IT/Prabhupada 0197 - Dovete Presentare la Bhagavad-gita così Com'è

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Dovete Presentare la Bhagavad-gita così Com'è -
Prabhupāda 0197


Lecture on SB 5.5.30 -- Vrndavana, November 17, 1976

Se fate del vostro meglio, Krishna vi darà la forza. Krishna è sempre pronto ad aiutare, a patto che si voglia il suo aiuto. Lui è pronto. Egli è venuto per aiutarvi. In caso contrario, qual è l'utilità di Krishna di venire qui e di propagandare: sarva-dharman parityajya mam ekam? (BG 18.66) Questo è per il nostro interesse. Arrendersi a Krishna o non arrendersi, non importa a Krishna. Krishna non dipende dal vostro servizio. Egli è' del tutto perfetto. Egli può creare milioni di servitori come voi in un momento. Allora perché richiede il vostro servizio? Il suo servizio non soffre della vostra mancanza. Ma è nel vostro interesse arrendersi a Lui. E interesse vostro. Questo vuole vedere Krishna, che tu ti arrenda a Lui e che diventiate perfetti e torniate a casa, da Dio. Questa è la missione di Krishna. Quindi questo Movimento per la Coscienza di Krishna ha la stessa missione: quella di sollecitare.

dante nidhāya tṛṇakaṁ padayor nipatya
(sic) kāku-śatam kṛtvā cāhaṁ bravīmi
he sādhavaḥ sakalam eva vihāya dūrād
caitanya-candra-caraṇe kurutānurāgam

Questa è la nostra missione, la missione di Caitanya Mahaprabhu. Perché Prabodhananda Sarasvati implora: caitanya-candra-carane kurutānurāgam? "Devi solamente diventare incline a servire i piedi di loto di Caitanya" Poiché Egli è Krishna personalmente, ed Egli è venuto a insegnarci come avvicinare Krishna. Questo è Caitanya. krsnaya krsna-caitanya-namne gaura-tvise namah. Rupa Gosvami, aveva capito. Sarvabhauma Bhattacarya aveva capito.

vairāgya vidyā-nija-bhakti-yoga-
śikṣārtham ekaḥ puruṣaḥ purāṇaḥ
śrī-kṛṣṇa-caitanya-śarīra-dhārī
kṛpāmbudhir yas tam ahaṁ prapadye
(CC Madhya 6.254)

Se capiamo Krishna attraverso Caitanya Mahaprabhu ... Caitanya Mahaprabhu disse "Diventa guru". Come? yare dekha, tare kaha 'krsna'-upadesa (CC Madhya 7.128) Non modificare, non alterare. Semplicemente prova a diffondere quello che Krishna ha detto. Questa è l'istruzione di Caitanya Mahaprabhu. Se si segue questa istruzione... Non fare alcuna aggiunta e modifica con la tua cosiddetta erudizione. Ciò non vi aiuterà. È necessario presentare la Bhagavad-gita così com'è. yāre dekha, tāre kaha 'krsna'-upadeśa. C'è tutto, e fatto molto facilmente, a condizione di seguire il sistema paramparā -catena diciplica-.

Così il nostro Movimento per la Coscienza di Krishna dovrebbe essere incoraggiato in tutta umiltà.

tṛṇād api sunīcena
taror api sahiṣṇunā
amāninā mānadena
kīrtanīyaḥ sadā hariḥ
(CC Adi 17.31)

kīrtanīya. Questa diffusione significa kīrtana, non che semplicemente usando mrdanga possiamo fare kīrtana musicali. No. La predica è anche kirtana. abhavad vaiyāsaki-kīrtane. Vaiyāsaki, il figlio di Vyāsadeva, Śukadeva Gosvāmī, ha semplicemente descritto lo Śrīmad-Bhāgavatam e è diventato perfetto. Abhavad vaiyāsaki-kīrtane. Śrī-visnu-śravane parīksit. Parīksit Mahārāja, semplicemente ascoltando è diventato perfetto. E Śukadeva Gosvāmī sempliceente descrivendo. Anche questo è kīrtana. Così, anche questo è kīrtana. Come Prabodhānanda Sarasvatī ci insegna: he sādhavah sakalam eva vihāya dūrād caitanya-candra-carane kurutānurāgam: "Sei un Sadhu, la persona migliore, nobile, ma questa è la mia richiesta..." Questa è umiltà. Se ti rivolgi dicendo: "Oh, tu sei un karmi, tu sei un mudha -uno stolto-"... In realtà è un mudha, ma non lo fai ... All'inizio, se si dice, non ci sarà alcuna possibilità di parlare. Lui è un mudha, non è che non lo sia... lavorando come maiali e cani di giorno e notte per il piacere dei sensi, certamente si è mudha, karmi. Allo stesso modo, i jnani, sono semplicemente speculativi. La logica del 'kākā-taliya nyāya'. "E' il corvo che si posa sul frutto della palma e il frutto della palma cade,... o forse siccome il frutto della palma cade, allora il corvo non si posa sul frutto di palma?" Logica. Una pandita -erudito- disse: "No, no. Prima di tutto, il frutto della palma è caduto, e il corvo che voleva posarsi su di esso non ha potuto". Allora un altro pandita dice: "No, no. Il frutto della palma era lì, ma siccome il corvo si è posato su di esso, è caduto giù". Così, questa è la logica. Essi stanno sprecando tempo speculando. kaka-taliya nyaya. kupa-manduka-nyaya.