IT/Prabhupada 0183 - Signor Gufo Apri i Tuoi Occhi e Guarda il Sole

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Mr. Owl, Please Open Your Eyes and See the Sun - Prabhupāda 0183


Lecture on SB 6.1.37 -- San Francisco, July 19, 1975

Dio ci sollecita: "EccoMi, sono arrivato". paritranaya sadhunam vinasaya ca duskrtam (BG 4.8). "Sono apparso a voi solo per il vostro sollievo" paritranaya sadhunam "Voi state cercando di comprenderMi, e così eccoMi. Sono presente. Perchè pensate che Dio sia senza forma? EccoMi, Krishna, con una forma. Guardate, ho il Mio flauto in mano. Sono molto affezionato alle mucche. Amo le mucche e i saggi, e Brahma; tutti equamente. Perchè loro sono tutti Miei figli ma in corpi differenti". Krishna suona. Krishna parla. Eppure, questi mascalzoni non capiranno Krishna. Ebbene, qual è la colpa di Krishna? La colpa è nostra. andha. Proprio come il gufo. Il gufo non aprirebbe mai gli occhi per vedere che c'è la luce del sole. Conoscete il gufo? E così loro non li apriranno. Tuttavia tu puoi dire: "Signor gufo, ti prego, apri i tuoi occhi e guarda il sole". "No, non c'è il sole. Io non lo vedo". Questa civiltà di gufi. Così voi dovete lottare con questi gufi. Dovete essere molto forti; in special modo i sannyasis. Dobbiamo lottare con dei gufi. Dobbiamo aprire i loro occhi con forza, con le macchine. Quindi questo è ciò che sta succedendo. Così, questo Movimento per la Coscienza di Krishna è una battaglia contro tutti i gufi.

Quindi quì c'è una sfida. yuyam vai dharma-rajasya yadi nirdesa-karinah. Nirdesa-karinah. Servitore significa che essi non hanno altra scelta che eseguire gli ordini del maestro. Per cui nirdesa-karinah. Loro non possono discutere. No. Qualsiasi ordine viene servito. Quindi, se qualcuno pretende di diventare ... Egli si aspetta la ... credo ... Qui sono anche menzionati i Visnuduta. vasudevokta-karinah. Anch'essi sono servitori. Così ukta significa qualsiasi ordine sia dato da Vasudeva, loro lo adempiono. Similmente gli Yamaduta sono servitori di Yamaraja. Anche loro sono detti nirdesa-karinah. "Se voi siete realmente servitori di Yamaraja, dovete agire in accordo alle sue direttive, quindi voi dovete sapere cosa è dharma e cosa è adharma". In effetti loro sono servitori in buona fede di Yamaraja, non c'è dubbio su questo. Ora loro stanno dando la loro identificazione in questo modo, yamaduta ucuh veda-pranihito dharmah, rispondendo immediatamente. "Cos'è il dharma?" Questa fu la domanda. Immediatamente risposero. Loro sapevano cosa è dharma. Veda-pranihito dharmah: "Dharma significa ciò che è spiegato nei Veda". Il dharma non puoi crearlo. Veda, la conoscenza originale. Veda significa conoscenza. Veda -sastra. Così, dai tempi della creazione, i Veda furono dati a Brahma. Veda...Per questo si chiamano apauruseya, non prodotti. Ciò è spiegato nello Srimad-Bhagavatam, tene brahma hrda adi-kavaye. Brahma, brahma significa Veda. Un altro nome dei Veda è brahma, conoscenza spirituale o tutta la conoscenza, brahma. Quindi, tene brahma adi-kavaye hrda. Per cui i Veda devono essere appresi dal maestro spirituale.

Per questo è detto che Brahma è il primo essere che apprese i Veda. Quindi, come li apprese? Dov'è il maestro? Non ci sono altre creature. Come apprese i Veda? L'insegnante fu Krishna, e Egli è situato nel cuore di ognuno. Isvarah sarva-bhutanam hrd-dese arjuna tisthati (BG 18.61). Così Egli insegnò attraverso il cuore. Per cui Krishna insegna, Egli è così gentile, come caitya-guru, dal cuore, e Lui invia chi Lo rappresenta dall'esterno. caitya-guru e guru, con entrambe le vie, Krishna ci istruisce. Krishna è così gentile. Perciò i Veda non sono libri fatti dall'uomo. Veda, apauruseya. Apauruseya significa non fatti da... Non dovremmo prendere i Veda come libri di ordinaria speculazione mentale. No. Sono perfetta conoscenza. Sono perfetta conoscenza e uno deve prenderli come sono, senza adulterazioni, interpretazioni. Sono detti da Dio. Per questo anche Bhagavad-gita è Veda. E' enunciata da Krishna. Quindi non puoi aggiungere, alterare. Devi prendere così com'è. Allora si otterrà la giusta conoscenza.