IT/Prabhupada 1052 - Sotto l'Influenza di Maya Pensiamo: 'Questa è mia propretà'

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Sotto l'Influenza di Maya Pensiamo: 'Questa è mia propretà'
- Prabhupāda 1052


750522 - Conversation B - Melbourne

Madhudviṣa: ...uno dei nostri carissimi amici, Raymond Lopez. Lui è avvocato e un ospite che ci ha aiutato enormemente con alcuni dei rapporti giuridici che abbiamo avuto qui a Melbourne. Ed anche Mr. Wally Strobes, anche lui ci ha aiutato dandoci buone direttive. E questo è Bob Bourne, è fotografo; ha fatto quella bella foto delle Divinità che ho portato al Māyāpur festival.

Prabhupāda: Oh, sì.

Madhudvisa: Molto bella. Ha scattato molte fotografie per noi. E siamo particolarmente in debito con Wally e Raymond per averci dato un sacco di buoni consigli nei nostri rapporti con la polizia. E una volta abbiamo avuto un incidente, circa tre anni fa, quando alcuni dei ragazzi erano un po' entusiasti al festival del Ratha-yātrā, e sono andati fuori a raccogliere molti fiori illegalmente. E sono stati presi.

Prabhupāda: Illegalmente? Dove? Nel parco?

Madhudviṣa: No. In un vivaio per floricoltura. Li hanno trovati e catturati. Ma Raymond è stato in grado di farli rilasciare, grazie alla misericordia di Krishna. Ma ci ha insegnato una buona lezione.

Raymond Lopez: In realtà, credo che abbiano preso le persone sbagliate.

Prabhupāda: C'è stato un grande devoto nel sud dell'India. Era un ufficiale di tesoreria. Prese dei soldi dalla tesoreria e costruì un tempio molto bello. In seguito fu catturato, e fu messo in prigione dal Nawab. Una volta, il re musulmano, il Nawab, vide in sogno che due ragazzi molto belli andavano dal Nawab. "Signore potete prendere da noi il denaro che è stato preso, e rilasciarlo". Così il Nawab disse: "Se ho i miei soldi, posso liberarlo". Poi, quando il sogno si interruppe, vide i soldi per terra, e non c'era nessuno. Allora poté capire che si trattava di un grande devoto Lo chiamò subito: —Sarai rilasciato, e prendi anche questi soldi. Qualsiasi cosa tu abbia già preso, va bene così. E ora prendi anche questi soldi. Spendili come ti piace." I devoti a volte fanno così. In realtà, nulla è proprietà privata. Questa è la nostra filosofia. Īśāvāsyam idaṁ sarvam (Śrī Īśopaniṣad 1): "Tutto appartiene a Dio." Questo è un dato di fatto. Per l'influenza di māyā pensiamo che questa è la nostra proprietà. Proprio come, supponiamo, questa poltrona. Da dove è venuto il legno? Qualcuno ha prodotto il legno? Chi l'ha prodotto? E' proprietà di Dio. Piuttosto, abbiamo rubato la proprietà di Dio affermando: "E' mia proprietà". E l'Australia. Gli inglesi sono venuti qui, ma è proprietà degli inglesi? C'era già. L'America era lì; e quando tutto sarà finito, sarà lì. Nel frattempo veniamo e affermiamo: "E' la mia proprietà", e si combatte. Non è così? Tu sei un avvocato, puoi valutare meglio.

Wally Strobes: Questo è stato l'argomento che ha usato.

Raymond Lopez: No, era (indistinto).

Prabhupāda: In origine, tutto appartiene a Dio. Allora perché noi rivendichiamo: "E' mia proprietà"? Supponiamo che siete venuti qui, vi sedete per un'ora, due ore; se sostenete: "E' la mia proprietà", ciò ha buon senso? Siete venuti da fuori, vi si è permesso di sedervi qui per due ore, e se si sostiene: "Questa è la mia proprietà"... Allo stesso modo, noi siamo venuti qui; nasciamo in America, o in Australia, o in India, e si rimarrà per cinquanta, sessanta o cento anni. Perché dovrei sostenere: "E' di mia proprietà"?