IT/Prabhupada 0982 - Non appena otteniamo un auto, per quanto guasta sia, pensiamo che sia molto bella

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non appena otteniamo un auto, per quanto guasta sia, pensiamo che sia molto bella
- Prabhupāda 0982


720905 - Lecture SB 01.02.06 - New Vrindaban, USA

Così il Bhāgavata dice yasyātma-buddhiḥ kuṇape tri-dhātuke, Io non sono questo corpo. Questo è un veicolo. Proprio come quando guidiamo una macchina, guidare l'auto. Io non sono questa macchina. Allo stesso modo, questa è un yantra, auto, un auto meccanica. Kṛṣṇa o Dio mi ha dato questa vettura, la volevo. Questo è affermato nella Bhagavad-gītā, īśvaraḥ sarva-bhūtānāṁ hṛd-deśe 'rjuna tiṣṭhati (BG 18.61). "Mio caro Arjuna, il Signore come Paramātmā è seduto nel cuore di tutti." Bhrāmayan sarva-bhūtāni yantrārūḍhāni māyayā (BG 18.61): "ed Egli sta dando la possibilità allessere vivente di viaggiare, di vagare," sarva-bhūtāni, "in tutto l'universo." Yantrārūḍhāni māyayā, cavalcando una macchina, guidare una macchina data dalla natura materiale. Quindi la nostra posizione attuale è che io sono l'anima, Mi è stata data una bella macchina - non è una bella macchina, ma non appena abbiamo una macchina, per quanto guasta sia, pensiamo che sia molto bella, (risate) e ci identifichiamo con quella macchina. "Ho avuto questa macchina, ho avuto quella macchina." Uno dimentica ... Se uno guida una macchina molto costosa, dimentica di essere un uomo povero. Lui pensa che "io sono questa macchina." Questa è l'identificazione.

yasyātma-buddhiḥ kuṇape tri-dhātuke sva-dhīḥ kalatrādiṣu Bhauma ijya-dhīḥ (SB 10.84.13). Chi pensa che questo corpo sia come se stesso, come se stesso, e le relazioni corporee, sva-dhīḥ, "Loro sono il mio proprio. Mio fratello, la mia famiglia, la mia nazione, la mia comunità, la mia società" tante cose, il mio, io e il mio. Malinteso di "io" come questo corpo e malinteso di "mio" in relazione con il corpo. Yasyātma-buddhih kuṇape tri-dhātuke sva-dhīḥ kalatrādiṣu bhauma ijya-dhīḥ (SB 10.84.13). Bhauma ijya-dhīḥ, bhūmi, bhūmi significa terra. Ijya-dhīḥ, ijya significa adorazione. Quindi in questo momento è molto fortemente concepito che "Io sono questo corpo" e "Io sono americano," "Io sono indiano", "Io sono europeo", "Io sono indù," "Io sono musulmano" "Io sono brāhmaṇa, " "Io sono kṣatriya," "Io sono śūdra,", "Io sono questo, quelli ...", così tanti. Questo è molto forte e Bhauma ijya-dhīḥ, questo perché sono identificato con un certo tipo di corpo, e da dove il corpo è venuto fuori, la terra è degna di adorazione. Questo è il nazionalismo. Così yasyātma-buddhih kuṇape tri-dhātuke sva-dhīḥ kalatrādiṣu bhauma ijya-dhīḥ (SB 10.84.13), yat tīrtha-buddhiḥ salile, e tīrtha, luogo di pellegrinaggio.

Andiamo, prendiamo un bagno nel fiume, come i cristiani, prendono il bagno nel fiume Giordano, o gli indù, che vanno a Hardwar, prendono il bagno nel Gange, o a Vṛndāvana, prendono il bagno. Ma pensano che prendendo un bagno in quell'acqua, il suo lavoro ... il suo lavoro è finito. No. In realtà il lavoro è quello di andare in tali luoghi di pellegrinaggio, luoghi sacri, per scoprire, esperienza, progresso spirituale. Perché molti uomini spiritualmente avanzati, vivono là. Quindi uno dovrebbe andare in questi luoghi e scoprire il trascendentalista esperto, e prendere lezioni da lui. Questo è veramente una cosa che si deve fare andando in pellegrinaggio. Non che semplicemente andando e prendere un bagno e l'affare è finito. No.

yasyātma-buddhiḥ kuṇape tri-dhātuke
sva-dhīḥ kalatrādiṣu bhauma ijya-dhīḥ
yat-tīrtha-buddhiḥ salile na karhicij
janeṣv abhijñeṣu...
(SB 10.84.13)

Abhijñe, uno che sa. (indistinto) Dobbiamo avvicinare una persona che conosce le cose molto bene, abhijñaḥ. Kṛṣṇa è abhijñaḥ, svarat. Similmente il rappresentante di Kṛṣṇa è anche abhijñaḥ, naturalmente. Se uno associa con Kṛṣṇa, se uno parla con Kṛṣṇa, egli deve essere molto abhijñaḥ, molto istruito, perché prende lezioni da Kṛṣṇa. Per questo ... la conoscenza di Kṛṣṇa è perfetta, Pertanto, perché prende conoscenza da Kṛṣṇa, la sua conoscenza è anche perfetta. Abhijñaḥ. E Kṛṣṇa parla. Non è che è fittizio, no. Kṛṣṇa-ho già detto, che Kṛṣṇa è seduto nel cuore di tutti e parla con la persona autentica. Proprio come un grande uomo che parla con una persona qualificata, egli non spreca il suo tempo a dire sciocchezze. Lui parla, questo è un dato di fatto, ma non dice sciocchezze, parla con il rappresentante autentico. Come lui sa? È affermato nella Bhagavad-gītā, teṣāṁ satata-yuktānām (BG 10.10), chi è il rappresentante autentico.