IT/Prabhupada 1017 - Brahma Non è il Creatore Originale. Il Creatore Originale è Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Brahma Non è il Creatore Originale. Il Creatore Originale è Krishna
- Prabhupāda 1017


720200 - Lecture SB 01.01.01 - Los Angeles

Il procedimento è proprio come l'avvicinarsi a un insegnante, al maestro spirituale, per ottenere la conoscenza. Non c'era nessuna creatura vivente visibile prima di Brahmā. Come ha ottenuto la conoscenza? La risposta è: tene brahma hṛdā ya ādi-kavaye (SB 1.1.1); ādi-kavaye, il primo essere vivente creato, Brahmā, è stato istruito dal cuore. Ciò significa che Krishna, Vāsudeva, il Signore Supremo, è situato nel cuore di tutti. Egli si trova anche nel cuore di Brahmā, si trova nel tuo cuore, nel mio cuore. E viene utilizzata la specifica parola hṛdā; hṛdā significa cuore. Egli può istruire chiunque dall'interno del cuore. Ma perché non abbiamo conoscenza di Lui? In teoria lo sappiamo, ma in pratica nel nostro stato condizionato non possiamo capire come Lui ci stia dirigendo. Ma Egli sta dirigendo, questo è un dato di fatto. Brahmā non è un essere vivente ordinario; per questo ha potuto ricevere nel cuore indicazioni dal Signore Supremo. Possiamo anche noi riceverle quando siamo qualificati, esattamente come Brahmā. Brahmā apparve per servire il Signore, per soddisfare il desiderio del Signore. Proprio come noi impieghiamo un falegname, e gli chiediamo di fare un armadio. Gli do il materiale, gli utensili, un salario, e lui crea un armadio.

Allo stesso modo, Dio ha creato gli ingredienti e anche il costruttore; e così Brahmā ha creato questo universo. Ma egli non è il creatore originale, il creatore originale è Krishna. Come tale, il proprietario originario è Krishna, perché Egli ha creato gli ingredienti. In realtà, quando si lavora in campo pratico, non possiamo creare gli ingredienti. Supponiamo di costruire un edificio molto alto, un grattacielo; gli ingredienti, cioè la terra, la pietra, il legno, il ferro, -che sono gli ingredienti della casa- quelli non li possiamo creare, sono stati creati da Dio. Noi semplicemente li trasformarmiamo. Prendiamo la terra, la sabbia dalla terra, e la mescoliamo con acqua. L'acqua è creata da Dio, la terra è creata da Dio. Poi le mescoliamo, le mettiamo insieme e ne facciamo un mattone, che mettiamo nel fuoco. Anche il fuoco è creato da Dio. In questo modo, se si studia scupolosamente, gli ingredienti e i materiali che stiamo maneggiando non sono di nostra creazione, sono creazione di Dio. Noi semplicemente li manipoliamo. E non diventano di nostra proprietà perché li manipoliamo. Questo è il senso.

Supponiamo che io sia il lavorante; gestisco alcune altre cose, i materiali, e la preparazione di qualcosa, ma questo non significa che quando la cosa viene prodotta, completata, diventa di mia proprietà. No. Come può esserlo? Pertanto, la filosofia è che tutto appartiene a Krishna, Dio. Anche io appartengo a Lui. E qualunque cosa io faccia o fabbrichi, appartiene a Lui. Questo è il senso per capire che tutto appartiene a Dio. Anche io appartengo a Dio, la mia intelligenza appartiene a Dio. Gli ingredienti o gli elementi fisici con i quali lavoriamo, appartengono anch'essi a Dio. Dov'è, quindi, la ragione per sostenere che io sono il proprietario? Questa si chiama illusione. Questo Movimento per la Coscienza di Krishna è pensato per risvegliare l'originaria coscienza nella società umana. In cani, gatti o animali, questa coscienza non può essere evocata; sono così ottusi e al livello più basso di coscienza che per loro non è possibile capire.