IT/Prabhupada 0987 - Non credere che morirai di fame nella coscienza di Dio. Tu non potrai mai morire di fame

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non credere che morirai di fame nella coscienza di Dio. Tu non potrai mai morire di fame
- Prabhupāda 0987


720905 - Lecture SB 01.02.07 - New Vrindaban, USA

Ora Dio ha creato questo universo. Dio ha creato la manifestazione cosmica, innumerevoli universi, ma non è interessato ad esso. Lui è interessato; Lui ha creato. Egli ci ha dato la facilità di vivere qui, ma non viene qui per godere di questo. Egli ha trovato di meglio. O a lui non importa tutte queste opulenze. Questa è un altra qualificazione di Dio. Quindi questa forma umana è fatta per comprendere Dio, e scientificamente, con piena conoscenza. Questo è descritto nello Śrīmad-Bhāgavatam. Per questo stiamo predicando questo discorso Bhāgavata. All'inizio dello Śrīmad-Bhāgavatam qual è la natura di Dio? È stato descritto, janmādy asya yataḥ anvayād itarataś ca artheṣu abhijñaḥ svarāṭ (SB 1.1.1). Dio ... Dio è consapevole, Lui sa tutto. Egli è un essere senziente. Non come una pietra morta. Se Dio non è un essere senziente, se Dio non è una persona, come tante persone potenti, persone senzienti provengono da Lui? Se il padre non è intelligente, come i figli e le figlie possono diventare intelligenti? Un cane non può dare nascita ad una persona intelligente, una persona che è intelligente, può dare alla luce bambini intelligenti. Questa è la nostra esperienza pratica. Pertanto, questa descrizione di Dio, aiśvaryasya samagrasya vīryasya yaśasaḥ śriyaḥ. Dovremmo cercare di capire che cos'é Dio. Se riesci a trovare una persona che è superiore in tutto, in ricchezza, in forza, nella bellezza, nella fama, nella conoscenza, nella rinuncia, egli è Dio. Non catturare qualsiasi quarta classe di Dio. Se sei intelligente, cerca di capire qual è il significato di Dio e ... Cerca di capire.

Così qui nel Bhagavatam, si dice che questa è la religione di prima classe. Cos'è quello? Che dà occasione ai seguaci di capire come amare Dio. Perché non dovremmo? Se Dio è grande, se il nostro padre è così grande, perché non dovremmo amarlo? Abbiamo lusingato qualcuno qui ... Avere un, diciamo, qualche milioni di dollari, lusunghiamo, e chi è il più ricco di tutti, non dovremmo amarlo? Perché? Qual è il motivo? E in realtà egli sta fornendo tutto, eko bahūnāṁ vidadhāti kāmān. Egli fornisce tutte le necessità della vita a tutti gli esseri viventi, a partire dalla formica all'elefante. Allora perché non a noi? Abbiamo dedicato tutta la nostra vita al servizio di Dio, quindi se Dio dà cibo alla formica, all'elefante, perché non a noi? Quindi non pensate che morirai di fame in coscienza di Dio. Non potrai mai morire di fame. Vai avanti con il tuo dovere, amare Dio e predicare l'amore di Dio. Sarai sempre opulento, puoi esserne sicuro. Un uomo ordinario, se lavori per lui, ti dà lo stipendio, un buon stipendio. E noi lavoriamo per Dio, non otteniamo lo stipendio? In che modo? (risate) Dobbiamo ottenere. Se veramente ami Dio, un operaio di Dio, non pensare alla tua condizione economica. Sarà supportata. Nella Bhagavad-gītā è detto, yoga-kṣemaṁ vahāmy aham (BG 9.22). Lui personalmente fornisce qualsiasi necessità. Proprio come un padre. Un piccolo bambino che è completamente dipendente dai genitori, i genitori si prendono cura dei suoi bisogni. Il bambino non chiede ai genitori, perché non può parlare. Così egli è semplicemente dipendente da Dio, semplicemente dipendente dai genitori. Semplicemente, se dipendi semplicemente da Dio, non c'è domanda del problema economico. Stai sicuro. Questo è il senso comune.

Quindi vi è scarsità di devoti di Dio in questo momento. La gente ha rifiutato Dio. Qualcuno sta dicendo: "Dio è morto". Qualcuno accetta un mascalzone come Dio. Qualcuno si dichiara come Dio. No, cerca di capire Dio scientificamente e diventa un devoto, un amante di Dio, e la tua vita avrà successo. Questo è il movimento per la coscienza di Kṛṣṇa . Non è che "il mio Dio", "Il tuo Dio", "Questa religione", "Quella religione". Dio è uno e la religione è una. Che cos'è questa religione? Amore per Dio. Questo è tutto. Non c'è un altra seconda religione. Questa è la religione. Per questo Dio viene e dice sarva-dharmān parityajya mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja (BG 18.66). Questa è la religione.