IT/Prabhupada 0083 - Canta Hare Krishna e Ogni Cosa Arriverà

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Canta Hare Krishna e Ogni Cosa Arriverà
- Prabhupāda 0083


Lecture on SB 7.9.11-13 -- Hawaii, March 24, 1969

Quindi Prahlāda Mahārāja dice, ne abbiamo già discusso di ciò, che non è richiesta alcuna qualifica. Per pacificare, per gradire, per soddisfare il Signore, non si necessita di alcun prerequisito, che dobbiate passare l'esame universitario, o diventare un'uomo ricco come Rockefeller o Ford, o che dobbiate diventare questo o quello. Nessuna condizione: ahaituky apratihatā. Se vuoi amare Kṛṣṇa, non vi è alcun freno, non vi è alcuna verifica. La strada è aperta. Dovete diventare semplicemente sinceri. Questo è tutto. Allora Kṛṣṇa vi aprirà la strada. E se non c'è sincerità, allora c'è la māyā di Kṛṣṇa, lei sempre metterà qualche ostacolo: "Questo no, questo no, questo no." Così Prahlāda Mahārāja decise: "Benchè io sia un bambino, non abbia ricevuto alcuna istruzione, non abbia studiato i Veda, sia nato da un padre ateo, di bassa nascita, così tante brutte qualifiche... Dio è adorato da intellettuali pii, che offrono inni Vedici, e brāhmaṇa di grande cultura. Io non ho tali qualifiche, ma tuttavia, tutti questi deva che sono così elevati nella loro posizione, hanno richiesto me. Questo significa che Dio può essere pacificato anche da me. Altrimenti perchè avrebbero indicato me? Quindi, qualsiasi qualifica io abbia, qualsiasi intelligenza io possa avere, io potrei offrirla a Kṛṣṇa." Per cui questo nostro Movimento per la Coscienza di Kṛṣṇa è proprio cosi, qualsiasi capacità abbiate, è sufficiente. Cominciate con quella qualifica. Tentate di servire Kṛṣṇa con i vostri requisiti, perché la vera qualifica è il vostro sentimento di servizio; quella è la vera qualifica. Quindi sviluppate quel sentimento, non la vostra qualifica esteriore, bellezza, ricchezza, conoscenza, questo, quello. No. Queste cose non hanno valore, sono preziose se le impiegate al servizio di Kṛṣṇa. Se sei molto ricco puoi impiegare la tua ricchezza al servizio di Kṛṣṇa, questo va bene, ma non è necessario diventare molto ricco per poter quindi servire Kṛṣṇa.

Così Prahlāda Mahārāja dice: nīco ajayā guṇa-visargam anupraviṣṭaḥ pūyeta yena pumān anuvarṇitena. Ora, si potrebbe questionare che Prahlāda sia nato da un padre impuro. Questo è un argomento. Prahlāda non è impuro, ma è un buon motivo per argomentare: nato da un padre di basso livello, o di famiglia bassa, si potrebbero dire tante cose. Ma Prahlāda Mahārāja dice: "Se io comincio semplicemente a glorificare il Signore, allora sarò purificato." Se io canto...la purificazione, questo mantra Hare Kṛṣṇa è il metodo di purificazione. Non è che prima io mi devo purificare e solo dopo posso cantare il mantra Hare Kṛṣṇa. No. Tu inizia a cantare, e poi sei purificato. Sarai purificato. Iniziate a cantare. In qualunque condizione vi troviate, non importa. In realtà quando ho iniziato questo Movimento per la Coscienza di Kṛṣṇa, e non è che loro siano venuti in una condizione molto purificata. Ognuno di voi sa come, chi è venuto da me, come è stato educato fin dall'infanzia. Secondo lo standard indiano loro non conoscono neanche i principi igienici. Qual è la questione di purificazione? Vedete.. Questo sistema, in India, viene insegnato fin dall'infanzia; al bambino viene insegnato come fare il bagno, lavare i denti al mattino. Sì. Mi ricordo quando il mio secondo figlio aveva quasi quattro anni, prima della colazione, gli chiedevo: "Mostrami i denti," così lui me li mostrava. "Sì, va bene, ti sei lavato i denti. Va bene, allora hai il permesso di fare colazione." Quindi c'è questa formazione, ma qui, in questo Paese, l'educazione... Naturalmente da qualche parte c'è, ma non molto rigorosa. Ma ciò non importa, cantate Hare Kṛṣṇa. Comiciate con Hare Kṛṣṇa, poi tutto verrà. Tutto arriverà.