IT/Prabhupada 0097 - Sono Semplicemente Un Postino

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Sono Semplicemente Un Postino
- Prabhupāda 0097


His Divine Grace Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati Gosvami Prabhupada's Appearance Day, Lecture -- Los Angeles, February 7, 1969

Se lottiamo duramente per portare avanti questo movimento, allora, anche se non facciamo nessun devoto, Kṛṣṇa sarà comunque soddisfatto. E il nostro compito è quello di soddisfare Kṛṣṇa. Questa è bhakti. Hṛṣīkena hrisikesa-sevanaṁ bhaktir ucyate (CC Madhya 19.170). Bhakti significa che si deve impegnare tutti i nostri sensi per la soddisfazione. Vita materiale significa soddisfare i propri sensi "Mi piace questo. Mi piace quello. Voglio fare qualcosa. Voglio cantare qualcosa, mangiare qualcosa, toccare qualcosa, oppure gustare qualcosa." Questo significa... Significa utilizzare i sensi. Questa è la vita materiale. "Voglio toccare quella pelle così morbida. Voglio assaggiare quello che viene chiamato buon cibo. Voglio sentire questo profumo. Voglio camminare in questo modo." La stessa cosa - camminare, gustare, toccare, o qualsiasi altra cosa - dovrebbe essere utilizzato per Kṛṣṇa. Tutto qui. Invece di toccare qualcos'altro, se tocchiamo i piedi di loto santificati di un devoto, quel tocco sarà utilizzato. Invece di mangiare cibo senza senso, se mangiamo Kṛṣṇa prasadam, sarà tutto a posto. Invece di annusare qualcos'altro, se annusiamo il profumo dei fiori offerti a Kṛṣṇa... Quindi nulla viene interrotto. Se desiderate utilizzare la vostra vita sessuale, è possibile utilizzarla per generare figli coscienti di Kṛṣṇa. Niente è interrotto. Viene semplicemente purificato. Tutto qui. Questo è il programma completo. Non si tratta di "smettere di fare." Non è realizzabile. Come può essere interrotto? Supponiamo che io sono un essere umano. Se qualcuno mi dice: "Oh, non puoi mangiare," è mai possibile? Io devo mangiare. Quindi non si tratta di smettere. Il punto è purificare tutto. Quindi... E l'altra filosofia è, voglio dire, ignorare forzatamente, renderlo vuoto, proprio come dicono: "Diventa privo di desideri." Essi sostengono. Quindi come posso essere privo di desideri? Il desiderio ci deve essere. Ma desidero per Kṛṣṇa. Questo è un metodo molto bello. E anche se gli altri non lo prendono molto sul serio o non aderiscono alla nostra filosofia, se provate a farlo, questo è il vostro compito. Kṛṣṇa sarà soddisfatto. I nostri acarya saranno soddisfatti, Guru Maharaja sarà soddisfatto. E yasya prasadad bhagavat... Se loro sono soddisfatti, allora il vostro compito è terminato. Non importa se gli altri sono soddisfatti o meno. Quando cantate, qualcuno fra il pubblico è soddisfatto - non ci preoccupiamo di questo. Possono essere soddisfatti o meno. Ma se io canto nel modo giusto, i miei predecessori, gli acarya, saranno soddisfatti. Questo è il mio compito, basta così, non invento qualcosa a modo mio. Quindi sono molto contento che Kṛṣṇa ha inviato così tanti bei ragazzi e ragazze ad aiutarmi. Siate benedetti, in questo giorno di buon auspicio. E non c'è niente di mio. Sono semplicemente un postino. Sto consegnando a voi ciò che ho ascoltato dal mio Guru Maharaja. Agite semplicemente nello stesso modo, e sarete felici, e il mondo sarà felice, e Kṛṣṇa sarà felice...