IT/Prabhupada 1053 - Gestire la Società Non Significa Dimenticarsi della Cosa Reale

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Gestire la Società Non Significa Dimenticarsi della Cosa Reale
- Prabhupāda 1053


750522 - Conversation B - Melbourne

Prabhupāda: Il vostro corpo, voi stessi, tutto appartiene a Dio. Questo corpo è un corpo materiale; quell'energia materiale, terra, acqua, aria, fuoco, appartiene tutto a Dio. Questo mare è di Dio, l'acqua, acqua vasta. Non l'avete creata, né l'ha creato un vostro antenato. Questo corpo è fatto di terra, acqua, aria, fuoco; cinque elementi. Così, anche il vostro è di Dio. Siccome io sono un'anima, sono anche parte integrante di Dio. Quindi, tutto appartiene a Dio. Questa è la coscienza di Krishna. Stiamo sostenendo erroneamente: "E' il nostro." Ciò è māyā. Māyā significa ciò che, di fatto, non è. Questo è il significato di māyā.

Madhudviṣa: Śrīla Prabhupāda, questo concetto che tutto appartiene a Dio, non può funzionare se non tutti credono che tutto appartiene a Dio.

Prabhupāda: Allora, tutti possono essere pazzi. Questo non cambia le cose. Se un pazzo entra in questa stanza e combatte, "Io sono il proprietario. Uscite!", le cose non stanno così.

Raymond Lopez: posso capire, sai, stavi parlando del mare e così via. Ma è per l'utilizzo delle persone.

Prabhupāda: Usa. Puoi usare. Tena tyaktena bhuñjīthāḥ (Śrī Īśopaniṣad 1). Questa è l'ingiunzione vedica. Ciò che è dato per voi, utilizzatelo. Proprio come un signore che ha avuto cinque figli e dona ai figli: "Questa è la tua proprietà. Questa è la tua proprietà..." Quella la potete usare. Ma i figli devono riconoscere: "Questa è di proprietà del padre. Lui ce l'ha data." Allo stesso modo, negli śāstra vedici si dice: "Ogni cosa appartiene a Dio, e tutto ciò che Egli ha dato a voi, lo potete utilizzare. Non usurpate ciò che è di altri."

Raymond Lopez: Ma se lui l'ha data... Dicevi che se Egli ha dato qualcosa a te, e di non usurpare ciò che è di altri, ma ci sono alcune cose che una persona ha, o un gruppo di persone hanno, che, credo, davvero si può dire che...

Prabhupāda: Ma originariamente dobbiamo accettare che tutto appartiene a Dio.™ Proprio come il padre e i figli. Il figlio deve sapere, "La proprietà è del padre." Questa è la vera conoscenza. Ora, "Qualunque cosa il padre mi ha dato, la userò. Perché devo usurpare ciò che anche l'altro mio fratello ha avuto dal padre?" Questo è senso comune. "Perché devo combattere contro l'altro mio fratello? Mio padre gli ha dato questa proprietà, quindi lasciamo che la usi; e quello che ha dato a me, permettetemi di usarlo. Perché devo usurpare la sua proprietà? "Si tratta di buon senso.

Raymond Lopez: Posso capire quando dici: "Non usurpare la proprietà altrui." E credo, se ho capito bene, che quello che stai dicendo è che se tu hai qualcosa, se qualcuno ti ha dato qualcosa e qualcun altro vuole usarla, allora lo lasci. Posso capire questo. Ma non si arriva allo stadio, e non si può arrivare allo stadio, a volte, che, per un motivo o l'altro, tu non vuoi che lui la usi?

Prabhupāda: Io non voglio usare la mia cosa?

Madhudviṣa: Sta dicendo che se qualcuno non vuole... Se tu non desidera che qualcuno utilizzi quello che hai. Se qualcuno cerca di prenderla con la forza.

Prabhupāda: No, questa è un'altra cosa.

Raymond Lopez: Potrebbe verificarsi la situazione in cui non si vuole che qualcuno utilizzi ciò che tu stavi utilizzando per qualche ragione particolare. Potresti essere tu stesso ad utilizzarla in quel momento. Può nascere la situazione in cui tu non vuoi...

Madhudviṣa: Noi crediamo che tutto appartiene a Dio. Se qualcun altro non crede in questo concetto e cerca di utilizzare ciò che...

Prabhupāda: Dico che questo è sbagliato. Questa è la sua concezione sbagliata.

Wally Strobes: Beh, come si concilia, o come si agisce nella situazione... Se tutto appartiene a Dio, dobbiamo gestire la società, e...

Prabhupāda: Ma non dimenticare che tutto ciò appartiene a Dio. Siccome devi gestire la società, ciò non significa che ti dimentichi la cosa reale.

Raymond Lopez: Beh, dopotutto non ho obiezioni a quell'idea. Ma la cosa è nostra; il sistema in cui agiamo ha concetti diversi.

Prabhupāda: Dovrebbe essere corretta. Dovrebbe essere rettificata.

Raymond Lopez: Scusa, dovrebbe essere...?

Prabhupāda: Rettificata.