IT/Prabhupada 0899 - Dio significa senza concorrenza: Uno. Dio è Uno. Nessuno è più grande di lui

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dio significa senza concorrenza: Uno. Dio è Uno. Nessuno è più grande di lui
- Prabhupāda 0899


730415 - Lecture SB 01.08.23 - Los Angeles

Traduzione: "O Hṛṣīkeśa, maestro dei sensi e Signore dei signori, Tu hai liberato Tua madre, Devakī, che fu per lungo tempo imprigionata e afflitta dall' invidioso re Kaṁsa, e io e i miei figli da una serie di costanti pericoli."

Prabhupāda: Quindi questa è la posizione dei devoti, Devakī, che guarda a caso è la madre di Kṛṣṇa... Non è una donna comune. Chi può diventare la madre del Signore Supremo? Il devoto più avanzato, in modo che Kṛṣṇa ha accettato di diventare suo figlio. Nella sua vita precedente, marito e moglie, sono stati sottoposti a severe austerità, e quando Kṛṣṇa apparve davanti a loro e ha voluto dare loro la benedizione, volevano un figlio come Dio. Allora, dove può essere un'altra persona uguale a Dio? Questo non è possibile. Dio significa che non ci sono uguali, non c'è uno più grande. Asamordhva. Questo è Dio. Dio, non ci può essere alcuna concorrenza, che "Tu sei Dio, io sono Dio, lui è Dio, è Dio." No. Questi sono cani. Loro non sono Dio. Dio significa senza concorrenza: uno. Dio è uno. Nessuno è grande ... asamordhva. Nessuno è più grande di lui. Nessuno è uguale a Lui. Ognuno è inferiore. Ekale īśvara kṛṣṇa āra saba bhṛtya (CC Adi 5.142). L'unico maestro è Kṛṣṇa, Dio; e tutti gli altri sono i suoi servitori. Non importa. Anche se Brahmā, Viṣṇu e Śiva, grandi, grandi esseri celesti. E che dire degli altri?

Śiva-viriñci-nutam (SB 11.5.33). Negli śāstra è detto che Egli è rispettato da Śiva e Brahmā. Loro sono gli esseri celesti più elevati. Loro sono esseri celesti. Sopra gli esseri umani, loro sono esseri celesti. Dato che siamo esseri umani, al di sopra delle creature inferiori, animali inferiori, allo stesso modo, al di sopra di noi ci sono gli esseri celesti. E gli esseri celesti più importanti sono Brahmā, e Śiva. Brahmā è il creatore di questo universo, e Śiva è il distruttore di questo universo. E Sri Viṣṇu è il mantenitore. Sri Viṣṇu è Kṛṣṇa. Così, per il mantenimento di questo mondo materiale ci sono tre guṇas, sattva-guṇa, rajo-guṇa, tamo-guṇa. Così ognuno di loro ha preso in carico un reparto. Così Sri Viṣṇu ha preso il dipartimento del sattva-guṇa, e Brahmā ha preso il dipartimento del Rajo-guṇa, e Śiva ha preso il dipartimento del tamo-guṇa. Loro non sono sotto l'influenza di questi guṇas. Proprio come un, il sovrintendente del carcere. Non è un prigioniero; lui è l'ufficiale di controllo. Allo stesso modo Śiva, Viṣṇu, Brahmā,, anche se stanno controllando ogni reparto, loro non sono sotto il dipartimento di controllo. Non possiamo commettere errori.

Così Hṛṣīkeśa. Kṛṣṇa è il controllore supremo. Hṛṣīka. Hṛṣīka significa sensi. Quindi stiamo godendo i nostri sensi, ma in ultima analisi, il controllore è Kṛṣṇa. Supponiamo che questa è la mia mano. Io dichiaro che questa è la mia mano: "Potrei darti un buon pugno sul tuo ..." Sono molto orgoglioso. Ma io non sono il controllore. Il controllore è Kṛṣṇa. Se, se Egli ritira il potere delle attività del tuo braccio, tu diventi paralizzato. Anche se stai dichiarando "È la mia mano. La userò," ma quando è paralizzata, non puoi fare niente. Quindi forse ho posseduto questa mano per la grazia di Kṛṣṇa, ma non sono il controllore. Questa è la coscienza di Kṛṣṇa. Quindi un uomo sano di mente penserà che in ultima analisi, se questa mano è controllata da Kṛṣṇa, vuol dire che è per Kṛṣṇa. Questo è comprensibilmente buon senso.