IT/Prabhupada 0096 - Dobbiamo Studiare Dalla Persona Bhagavata

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dobbiamo Studiare Dalla Persona Bhagavata
- Prabhupāda 0096


Lecture on BG 13.4 -- Miami, February 27, 1975

Questo modo di pensare: "Sono americano, indiano, indù, musulmano," è tutta sporcizia presente nel mio cuore. Pulite il vostro cuore. Hrdy antah-sthah abhadrāṇi. La sporcizia è dentro il cuore, quindi se purifichiamo il nostro cuore, ci liberiamo da queste designazioni. Nasta-prāyeṣu abhadreṣu nityam bhagavata-sevayā (SB 1.2.18). Nasta-prāyeṣu. Questa sporcizia sarà ripulita se ascoltiamo regolarmente lo Srimad-Bhagavatam o la Bhagavad-gita. Nityam bhagavata...

E bhagavata significa sia il libro bhagavata che la persona bhagavata. La persona bhagavata è il maestro spirituale. O qualsiasi devoto elevato. Lui è un bhagavata, un maha-bhagavata. Quindi bhagavata-sevaya non significa solo leggere la Bhagavad-gita e il Bhagavatam, ma dobbiamo studiarli dalla persona bhagavata. Questo è necessario. Caitanya Mahaprabhu ha consigliato, bhagavata para giya bhagavata-sthane: "Se vuoi imparare il Bhagavatam, allora vai dalla persona bhagavata che è un'anima realizzata." Non da un professionista, non vi aiuterà. Come da un professionista - vado al tempio, in chiesa, e torno di nuovo nella condizione infernale di..., no. Basta semplicemente associarsi con la persona bhagavata che è un'anima realizzata, e ascoltare da lui lo stesso libro, la stessa conoscenza. Il rappresentante di Kṛṣṇa. Proprio come Kṛṣṇa dice: tat samasena me srnu. Me srnu: "Ascolta da Me o dal Mio rappresentante. Allora potrai trarne beneficio."

Così questi nostri centri vengono aperti proprio per dare l'opportunità alle persone che stanno soffrendo non solo in questa vita, ma vita dopo vita.

ei rupe brahmanda bhramite kona bhagyavan jiva
guru-krsna-krpaya paya bhakti-lata-bija
(CC Madhya 19.151)

Quindi questo è il nostro dovere, ci siamo presi questa responsabilità in nome di Kṛṣṇa. Kṛṣṇa viene personalmente per insegnare. Proprio come ci ha lasciato il Suo Srimad-Bhagavatam. Poi Egli potenzia i Suoi devoti che lo spiegano alla gente. Questo è ciò che stiamo cercando di fare. Non abbiamo inventato niente, e nemmeno si tratta di qualcosa che ci appartiene. I beni e le proprietà ci sono già. Noi le stiamo semplicemente distribuendo come dei fattorini. Tutto qui. E non ci sono difficoltà nel farlo. Se ci limitiamo a presentare la Bhagavad-gita e le istruzioni di Kṛṣṇa così come sono, allora il nostro dovere sarà compiuto. Non dobbiamo creare niente di nuovo, e nemmeno abbiamo il potere di farlo. Proprio come i tanti che producono nuovi ideali, nuovi tipi di filosofie... tutte sciocchezze. Non vi saranno d'aiuto. Prendete solamente la vera conoscenza.