IT/Prabhupada 1022 - Come Prima Cosa Dobbiamo Imparare ad Amare. Questa è Religione di Prima Classe

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Come Prima Cosa Dobbiamo Imparare ad Amare. Questa è Religione di Prima Classe
- Prabhupāda 1022


730408 - Lecture SB 01.14.44 - New York

Quindi, come prima cosa dobbiamo imparare ad amare. Sa vai puṁsāṁ paro dharmo (SB 1.2.6), questa è religione di prima classe, il metodo religioso che seguite, yato bhaktir adhokṣaje. Se si sa come amare Adhokṣaja. Poi, quando si tratta di amore, allora la domanda successiva sarà: "Chi devo amare?" Pertanto, un altro nome di Krishna è Adhokṣaja. Adhokṣaja significa "oltre la vostra percezione dei sensi." Qui amiamo qualcosa che è all'interno della categoria, nella giurisdizione della nostra percezione sensoriale. Amo una ragazza o un ragazzo, o qualcuno, il mio Paese, la mia società, il mio cane, ogni cosa. Ma questo è nella giurisdizione della vostra percezione sensoriale. Ma Dio è oltre la vostra percezione sensoriale, tuttavia lo dovete amare, e questa è religione. Dio è al di là della percezione sensoriale; ma se Lo amate, anche se è oltre la percezione sensoriale, allora realizzerete Dio. Sevonmukhe hi jihvādau svayam eva sphurat adaḥ (Brs. 1.2.234). Proprio come qui adoriamo Rādhā-Kṛṣṇa. Coloro che non sono amanti di Krishna penseranno: "Queste persone sciocche, hanno portato una bambola in marmo, e stanno semplicemente perdendo il loro tempo." Vedete? Perché non hanno amore. Non amano; pertanto non possono apprezzare questa adorazione a Krishna. Per mancanza di amore. E chi è amante di Krishna è proprio come per Caitanya Mahāprabhu, che non appena entrava nel tempio di Jagannātha: "Ecco il Mio Signore", e immediatamente sveniva.

Allora, qual è la differenza? Questa è la differenza: chi ama Dio può vedere Dio presente ovunque.

premāñjana-cchurita-bhakti-vilocanena
santaḥ sadaiva hṛdayeṣu vilokayanti
(Bs. 5.38)

Se siete veramente uno che ama Dio, allora si vedrà Dio a ogni passo. Ad ogni passo, proprio come Prahlāda Mahārāja. Prahlāda Mahārāja, quando venne attaccato da suo padre, stava guardando verso la colonna; e il padre pensò che il suo Dio potesse essere lì, nel pilastro. Quindi, immediatamente: "Il tuo Dio è in questa colonna?" —Sì, ​​padre mio. E immediatamente la ruppe. Per mantenere la parola del Suo devoto, Dio ne fuoriuscì.

La comparsa e la scomparsa di Dio sono per il devoto.

paritrāṇāya sādhūnāṁ
vināśāya ca duṣkṛtām
(BG 4.8)