IT/Prabhupada 1059 - Ognuno ha un particolare rapporto con il Signore

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Everyone has got a Particular Relationship with the Lord - Prabhupāda 1059


660219-20 - Lecture BG Introduction - New York

Non appena uno diventa un devoto del Signore, ha anche un rapporto diretto con il Signore. Questo è un concetto molto ampio, ma in breve si può affermare che un devoto è in relazione con il Signore Supremo in cinque modi. Uno può essere un devoto in uno stato passivo, uno può essere un devoto in uno stato attivo, uno può essere devoto come un amico, può essere devoto come genitore, e uno può essere un devoto come un amante.

Arjuna era un devoto in relazione con il Signore come amico. Il Signore può diventare un amico. Naturalmente, tra questa amicizia e la concezione di amicizia che abbiamo nel mondo terreno, vi è un abisso di differenza. Questa è amicizia trascendentale, non è che tutti avranno questo rapporto con il Signore. Ognuno ha un particolare rapporto con il Signore e quel particolare rapporto è evocato dalla perfezione del servizio devozionale. Allo stato attuale della nostra vita non solo abbiamo dimenticato il Signore Supremo, ma abbiamo anche dimenticato la nostra relazione eterna con il Signore. Ogni essere vivente, tra molti, molti milioni e miliardi di esseri viventi, ogni essere vivente ha un particolare rapporto con il Signore, in eterno. Ciò si chiama svarūpa. svarūpa. E col procedimento del servizio di devozione si può far rivivere quella svarūpa di se stessi. E questa fase è chiamata svarūpa-siddhi: la perfezione della propria posizione costituzionale. Arjuna era un devoto ed era unito al Signore Supremo con amicizia. Questa Bhagavad-gītā è stata spiegata ad Arjuna, e come Arjuna l'accettò?

Anche ciò dovrebbe essere notato; e come Arjuna accettò la Bhagavad-gītā è menzionato nel Capitolo Decimo:

arjuna uvāca
paraṁ brahma paraṁ dhāma
pavitraṁ paramaṁ bhavān
puruṣaṁ śāśvataṁ divyam
ādi-devam ajaṁ vibhum
āhus tvām ṛṣayaḥ sarve
devarṣir nāradas tathā
asito devalo vyāsaḥ
svayaṁ caiva bravīṣi me
(BG 10.12-13)
sarvam etad ṛtaṁ manye
yan māṁ vadasi keśava
na hi te bhagavan vyaktiṁ
vidur devā na dānavāḥ.
(BG 10.14)

Arjuna, dopo aver ascoltato la Bhagavad-gītā dalla Persona Suprema, accetta Krishna come Paraṁ brahma, il Supremo Brahman. Brahman. Ogni essere vivente è Brahman, ma l'essere vivente Supremo, o la Persona Suprema, è il Supremo Brahman o Supremo essere vivente. E paraṁ dhāma. Paraṁ dhāma significa che Egli è il Supremo in cui tutto riposa. E pavitram. pavitram significa che Egli è puro da ogni contaminazione materiale. Ed è indicato come puruṣam. puruṣam significa il beneficiario supremo. śāśvatam, śāśvata significa 'fin dall'inizio'; Lui è la prima persona. divyam, trascendentale; devam, la Persona Suprema. ajam, mai nato; vibhum, il più grande.

Uno può dubitare; siccome Krishna era l'amico di Arjuna, pertanto egli potrebbe dire tutte queste cose del suo proprio amico. Ma Arjuna, giusto per guidare questo tipo di dubbi mentali dei lettori della Bhagavad-gītā, stabilisce la sua affermazione secondo le autorità. Dice che il Signore Śrī Krishna è accettato come Persona Suprema non solo da lui stesso, Arjuna, ma Egli è accettato da autorità come Nārada, Asita, Devala, Vyāsa. Questi personaggi sono grandi personalità nella distribuzione della conoscenza Vedica. Essi sono accettati da tutti gli ācārya. Perciò Arjuna dice: "Qualunque cosa mi hai detto finora, io l'accetto come completamente perfetta".