IT/Prabhupada 1019 - Se Prestate un Servizio a Krishna, Egli Vi Ricompenserà Cento di Volte

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Se Prestate un Servizio a Krishna, Egli Vi Ricompenserà Cento di Volte
- Prabhupāda 1019


730408 - Lecture SB 01.14.44 - New York

Yudhiṣṭhira Mahārāja poteva capire che Krishna non era più su questo pianeta; per questo vedeva così tanti segni infausti. Quando Arjuna tornò, gli chiese: «Perché sei così tetro? Hai fatto questo? Hai fatto quest'altro?" Di tutto. Ora sta concludendo: "Penso che la tua grande tristezza sia dovuta alla separazione da Krishna, come mi sento io. Kaccit preṣṭhatamenātha (SB 1.14.44). Preṣṭhatamenātha, questo è un superlativo. Come nella lingua inglese c'è positivo, comparativo e superlativo, analogamente c'è anche nel Sanscrito. Preṣṭha è positivo, preṣṭha parā è comparativo, e preṣṭhatama è il grado superlativo. Krishna è il preṣṭhatama, il prediletto, al grado superlativo. Kaccit preṣṭhatamena atha. Preṣṭhatamenātha hṛdayenātma-bandhunā. ātma-bandhu, suhṛt. In Sanscrito ci sono differenti termini: atma-bandhu, suhṛt, bandhu, mitra; tutti quanti vogliono dire 'amico', ma a differenti livelli. Mitra significa amico comune, come: "Lui è mio amico"; questo non significa che egli sia mio amico intimo. Il miglior amico è suhṛt; suhṛt significa "senza alcun tornaconto". Se si pensa di qualcuno a come lui sia felice, ciò si dice suhṛt.

E hṛdayenātma-bandhunā. Krishna pensava sempre ad Arjuna, e questa è la relazione. Krishna dice: sādhavo hṛdayaṁ mahyaṁ (SB 9.4.68). Come il devoto pensa sempre a Krishna, similmente anche Krishna pensa al devoto. Lui pensa di più. Questa è la reciprocità.

ye yathā māṁ prapadyante
tāṁs tathaiva bhajāmy aham
(BG 4.11)

Se si pensa a Krishna ventiquattro ore, Krishna penserà a voi ventisei ore. Krishna è così gentile che se fate qualche servizio per Krishna, Krishna vi ricompenserà cento volte. Ma la gente non vuole. Loro pensano: "Che beneficio avremo servendo Krishna? Serviamo il mio cane." Questo è l'equivoco. E il nostro sforzo è quello di risvegliare l'amore per Krishna assopito. Ognuno ha l'amore -ce n'è una scorta, di amore- ma se ne fa cattivo uso. Non sanno dove riporre questo amore; e siccome non lo sanno, allora sono frustrati. Sono frustrati per questo.

Così, il nostro Movimento per la Coscienza di Krishna semplicemente educa le persone dicendo: "Voi amate, impazzite per un amante appropriato che possa amare anche voi, ma non lo potete trovare in questo mondo materiale, lo troverete quando amerete Krishna." Questa è la nostra coscienza di Krishna. Non è niente di superfluo o inventato. Chiunque può capire che vuole amare qualcuno, che ne ha desiderio, ma rimane frustrato perché non ama Krishna. Questo è (indistinto). Solo se si riaccende il proprio spirito d'amore per Krishna, allora si sarà completamente soddisfatti, yayātmā suprasīdati (SB 1.2.6). Stiamo cercando la pace della mente, la piena soddisfazione, quella completa soddisfazione può essere raggiunta solo quando si impara ad amare Krishna. Questo è il segreto. In caso contrario non è possibile. Si vuole amare e ottenere soddisfazione, e ciò si compie quando si arriva al livello dell'amore per Krishna.