IT/Prabhupada 1020 - C'è Cuore Per Amare, Ma Perché Si è Così Duri di Cuore?

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

C'è Cuore Per Amare, Ma Perché Si è Così Duri di Cuore?
- Prabhupāda 1020


730408 - Lecture SB 01.14.44 - New York

Anche questi Pāṇḍava sono al livello dell'amore per Krishna. Ognuno è su quel livello, ma c'è differenza di gradi nello stesso amore. Qualcuno ama la sua famiglia, qualcuno ama la moglie, qualcuno ama la sua società o le proprie amicizie. Rimangono divise. Ma il definitivo punto finale dell'amore, è quando si arriva a Krishna. Sa vai puṁsāṁ paro dharmo (SB 1.2.6). Dharma significa dovere, o le caratteristiche; questo è il dharma. Dharma non significa fanatismo religioso. No. Non è questo il significato Sanscrito. Dharma significa 'la caratteristica reale'. Ho più volte spiegato che l'acqua è liquida; quella è la caratteristica eterna dell'acqua. Quando l'acqua diventa solida, quella non è la caratteristica eterna dell'acqua. L'acqua è per sua natura liquida. Anche quando l'acqua diventa solida, proprio come il ghiaccio, la tendenza è quella di diventare di nuovo liquida, ritornare liquida.

Così, la nostra vera posizione costituzionale è amare Krishna. Ma ora siamo diventati così duri di cuore da non amare Krishna. Proprio come l'acqua diventa dura, ghiaccio, a causa di qualche condizione circostanziale. Quando la temperatura è molto bassa, l'acqua diventa solida; analogamente, se non amiamo Krishna, allora il nostro cuore diverrà sempre più duro. C'è cuore per amare, ma perché si è così duri di cuore? Perché si è così tanto duri di cuore da uccidere un altro essere umano o un altro animale, senza curarsene, per la soddisfazione della lingua? Siamo diventati duri di cuore perché non siamo amanti di Krishna. Tutti siamo duri di cuore; perciò il mondo intero è infelice. Ma se voi, hrdayena... Per questo è detto: preṣṭhatamenātha hṛdayenātma-bandhunā (SB 1.14.44), 'se si ama Krishna, che è il nostro vero amico'; come Krishna stesso dice nella Bhagavad-gita: suhṛdaṁ sarva-bhutanam (BG 5.29). Così, quando si diventa realmente un devoto di Krishna, siccome le qualità di Krishna sono dentro di voi anche se in piccola quantità, anche voi diventate suhṛdaṁ sarva-bhūtānāṁ. suhṛdaṁ sarva-bhūtānāṁ significa: 'amico di tutti gli esseri viventi'. Suhṛdaṁ. Qual è l'attività del Vaiṣṇava? L'attività del Vaiṣṇava è quella di diventare compassionevole con le persone che soffrono materialmente. Questo è vaiṣṇavismo. Per questo la descrizione del Vaiṣṇava è:

vāñchā-kalpatarubhyaś ca
kṛpā-sindhubhya eva ca
patitānāṁ pāvanebhyo
vaiṣṇavebhyo namo namaḥ
(Śrī Vaiṣṇava Praṇāma)

Patitānāṁ pāvanebhyo, patita significa "caduto".