IT/Prabhupada 1070 - Prestare Servizio è la Religione Eterna dell'Essere Vivente

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Rendering of Service is the Eternal Religion of the Living Being - Prabhupāda 1070


660219-20 - Lecture BG Introduction - New York

Con riferimento al concetto precedente di sanātana-dharma, possiamo cercare di capire il concetto di religione dal significato della radice sanscrita del termine 'dharma', che significa: 'costantemente con un particolare oggetto'. Come abbiamo già detto, quando si parla di fuoco si deduce, allo stesso tempo, che con il fuoco c'è sia calore che luce. Senza calore e senza luce, non c'è alcun significato della parola 'fuoco'. Allo stesso modo, dobbiamo scoprire la parte più essenziale di un essere vivente che sempre lo accompagna. Quell'aspetto che accompaga costantemente l'essere vivente è la sua qualità eterna, e la componente eterna della qualità dell'essere vivente è la sua religione eterna. Quando Sanātana Gosvāmī chiese a Śrī Caitanya Mahāprabhu a proposito della svarūpa -abbiamo già discusso circa la svarūpa di ogni essere vivente- riguardo alla svarūpa, o la reale costituzione dell'essere vivente, il Signore rispose che la posizione costituzionale dell'essere vivente è quella di rendere servizio al Signore Supremo. Ma se analizziamo questa parte dell'affermazione del Signore Caitanya, possiamo ben vedere che ogni essere vivente è costantemente impegnato nell'attività di rendere servizio ad un altro essere vivente. Un essere vivente serve un altro essere vivente in diverse capacità, e così facendo, l'essere vivente gode della vita. Un animale inferiore serve un essere umano, un servitore serve il suo padrone, A serve padrone B, B serve padrone C, e C serve padrone D, e così via. Sotto certe circostanze, possiamo vedere che un amico serve un altro amico, e la madre serve il figlio, o la moglie serve il marito, o il marito serve la moglie. Se continuiamo a cercare con questo spirito, si vedrà che non esiste alcuna eccezione nella società dell'essere vivente dove non troviamo attività di servizio. Il politico presenta il suo programma al pubblico e convince gli elettori riguardo la sua capacità di servire. Anche l'elettore dà al politico il suo prezioso voto con l'aspettativa che il politico presterà servizio alla società. Il negoziante serve il cliente e l'artigiano serve chi ha il denaro per produrre. Il capitalista serve la sua famiglia e la famiglia serve il capo-famiglia; tutti rendono così servizio in termini di capacità eterna di esseri eterni. In questo modo possiamo vedere che nessun essere vivente è esentato dalla pratica di rendere servizio a un altro essere vivente, e quindi possiamo concludere che il servizio è una cosa che accompagna costantemente l'essere vivente, e quindi si può tranquillamente concludere che prestare servizio ad un essere vivente è la religione eterna dell'essere vivente. Quando un uomo professa di appartenere a un particolare tipo di fede con riferimento al particolare momento e per circostanze di nascita, sosterrà di essere un indù, un musulmano, un cristiano, buddista, o una qualsiasi altra setta, e sub-setta, ma tali designazioni non sono sanātana-dharma. Un indù può cambiare la sua fede per diventare un musulmano, o un musulmano può cambiare la sua fede per diventare un indù o un cristiano, ecc... ma in ogni caso tale cambiamento di fede religiosa non consente ad una persona di cambiare il suo impegno eterno di rendere servizio agli altri. Un indu o un musulmano o un cristiano, in ogni circostanza, è servitore di qualcuno, e quindi professare un particolare tipo di fede non è da considerarsi sanātana-dharma; ma cosa accompagna costantemente l'essere vivente, cioè il prestare servizio, è il sanātana-dharma. Quindi di fatto, siamo legati in un rapporto di servizio con il Signore Supremo. Il Signore Supremo è il beneficiario supremo, e noi entità viventi siamo eternamente Suoi supremi servitori . Siamo stati creati per il Suo piacere, e se noi partecipiamo a tale piacere eterno con la Persona Suprema, ciò ci renderà felici, e non altrimenti. Indipendentemente, come abbiamo già spiegato, una qualsiasi parte del corpo, la mano, i piedi, le dita, una qualsiasi parte del corpo, indipendentemente, non può essere felice senza cooperare con lo stomaco; allo stesso modo, l'essere vivente non può mai essere felice senza prestare il suo servizio d'amore trascendentale al Signore Supremo. Nella Bhagavad-gītā il culto ai diversi esseri celesti non è approvato; il perché è detto nel Settimo Capitolo della Bhagavad-gītā, verso 20: il Signore dice, kāmais tais tair hṛta-jñānāḥ prapadyante 'nya-devatāḥ. kāmais tais tair hṛta-jñānāḥ. Solo coloro che sono guidati dalla lussuria adorano gli esseri celesti piuttosto che il Signore Supremo, Krishna.