IT/Prabhupada 1024 - Se Si Seguono Questi Due Principi, Krishna Sarà In Vostro Pugno

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Se Si Seguono Questi Due Principi, Krishna Sarà In Vostro Pugno
- Prabhupāda 1024


730408 - Lecture SB 01.14.44 - New York

Prabhupāda: A volte ingannare è necessario per la categoria di uomini meno intelligenti. Ma noi non imbrogliamo. Siamo molto schietti. Perché dovremmo ingannare? Krishna dice:

man-manā bhava mad-bhakto
mad-yājī māṁ namaskuru
(BG 18.65)

Così noi diciamo: "Per favore vieni qui. Qui c'è Krishna, e basta pensare a Lui." Dov'è la difficoltà? Ecco Rādhā-Kṛṣṇa; e se Li guardate tutti i giorni, Rādhā e Krishna Si imprimeranno naturalmente nella vostra mente, quindi, in qualsiasi luogo, ovunque, si può pensare a Rādhā-Kṛṣṇa. Dov'è la difficoltà? Man-manā. Cantate Hare Krishna, e non appena cantate "Krishna", subito si ricorda la forma di Krishna nel tempio, nāma-rūpa. Quindi, ascoltando di Krishna, si ricordano le Sue qualità, le Sue attività, nāma, guṇa, rūpa, līlā, parikara, vasiṣṭha. Potete praticare in questo modo, dov'è la difficoltà? Questo è l'inizio della pratica. In realtà Krishna è lì, ma poiché non ho occhi per vedere Krishna, sto pensando: "Dov'è Krishna? Si tratta di una pietra, una statua." Ma non sa che anche la pietra è Krishna. Anche la pietra è Krishna, anche l'acqua è Krishna, anche la terra è Krishna e anche l'aria è Krishna. Senza Krishna, non c'è altra esistenza. Questo il devoto lo può vedere. Pertanto, ogni volta che vede una pietra comunque vede Krishna. Qui l'ateo dirà: "Voi adorate la pietra". Ma non si sta adorando una pietra; essi adorano Krishna, perché sanno che non c'è nient'altro che Krishna. Premāñjana-cchurita-bhakti-vilocanena (Bs. 5.38). Dobbiamo arrivare a tale livello. Come puoi dire che la pietra non è Krishna? Dovete capire Krishna come Krishna stesso dice.

E Krishna dice nella Bhagavad-gītā:

bhūmir āpo 'nalo vāyuḥ
khaṁ mano buddhir eva ca
bhinnā prakṛtir aṣṭadhā
(BG 7.4)

"Sono Mie." Proprio come io sto parlando. Sto parlando, viene registrato, e riascolteremo. Si riprodurrà lo stesso suono. E voi saprete: "Questo è il nostro maestro spirituale." Ma io non sono lì. Il suono è diverso da me, bhinnā; bhinnā significa "separato". Ma, non appena la registrazione viene riprodotta, tutti sapranno: "Ecco Bhaktivedanta Swami." Se lo conoscete. Ciò richiede educazione. Krishna... (interruzione)

ye yathā māṁ (BG 4.11). Quindi, quanto più vi impegnate nel servizio a Krishna, più potete realizzare Krishna.

sevonmukhe hi jihvādau
svayam eva sphuraty adaḥ
(CC Madhya 17.136)

Il nostro procedimento è molto semplice, basta impegnare la propria lingua. Lasciate da parte tutti gli altri sensi. La lingua è molto forte. E la lingua è il nostro acerrimo nemico e sempre la lingua può essere l'amico più intimo. Questa lingua. Perciò gli śāstra dicono: sevonmukhe hi jihvādau, basta impegnare la propria lingua nel servizio al Signore, ed Egli sarà rivelato. Molto bene. Ora, che cosa facciamo con la lingua? Parliamo: parliamo di Krishna. Noi cantiamo: cantiamo Krishna. Mangiamo: gustiamo, mangiamo kṛṣṇa-prasāda Capirete Krishna. Qualsiasi persona sciocca, qualsiasi ignorante, o qualsiasi altra condizione di vita, può utilizzare la lingua per il servizio a Krishna. Non mangiate nulla che non sia mangiato da Krishna, e la lingua diventa il vostro amico più intimo. E non parlate di nient'altro che di Krishna. Se si seguono questi due principi, Krishna sarà nella vostra la presa.

Grazie mille.