IT/Prabhupada 0182 - Mantenersi in Quella Condizione Pulita

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Mantenersi in Quella Condizione Pulita -
Prabhupāda 0182


Lecture on SB 2.3.15 -- Los Angeles, June 1, 1972

Uno dei profitti che si può trarre scoltando riguardo a Krishna è di diventa gradualmente senza peccato; semplicemente ascoltando. A meno che di essere peccatori non si viene in questo mondo materiale. Quindi dobbiamo diventare senza peccato prima di tornare a casa, tornare a Dio. Perché, siccome Dio è puro, anche il Suo regno è puro. Nessuna entità vivente impura può entrarvi. Perciò uno deve diventare puro; lo dice anche la Bhagavad-gītā: yeṣāṁ tv anta-gataṁ pāpaṁ (BG 7.28), "Colui che è completamente libero dalle reazioni di ogni peccato della prorpia vita", yeṣāṁ tv anta-gataṁ pāpaṁ janānāṁ puṇya-karmaṇām (BG 7.28), "e che è sempre impegnato in attività pie, senza commettere più attività colpevoli." Questo Movimento per la Coscienza di Krishna è ciò che offre l'opportunità di cancellare le attività colpevoli e lasciarci intatti: niente sesso illecito, né intossicanti, né mangiare carne ,né gioco d'azzardo. Se uno segue queste regole, dopo l'iniziazione tutti i peccati vengono lavati; e se ci si mantiene in questa condizione non c'è questione di diventare ancora colpevoli. Ma una volta che sei lavato, fai un bagno e ti riempi nuovamente di sabbia, questo procedimento non ti aiuterà. Se dici: "Mi laverò ancora e poi mi risporcherò", dov'è l'utilità di lavarsi?

Lavati. E una volta lavato mantieniti in questa condizione pulita. Questo è ciò che è richiesto. Ciò sarà possibile se ti mantieni costantemente in contatto con Krishna ascoltando ciò che Lo riguarda. Tutto qua Devi rimanere incontaminato; e ciò è puṇya-śravaṇa-kīrtanaḥ (SB 1.2.17). Se ascolti riguardo a Krishna, allora: punya, ossia sarai sempre in una condizione pia. puṇya-śravaṇa-kīrtanaḥ. Anche cantando... Perciò la nostra raccomandazione è cantare sempre: Hare Krishna, Hare Krishna, Krishna Krishna, Hare Hare Hare Rāma, Hare Rāma, Rāma Rāma, Hare Hare. Quindi dovremmo essere attenti a non scivolare di nuovo nelle attività peccaminose. Tutti dovrebbero stare attenti e mantenersi nella procedura del canto. Allora è tutto a posto. Percui: śṛṇvatāṁ sva-kathāḥ kṛṣṇaḥ puṇya-śravaṇa-kīrtanaḥ (SB 1.2.17), e a poco a poco, continuando a sentir parlare di Krishna, tutte le cose sporche all'interno del cuore verranno ripulite.

Le cose sporche sono: "Io sono un corpo materiale, sono americano, sono Indiano, sono hindu, sono musulmano, sono questo, sono quello." Questi sono tutti i diversi tipi di copertura dell'anima. L'anima senzacoperture è pienamente consapevole: "Sono un eterno servitore di Dio". È tutto, non hai altra identificazione; e ciò si chiama mukti. Quando si arriva alla comprensione: "Io sono un eterno servitore di Krishna, Dio, e la mia unica attività è servirLo", ciò si chiama mukti. Mukti non significa che avrai altre due mani, altri due gambe. No. La stessa cosa, semplicemente si è purificati. Proprio come un uomo affetto da febbre. I sintomi sono tanti, ma non appena la febbre non c'è, tutti i sintomi scompaiono. La nostra febbre in questo mondo materiale è la gratificazione dei sensi. Gratificazione dei sensi: questa è la febbre. E quando ci impegnao nella coscienza di Krishna questo agire per la gratificazione dei sensi cessa. Questa è la differenza. Questa è la prova di come si stia progredendo nella coscienza di Krishna.