostra fede ai piedi di loto di Kṛṣṇa, e non ci sarà alcun pericolo. Grazie mille.

Devoto: Jaya Śrīla Prabhupāda!