IT/Prabhupada 1001 - La coscienza di Krishna è assopita nel cuore di tutti

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

La coscienza di Krishna è assopita nel cuore di tutti
- Prabhupāda 1001


750713 - Conversation B - Philadelphia

Sandy Nixon: Ho domande che ... sto per mettere insieme un libro, sui maestri spirituali che hanno influenza o che stanno influenzando gli americani di oggi. Anche in un mini-articolo, mi piacerebbe mettere la stessa cosa insieme con solo quei pochi che sono i più importanti, per la rivista New York Times. E inoltre sto facendo un articolo per una rivista di Filadelfia i Veggenti della Coscienza Superiore. Quindi, particolarmente con il nostro libro in mente, queste domande permettono alla gente di far sapere cos'è la coscienza di Kṛṣṇa. Così a volte ti faccio delle domande, e più delle volte potrei forse rispondere me stessa, o potrebbe essere una domanda che conosco già la risposta, ma ho intenzione di chiederti come se ... Potrebbe sembrare come se fossi stupida, ma è quello che ho intenzione di fare.

La prima domanda potrebbe essere molto lunga ... ho quindici domande. Se potrei avere per tutte una risposta, mi sentirò soddisfatta. La prima è molto semplice: Che cos'è la coscienza di Kṛṣṇa?

Prabhupāda: Kṛṣṇa significa Dio, e noi siamo tutti connessi con Kṛṣṇa, Dio. Dio è il padre originale. Per questo abbiamo ottenuto un intima connessione con Kṛṣṇa. Così abbiamo dimenticato, cos'è Kṛṣṇa, Qual è il mio legame con lui, qual è lo scopo della vita. Tutte queste domande ci sono. E quando si diventa interessati a tali domande, è chiamato cosciente di Kṛṣṇa.

Sandy Nixon: Come ha fatto a svilupparsi la coscienza di Kṛṣṇa?

Prabhupāda: la coscienza di Kṛṣṇa è già lì nel cuore di tutti, ma a causa di una vita materiale condizionata, ha dimenticato. Così questo processo di cantare Hare Kṛṣṇa mahā-mantra significa far rivivere quella coscienza. È già lì. Proprio come un paio di giorni fa questi ragazzi americani, europei e ragazze, non sapevano chi è Kṛṣṇa. Ma ora hai visto ieri come il loro intero ... Quella processione, per tutta la processione, come cantavano e ballavano in estasi. Quindi pensi che è artificiale? No. Artificialmente nessuno può cantare e ballare insieme per ore. Ciò significa il risveglio della coscienza di Kṛṣṇa. È stato lì; dal processo autentico, è ora risvegliata. Questo è spiegato,

nitya-siddha kṛṣṇa-bhakti sadhya kabhu naya
śravaṇādi-śuddha-citte karaye udaya
(CC Madhya 22.107)

La coscienza di Kṛṣṇa è dormiente nel cuore di tutti. Così, quando si viene in contatto con i devoti, questa si risveglia. Proprio come essere attratto da una ragazza o ragazzo, è lì nel bambino. Quel piccolo bambino, è lì. E quando sarà giovane, allora sarà risvegliata. Non è qualcosa di artificiale. Quindi, in associazione si è risvegliata. La potenza è già lì, ma in buona associazione, sentendo parlare di Kṛṣṇa, uno è risvegliato allo stato della coscienza di Kṛṣṇa.

Sandy Nixon: Qual è la differenza tra la coscienza di Kṛṣṇa e la coscienza di Cristo?

Prabhupāda: la coscienza di Cristo è anche la coscienza di Kṛṣṇa, ma la gente non segue le regole e la regolamentazione del cristianesimo. Per questo non sono risvegliati. I comandamenti di Cristo, loro non seguono. Per questo non vengono al livello di coscienza.

Sandy Nixon: Che cosa rende unica la coscienza di Kṛṣṇa che la separa dalle altre religioni? È una religione?

Prabhupāda: Religione significa in primo luogo conoscere Dio e amarlo. Questa è la religione. E nessuno conosce Dio, che dire di amarlo. Nessuno è qualificato, in che modo conoscere Dio e come amarlo. Loro sono soddisfatti andando in chiesa: "O Dio, dacci il nostro pane quotidiano". Anche questo, non tutti vanno. Così il comunista dice che "Non andare in chiesa. Il pane potremo fornirtelo noi." Così i sfortunati, e le persone innocenti, ricevono il pane altrove, in modo di non andare in chiesa. Ma nessuno è serio di capire che cos'è Dio e come amarlo. Nessuno è serio. Per questo, nel Bhāgavatam è detto che è una religione di imbroglio. Professo qualche religione, ma non so che cos'è Dio e come amarlo. Così questo tipo di religione è una religione di imbroglio.

La religione significa conoscere Dio e amarlo. Ma generalmente, un uomo non sa cos'è Dio, e che dire di amarlo? Così dunque questa è una religione di imbroglio. Questa non è religione. Ma finora la religione cristiana è interessata, c'è un ampia possibilità di comprendere Dio, ma non si preoccupano per questo. Prendi, per esempio, il comandamento "Non uccidere". Ma nel mondo cristiano, vengono mantenuti i migliori macelli. Così come possono diventare coscienti di Dio? Disobbediscono ai comandamenti, a loro non importa cosa Gesù Cristo ha ordinato. Quindi questo non è solo nella religione cristiana. Va avanti in ogni religione. È semplicemente proclamare senza considerazione: "Io sono indù," "Io sono musulmano", "Io sono cristiano". E nessuno di loro sa cos'è Dio e come amarlo.