IT/Prabhupada 0148 - Siamo Parti Integranti di Dio

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Siamo Parti Integranti di Dio
- Prabhupāda 0148


Lecture on SB 7.6.1 -- Madras, January 2, 1976

Questo è il dharma, sambandha, abhidheya, prayojana, queste tre cose. I Veda sono divisi in tre gruppi. Sambandha, qual è la nostra relazione con Dio. Questo si chiama sambandha. E poi abhidheya. Dobbiamo agire in accordo a questa relazione. Questa si chiama abhidheya. E perché noi agiamo? Perché abbiamo uno scopo nella vita, raggiungere l'obiettivo della vita. Allora, qual è lo scopo della vita? Lo scopo della vita è quello di tornare a casa, di ritornare a casa da Dio, questo è lo scopo della vita. Noi siamo parti integranti di Dio. Dio è Sanātana, e possiede la sua dimora, Sanātana. Paras tasmāt tu bhāvo 'nyo' vyakto 'vyaktāt sanātanaḥ (BG 8.20). C'è una dimora eterna. Questo mondo materiale, non è eterno. È Bhutva Bhutva pralīyate (BG 8.19). Si manifesta per un certo periodo di tempo. Proprio come il tuo corpo e il mio corpo, si manifesta per un certo periodo di tempo. Rimane per qualche periodo di tempo. Cresce. Produce qualche sottoprodotto. Poi diventiamo vecchi, declino, e morte. Questo si chiama ṣaḍ-vikāra. Di tutto ciò che è materiale. Ma c'è un'altra natura, dove non vi è ṣaḍ-vikāra. Questo è eterno. Quindi, si chiama sanātana-dharma . E le jive, noi esseri viventi, vengono anche descritti come eterni. Na hanyate hanyamāne sarire (BG 2.20). E il Signore viene anche descritto come Sanātana. Così la nostra vera posizione è Sanatana -eterna- Kṛṣṇa è Sanatana, Kṛṣṇa ha la sua dimora, Sanātana. Quando torneremo in quel Sanātana-dhama -dimora- e viviamo con il Sanātana supremo, Kṛṣṇa ... noi siamo anche Sanātana. Il processo attraverso il quale possiamo raggiungere questo elevato obiettivo della vita, che si chiama Sanātana-dharma. Stiamo mettendo in atto qui questo Sanatana-dharma.

Così Sanātana-dharma e questo bhagavata-dharma, sono la stessa cosa. Bhagavata, Bhagavan. Dalla parola Bhagavān bhāgavata proviene. Quindi questo bhāgavata-dharma è stato descritto da Sri Chaitanya Mahaprabhu. Dice, jīvera svarūpa haya nitya kṛṣṇa dāsa (cc. Madhya 20,108-109). Noi siamo eterni servitori di Kṛṣṇa. Questo è. Ma per il momento siamo entrati in contatto con la materia, invece di diventare un servitore di Dio, Kṛṣṇa, siamo diventati servitori di tante altre cose, māyā , e quindi stiamo soffrendo. Noi non siamo soddisfatti. Non ci può essere. Non può andare bene. Proprio come quando prendete una vite dalla macchina. Se la vite in qualche modo o nell'altro cade non ha più alcun valore. Ma la stessa vite, quando si adatta alla macchina o la macchina non funziona perché manca una vite, è una condizione sfavorevole, ma quando prendete quella stessa vite e la avvitate, la macchina si mette in funzione, e quindi la vite diventa molto importante. Quindi noi siamo parte integranti di Dio, Kṛṣṇa. Mamaivāṁśo Jīva- bhūtaḥ (BG 15.7), Egli dice, Kṛṣṇa. Quindi, ora noi siamo separati. Siamo caduti. Un altro esempio, proprio come un grande fuoco e le piccole scintille. La piccola scintilla è anche fuoco, fino a quando si trova nel fuoco. E se in qualche modo le scintille si separano dal fuoco, si estinguono, per cui non hanno più la qualità del fuoco. Ma se la rimettete di nuovo nel fuoco, ancora una volta diventa scintilla.

Quindi la nostra posizione è così. In un modo o nell'altro, siamo venuti in questo mondo materiale. Benché noi siamo piccole particelle, parti, frammenti del Signore Supremo, ma perché noi siamo in questo mondo materiale, abbiamo dimenticato la nostra relazione con Dio, e il nostro ... Manah-ṣaṣṭhānīndriyāṇi prakriti- sthāni karṣati (BG 15.7). Stiamo lottando contro le leggi del mondo materiale e tante altre cose. Anche qui stiamo servendo perché noi siamo servitori eterni. Ma perché abbiamo rinunciato di servire il Signore Supremo, noi siamo diventati servitori di tante altre cose. Ma nessuno è soddisfatto, come ha detto (il) l'onorevole Giudice, che nessuno è soddisfatto. Questo è un dato di fatto. Essi non possono essere soddisfatti. Non possiamo essere soddisfatti perché siamo costituzionalmente servitori di Dio, ma siamo stati messi in questo mondo materiale per servire tante altre cose che non sono giuste. Quindi, stiamo facendo dei progetti di servizio. Questa si chiama speculazione mentale. Manah-ṣaṣṭhānīndriyāṇi prakriti- sthāni karṣati (BG 15.7). Una lotta, è una lotta.