IT/Prabhupada 0059 - Non Dimenticare la Tua Vera Occupazione

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Non Dimenticare la Tua Vera Occupazione
- Prabhupāda 0059


Lecture on BG 2.14 -- Mexico, February 14, 1975

Allora la domanda è: "Se io sono eterno, perché ci sono così tante condizioni di vita miserevoli? E perché io sono costretto a morire?" Quindi, questa è in realtà la domanda intelligente: "Se io sono eterno, allora perché dovrei rimanere in questo corpo materiale che è soggetto a nascita, malattia, vecchiaia e morte?" Perciò Kṛṣṇa insegna che questa miserabile condizione di vita è causata da questo corpo materiale. Coloro che sono karmī, coloro che sono coinvolti dalla gratificazione dei sensi, sono chiamati karmī, i karmī non si preoccupano del futuro, vogliono semplicemente cose immediate dalla vita. Proprio come un bambino senza la cura dei genitori, che gioca tutto il giorno, non si preoccupa per la vita futura, ne riceve alcun tipo di istruzione. Ma nella forma umana, se siamo realmente intelligenti, cercheremo di fare del nostro meglio per ottenere una vita dove non c'è più morte, nascita, vecchiaia e malattia.

Quindi questo Movimento per la coscienza di Kṛṣṇa si propone di educare le persone a tale proposito. Ora, qualcuno potrebbe dire: "Se mi dedico semplicemente alla coscienza di Kṛṣṇa, allora chi provvederà alle mie necessità materiali?" Quindi la risposta è lì nella Bhagavad-gītā; a chiunque sia semplicemente impegnato nella coscienza di Kṛṣṇa, Kṛṣṇa provvederà a tutte le necessità della vita. Kṛṣṇa si prende cura dei bisogni di tutti. eko yo bahūnāṁ vidadhāti kāmān: "Uno, la Persona Suprema, si prende cura e provvede ai bisogni di tutti gli essere viventi." Così, per il devoto che sta cercando di ritornare a casa, ritornare a Dio, per lui non ci sarà scarsità. Siatene certi. Kṛṣṇa lo dice nella Bhagavad-gītā, teṣāṁ satata-yuktānāṁ yoga-kṣemaṁ vahāmy aham: (BG 10.10) "Di un devoto che è sempre impegnato nel servizio a Me, Io mi prendo cura, provvedo alle sue necessità della vita." Un esempio pratico è che in questo Movimento per la Coscienza di Kṛṣṇa abbiamo un centinaio di centri, e in ogni tempio, ci sono non meno di venticinque, fino a 250 devoti che ci vivono. Non abbiamo introiti regolari, e spendiamo in tutti i nostri centri ottantamila dollari al mese. Ma per grazia di Kṛṣṇa non abbiamo scarsità, tutto viene fornito. Le persone a volte sono sorprese: "Queste persone non lavorano, non hanno nessuna professione, semplicemente cantano Hare Kṛṣṇa. Come vivono?" Quindi, questo è fuori discussione. Se i cani e i gatti possono vivere per la misericordia di Dio, i devoti possono vivere molto comodamente per la misericordia di Dio. Non esiste una questione del genere, ma se qualcuno pensa: "Ho accettato la coscienza di Kṛṣṇa, ma sto soffrendo per tante cose," per loro o per tutti noi l'istruzione è mātrā-sparśās tu kaunteya śītoṣṇa-sukha-duḥkha-dāḥ (BG 2.14) "Gioie e dolori vanno e vengono come l'estate e l'inverno," in inverno l'acqua è dolente, e in estate l'acqua è piacevole, quindi, qual è la collocazione dell'acqua? È piacevole o dolorosa? Non è né doloroso né piacevole, ma in diverse stagioni toccandola con la pelle sembra essere dolorosa o piacevole. Tali dolori e piaceri sono spiegati qui: "Vanno e vengono, non sono permanenti". Āgama apāyinaḥ anityāḥ significa: "Essi vanno e vengono, perciò non sono permanenti" per cui Kṛṣṇa consiglia, tāṁs titikṣasva bhārata: "Semplicemente tollera". Ma non dimenticare il tuo vero impegno, la coscienza di Kṛṣṇa. Non preoccuparti di questi dolori e piaceri materiali.