IT/Prabhupada 1047 - Accettare un Falso Dovere e Lavorare Duro per Esso, Perciò si è Asini

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Accettare un Falso Dovere e Lavorare Duro per Esso, Perciò si è Asini
- Prabhupāda 1047


750712 - Lecture SB 06.01.26-27 - Philadelphia

Per cui, in questa forma di vita umana, dobbiamo decidere. Ma se non avete informazioni del prossimo tipo di corpo che otterrete, se non ci credete ... Lo crediate o non lo crediate, non importa; la legge di natura agirà. Se dici: "Io non credo nella prossima vita", puoi dirlo; ma la legge di natura agirà. Karmaṇā daiva-netreṇa (SB 3.31.1). In accordo a come state agendo, state preparando il prossimo corpo. Così, dopo la morte -dopo la morte significa quando questo corpo è finito- si ottiene immediatamente un altro corpo, perché avete già preparato il terreno, il tipo di corpo che otterrete.

Quindi questo uomo, Ajāmila, era impegnato nel prendersi cura di suo figlio molto bene; e tutta la mente era assorta nel bambino. (a parte : Non disturbare.) Perciò egli è stato descritto come mūḍha. Qui si dice, bhojayan pāyayan mūḍhaḥ (SB 6.1.26). Stiamo dimenticando che un giorno arriverà, più avanti. E si chiama mṛtyu, morte. Ci dimentichiamo di questo. Questa è la nostra imperfezione. Questo uomo l'ha dimenticato perché era un padre molto amorevole, un marito affettuoso, e altro. Si hanno così tanti rapporti; abbiamo alcune relazioni come amico affettuoso o come nemico invidioso. Tutti, in questo mondo, ne abbiamo qualcuna; può essere affettuosa o di invidia, non importa. Quindi, viviamo in questo modo, dimenticando che più avanti c'è la morte. Quindi siamo mūḍha.

Mūḍha significa mascalzone, asino, che non sa quale sia il vero interesse. Proprio come l'asino; mūḍha significa asino. L'asino non conosce il proprio interesse. Abbiamo visto che l'asino viene caricato dal lavandaio con tre tonnellate di stoffe, e non riesce ad andare; eppure, deve farlo. E non sa che "sto caricando così tante tonnellate di stoffe sulla schiena, e che interesse ho per queste? Non una sola stoffa mi appartiene." Ma l'asino non ha un tale senso. Asino significa che no ha tale senso. Lui pensa: "E' il mio dovere. Caricarmi di così tante stoffe è il mio dovere." Perché è un dovere? Perché il lavandaio ti dà l'erba. Non ha il senso di dire: "L'erba posso averla ovunque. Perché ho quest'obbligo?" Tutti sono in ansia per il proprio dovere. Qualcuno è politico, qualcuno è capofamiglia, qualcuno è un'altra cosa. Ma siccome ha accettato un qualche falso dovere e lavora duro per esso, allora è un asino. Si sta dimenticando del suo vero e proprio impegno. L'impegno reale è che la morte arriverà. Non mi eviterà. Tutti dicono: "Sicuro come la morte." Ora, prima di morire, devo agire in modo tale che io possa avere una posizione nei Vaikuṇṭha, a Vṛndāvana, e io possa avere una vita permanente per vivere con Krishna. Questo è il nostro vero dovere. Ma noi non lo sappiamo. Na te viduḥ svārtha-gatiṁ hi viṣṇum (SB 7.5.31).