IT/Prabhupada 1063 - Sollievo dalle Azioni e Reazioni di tutte le Attività

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Give us Relief from the Actions and Reactions of all Activities - Prabhupāda 1063


660219-20 - Lecture BG Introduction - New York

Proprio come anche nella vita presente godiamo delle attività, dei frutti delle nostre attività. Supponiamo io sia un uomo d'affari e abbia lavorato molto duramente con intelligenza e abbia accumulato un grande conto in banca. Ora sono il fruitore. Allo stesso modo, supponiamo io abbia iniziato la mia attività con una grande quantità di denaro, ma non sia riuscito a farlo con successo. Ho perso tutti i soldi. Quindi ne soffro. Così, allo stesso modo, in ogni campo della nostra vita noi godiamo il risultato del nostro lavoro. Questo è chiamato karma.

Quindi queste cose, īśvara, jīva, prakṛti, o il Signore Supremo, l'essere vivente, la natura materiale, il Tempo eterno, e le nostre diverse attività, queste cose sono spiegate nella Bhagavad-gītā. Di queste cinque, il Signore, gli esseri viventi, la natura materiale e il tempo, questi quattro elementi sono eterni. La manifestazione della prakṛti può essere temporanea, ma non è falsa. Alcuni filosofi dicono che questa manifestazione della natura materiale sia falsa, ma in accordo alla filosofia della Bhagavad-gītā, o secondo la filosofia vaiṣṇava, la manifestazione del mondo non viene accettata come falsa. Essi riconoscono che la manifestazione è reale, ma è temporanea. Proprio come una nuvola che si forma nel cielo all'inizio della stagione delle piogge, e dopo la stagione piovosa c'è così tanta nuova vegetazione verde per tutti i campi; lo possiamo vedere. E non appena la stagione delle piogge finisce, allora la nube si dissolve. Generalmente, a poco a poco, tutta questa vegetazione si secca e di nuovo la terra diventa arida. Analogamente, questa manifestazione materiale avviene in un certo lasso di tempo. Lo capiremo, lo apprenderemo dalle pagine della Bhagavad-gītā. bhūtvā bhūtvā pralīyate (BG 8.19). Questa manifestazione diventa magnifica in un certo lasso di tempo, e poi di nuovo scompare. Questa è l'attività della prakṛti. Ma essa agisce per l'eternità; quindi la prakṛti è eterna. Non è falsa, perché il Signore l'ha designata come mama prakṛti: "La Mia prakṛti". apareyam itas tu viddhi me prakṛtiṁ parām (BG 7.5). bhinnā prakṛti, bhinnā prakṛti, aparā prakṛti. Questa natura materiale è un'energia separata del Signore Supremo, e anche gli esseri viventi sono energia del Signore Supremo, ma non ne sono separati. Hanno una relazione eterna. Così il Signore, l'essere vivente, la natura materiale e il tempo, sono tutti eterni. Ma l'altro elemento, il karma, non è eterno. Gli effetti del karma, dell'attività, possono essere molto vecchi. Stiamo soffrendo o godendo dei risultati delle nostre azioni da tempo immemorabile, ma tuttavia possiamo cambiare il risultato del nostro karma, dell'azione. Ciò dipenderà dalla nostra conoscenza perfetta. Siamo impegnati senza dubbio in varie attività, ma non sappiamo qual è l'attività che dovremmo adottare, che ci darà sollievo dalle azioni e reazioni di tutte le attività. Anche ciò è spiegato nella Bhagavad-gītā.

La collocazione di īśvara è di coscienza suprema. La posizione di īśvara, o il Signore Supremo, è suprema coscienza. E le jīva, o le entità viventi, essendo parti integranti del Signore Supremo, sono anch'esse coscienti. Anche un essere vivente è cosciente. L'essere vivente è descritto come prakṛti, energia, e anche la natura materiale viene descritta come prakṛti, ma tra le due prakṛti, le jīva sono coscienti. L'altra prakṛti non è cosciente. Questa è la differenza. Pertanto la jīva prakṛti è definita superiore poiché la jīva, similmente al Signore, ha coscienza . Il Signore è Suprema coscienza. Non si dovrebbe sostenere che una jīva, un essere vivente, sia anch'essa suprema coscienza. No. Un essere vivente non può essere cosciente in modo supremo in ogni fase della sua perfezione. Questa è una teoria inannevole. Questa teoria è errata. E' cosciente, questo è tutto. Ma non è supremo cosciente.