IT/Prabhupada 0905 - Vieni alla reale coscienza, che tutto appartiene a Dio

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Vieni alla reale coscienza, che tutto appartiene a Dio
- Prabhupāda 0905


730418 - Lecture SB 01.08.26 - Los Angeles

Quindi quelli che sono intossicati, non possono capire. Pensano: "È la mia proprietà. Ho rubato, ho rubato questa terra d'America dai pellerossa. Ora è la mia proprietà. " Ma lui non sa che è un ladro. È un ladro. Stena eva sa ucyate (BG 3.12). Nella Bhagavad-gītā. Uno che prende la proprietà di Dio, e dichiara che è la sua, è un ladro. Stena eva sa ucyate. Quindi abbiamo avuto l'idea comunista, il devoto, la persona cosciente di Kṛṣṇa. Abbiamo ottenuto un programma comunista per la coscienza di Kṛṣṇa. Che cos'è? Questo, tutto appartiene a Dio. Proprio come stanno pensando che tutto appartiene allo Stato. Questi comunisti, questa Mosca, moscoviti, o il russo o il cinese, stanno pensando allo stato saggio. Ma non stiamo pensando allo stato saggio. Stiamo pensando a Dio-saggio. Tutto appartiene a Dio. La stessa filosofia. Si estende. Semplicemente si richiede poca intelligenza, poca intelligenza. Perché pensi che questo stato appartiene a un limitato numero di persone? Se tu pensi che c'è la popolazione, la popolazione americana, questa terra d'America appartiene a questa popolazione. Perché pensi così? Pensi che sia di proprietà di Dio.

Così ogni essere vivente è un figlio di Dio. Dio è il Padre Supremo .Kṛṣṇa dice: ahaṁ bīja-pradaḥ pitā. "Io sono il padre che dà il seme a tutti gli esseri viventi." Sarva-yoniṣu Kaunteya (BG 14.4). "In qualsiasi forma loro vivano, sono tutti esseri viventi, sono i miei figli." In realtà questo è il fatto. Noi tutti, esseri viventi, siamo figli di Dio. Ma abbiamo dimenticato. Per questo stiamo combattendo. Proprio come in una bella famiglia, se qualcuno sa: «il padre ci sta fornendo cibo. Quindi noi fratelli, perché dovremmo combattere? " Similmente se diventiamo coscienti di Dio, se diventiamo coscienti di Kṛṣṇa questa lotta sarà finita. "Sono americano, sono indiano, sono russo, sono cinese". Tutte queste cose senza senso finiranno. Il movimento per la coscienza di Kṛṣṇa è così bello. Non appena le persone diventano coscienti di Kṛṣṇa, questa lotta, questa lotta politica, la lotta nazionale, sarà immediatamente finita. Perché verranno alla vera coscienza, che tutto appartiene a Dio. E come i bambini, un bambino della famiglia ha il diritto di prendere vantaggi dal padre, Allo stesso modo, se tutti sono parte integrante di Dio, se ognuno è figlio di Dio, poi ognuno ha il diritto di utilizzare la proprietà del padre. Quindi questo diritto non è questo diritto, il diritto appartiene all'essere umano. Secondo la Bhagavad-gītā, questo diritto appartiene a tutti gli esseri viventi. Non importa se è un essere vivente o un animale o alberi, o uccelli o un animale o un insetto. Questa è la coscienza di Kṛṣṇa. Noi non pensiamo in termini di, che semplicemente mio fratello è bravo, io sono bravo. E tutto è negativo. Questo tipo di restrizione, coscienza storpia, la odiamo, noi la cacciamo. Pensiamo: paṇḍitāḥ sama-darśinaḥ (BG 5.18). Nella Bhagavad-gītā troverai.

vidyā-vinaya-sampanne
brāhmaṇe gavi hastini
śuni caiva śva-pāke ca
paṇḍitāḥ sama-darśinaḥ
(BG 5.18)

Colui che è Paṇḍita, uno che è erudito, vede ogni essere vivente sul piano di parità. Quindi un Vaiṣṇava è così compassionevole. Lokānāṁ hita-kāriṇau. Loro possono effettivamente fare il lavoro benefico per l'essere umano. Loro vedono, in realtà hanno la sensazione che tutti questi esseri viventi, sono parte e particelle di Dio. In un modo o nell'altro, sono caduti in contatto con questo mondo materiale, e, in base al loro karma, hanno assunto diversi tipi di corpi. Così Paṇḍita, coloro che sono eruditi, non hanno alcuna discriminazione questo: "Questi sono animali, dovrebbero essere mandati al macello, e questo è l'uomo, che mangerà. «No. Una persona davvero cosciente di Kṛṣṇa è gentile con tutti. Perché gli animali dovrebbero essere macellati? Per questo la nostra filosofia è di non mangiare carne. Non mangiare carne. Non puoi. Loro non ci sentiranno. "Oh, cos`è questa assurdità? Questo è il nostro cibo. Perché non dovrei mangiarlo?" Perché edhamāna-madaḥ (SB 1.8.26). Lui è un mascalzone intossicato. Egli non sentirà il fatto reale.