IT/Prabhupada 0196 - Semplicemente Desiderosi Di Cose Spirituali

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Semplicemente Desiderosi Di Cose Spirituali - Prabhupāda 0196


Lecture on BG 2.58-59 -- New York, April 27, 1966

Quindi dobbiamo imparare questa cosa: come riuscire a vedere la bellezza della vita spirituale Poi, naturalmente, ci asterremo dalle attività materiali. Proprio come un bambino, un ragazzo. Tutto il giorno rischia di farsi male giocando, ma se gli viene dato un buon impegno ... Ora ci sono così tanti dispositivi da parte del dipartimento educativo: il sistema asilo, questo sistema o quell'altro... Ma se lui è impegnato: —"scrivi 'A', scrivi 'B' Così impara l'ABC, e allo stesso tempo si astiene dalle sue birichinate. Allo stesso modo, ci sono cose come 'l'asilo' delle vita spirituale. Se noi ci impieghiamo in attività spirituali, solo allora è possibile astenersi da queste attività materiali. Le attività non possono essere fermate. Le attività non possono essere fermate. Lo stesso esempio è Arjuna ... certo... prima di ascoltare la Bhagavad-Gita, divenne inattivo, non voleva combattere... ma dopo aver ascoltato la Bhagavad-Gita, è diventato più attivo, ma attivo trascendentalmente. Così la vita spirituale, o la vita trascendentale, non significa che siamo liberi dall'attività, che semplicemente, artificialmente, ci sediamo e: —"Oh, non farò più qualcosa di materiale, io semplicemente farò meditazione". Oh, ma che meditazione si farà? La vostra meditazione sarà in un attimo interrotta proprio come anche accadde a Visvamitra Muni, che non potè continuare la sua meditazione. Dobbiamo sempre, al cento per cento, essere impegnati in attività spirituali. Questo dovrebbe essere il nostro programma di vita. Certo, in vita tua sarà difficile trovare il tempo per uscirne. Si hanno così tanti impegni. Rasa-varjam. E l'impegno può essere possibile solo quando si trova un certo piacere trascendentale in esso.

In modo che così sarà fatto. Sarà fatto. adau śraddhā tatah sādhu-sangah (CC Madhya 23.14-15) La vita spirituale all'inizio, innanzitutto, è sraddha, un po' di fede. Proprio come siete venuti qui cortesemente a sentirmi. Avete avuto un po' di fede. Questo è l'inizio. Senza fede, non sareste qui a dedicare il vostro tempo, perché qui non c'è cinema , gioco, non ci sono discussioni politiche, niente di ciò... Può essere, per alcuni, che siano argomenti aridi. Argomenti piuttosto aridi. Tuttavia voi venite. Perché? Perché c'è un po' di fede. "Oh, ecco c'è la Bhagavad-Gita. Lasciatemi sentire." Così la fede è l'inizio. Chi è senza fede non può avere alcuna vita spirituale. La fede è l'inizio: adau sraddha. sraddha. E questa fede, la fedeltà, tanto più si intensifica e più fate progresso. Quindi questa fede deve essere intensificata. Si comincia con la fede. E ora, mentre voi intensificate la vostra fede, voi progredirete nel cammino spirituale. adau śraddhā tatah sādhu-sangah (CC Madhya 23.14-15) Se avete un po' di fede, allora troverete qualche sadhu, ossia qualche santo, qualche saggio, che vi potrà dare qualche illuminazione spirituale. Questo è detto sadhu-sanga (CC Madhya 22.83). adau sraddha. Il principio di base è sraddha, e il passo successivo è sadhu-sanga, l'associazione con persone spiritualmente realizzate. Che si chiamano sadhu ... adau śraddhā tatah sādhu-sangah atha bhajana-kriya. E se vi è realmente un'associazione con persone spiritualmente realizzate, allora vi daranno un qualche procedimento per compiere delle attività spirituali; e ciò è detto: bhajana-kriya. adau śraddhā tatah sādhu-sangah atha bhajana-kriyā tatah anartha-nivrttih syāt. E mentre si è sempre di più impegnati in attività spirituali, così, in proporzione, le vostre attività materiali e l'interesse per le attività materiali diminuiranno. Neutralizzazione. Quando vi impegnate in attività spirituali, le vostre attività materiali diminuiscono. Ma ricordate, che la differenza tra attività materiali e attività spirituali è che... Supponiamo voi siate occupati come medico. Non pensiate che "Se divento spiritualmente impegnato, quindi devo rinunciare alla mia professione". No, no. Non è così. Tu devi spiritualizzare la tua professione. Proprio come Arjuna, era un militare. E 'diventato uno spiritualista. Questo significa che ha spiritualizzato la sua attività militare.

Quindi questi sono i metodi. Così: adau śraddhā tatah sādhu-sangah atha bhajana-kriyā tatah anartha-nivrttih syāt (CC Madhya 23.14-15) anartha significa ... anartha significa che crea le mie miserie. Le attività materiali continueranno ad aumentare la mia sofferenza. E se si adotta la vita spirituale, allora le vostre sofferenze materiali progressivamente diminuiranno, e praticamente diverranno pari a zero. E quando siamo realmente liberi da affinità materiale, poi comincia la vostra vita spirituale vera. athāsakti. Ci si attaccherà a essa e non la lasceremo mai più. . Quando il vostro anartha-nivrtti, quando le vostre attività materiali sono completamente fermate, allora non la si potrà più lasciare. athāsakti. adau śraddhā tatah sādhu-sangah atha bhajana-kriyā tatah anartha-nivrttih syāt tato nisthā (CC Madhya 23.14-15) nisthā significa che la vostra fede diventa più ferma, fissa, costante. tato nisthā tato rucih. Ruci. Ruci significa che si sarà semplicemente desiderosi di cose spirituali. Non vorrete altro che sentire solo messaggi spirituali. Non vorrete fare altro che attività spirituali. Non vorrete mangiare ciò che non è spiritualizzato. La vostra vita cambierà. Tato nisthā athāsaktih. Quindi 'attaccamento' e poi 'bhāva'. Allora sarete trascendentali, e intendo dire, in estasi. Ci sarà dell'estasi. E queste sono le differenti fasi per il livello più alto della vita spirituale. tato bhavah, tato bhavah. Bhava, questa fase 'bhava', è la piattaforma giusta da cui è possibile parlare direttamente con il Signore Supremo.