IT/Prabhupada 1023 - Se Dio è Onnipotente, Perché Limitate la Sua Potenza Dicendo Che Non Può Venire?

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Se Dio è Onnipotente, Perché Limitate la Sua Potenza Dicendo Che Non Può Venire?
- Prabhupāda 1023


730408 - Lecture SB 01.14.44 - New York

Dio viene per due imprese: dare protezione al devoto e uccidere i demoni. Per uccidere i demoni, Egli non ha bisogno di venire; ha un potere immenso. Chiunque può essere ucciso semplicemente per una Sua indicazione; c'è una potenza sufficiente, Durgādevī. Ma Egli viene per il Suo devoto, perché il Suo devoto è molto ansioso, è sempre alla ricerca della protezione del Supremo. Siccome il devoto sarà soddisfatto nel vederLo, allora Egli viene. Questa è la (indistinto). Perché i devoti sentono sempre la separazione; le incarnazioni di Dio vengono proprio per dar loro sollievo. Pralaya-payodhi jale dhṛtavān asi vedam (Śrī Daśāvatāra Stotra 1). Diverse manifestazioni vengono solo per dare sollievo ai devoti. In caso contrario, Egli non ha impegni. In India c'è una classe di hindu, definiti tali, ma in realtà essi sono noti come Arya-samaj. Il parere degli Arya-samaj è: "Perché Dio dovrebbe venire? Lui è così grande; perché dovrebbe venire qui?" Non credono nelle Sue incarnazioni. Anche i musulmani non credono a queste incarnazioni. Anch'essi insistono sullo stesso pretesto: "Perché Dio dovrebbe venire? Perché dovrebbe apparire come essere umano?" Ma non sanno, né possono rispondere a questa domanda: "Perché Dio non vorrebbe venire?" Dicono che Dio non può venire. Ma se pongo la domanda: "Perché Dio non può venire? Qual è la risposta?" Se Dio è onnipotente, perché limitate la Sua potenza affermando che Lui non può venire? Che tipo di Dio è? Dio è sotto la tua legge, o tu sei sotto la legge di Dio?

Quindi, questa è la differenza tra gli amanti di Dio e i demoni. I demoni non lo possono immaginare. Pensano che "Forse c'è un qualche Dio. Egli deve essere distante, senza forma." Perché hanno esperienza di questa forma, che è limitata. Per questo i filosofi māyāvādī dicono che quando Dio viene, essendo impersonale, prende la forma di māyā. Ciò viene definito māyāvādī. Essi in realtà non credono in Dio. Impersonalismo, śūnyavāda. Nirviśeṣa-śūnyavādi. Alcuni di essi sono nirviśeṣa: "Sì, ci può essere Dio, ma Egli non ha forma." E śūnyavādi, entrambi sono māyāvādī. I buddisti e i Śaṅkariti non credono. Ma noi Vaiṣṇava sappiamo come gli atei vengono ingannati. Sammohāya sura-dviṣām (SB 1.3.24). Buddha è venuto per ingannare gli atei. Gli atei non credono in Dio, così il Signore Buddha disse: "Sì, avete ragione. Non c'è Dio. Ma cercate di ascoltarmi". Ma Egli è Dio. Quindi questo è ingannare. "Non credete in Dio, ma credete in me." —Sì, Signore, crederemo". E noi sappiamo che Egli è Dio. Keśava dhṛta-buddha-śarīra jaya jagadīśa hare (Gītā Govinda, Śrī Daśāvatāra Stotra 9). Basta vedere... (indistinto).