IT/Prabhupada 0198 - Lasciate Queste Cattive Abitudini e Cantate Questo Mantra Hare Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Lasciate Queste Cattive Abitudini e Cantate Questo Mantra Hare Krishna - Prabhupāda 0198


Temple Press Conference -- August 5, 1971, London

Intervistatore: Quanti seguaci avete attualmente in tutto il mondo, o non è possibile contarli?

Prabhupāda: Beh, per qualsiasi cosa autentica i seguaci possono essere molto pochi, e per qualsiasi cosa spazzatura, i seguaci possono essere molti.

Intervistatore: intendo dire seguaci iniziati, persone che hanno...

Prabhupāda: Ne abbiamo circa tremila.

Intervistatore: E sono in crescita per tutto il tempo?

Prabhupāda: Sì, sta lentamente crescendo. Perché abbiamo così tante restrizioni... Alla gente non piace alcuna restrizione.

Intervistatore: Sì. Dove il seguito è maggiore? È in America?

Prabhupada: In America, in Europa, e in Canada, in Giappone, in Australia. E in India c'è nè milioni; ce ne sono milioni in questo culto. a parte l'India, in altri paesi, sono piccole quantità. Ma in India ce ne sono milioni e milioni.

Intervistatore: Pensi che il vostro movimento è l'unico modo per venire a conoscernza di Dio?

Prabhupada: Cosa?

Devoto: Pensi che questo movimento è l'unico modo per conoscere Dio?

Prabhupada: Sì.

Intervistatore: Come hai questa certezza?

Prabhupada: Dalle autorità, da Dio, Krishna. Krishna dice: sarva-dharmān parityajya mām ekam śaranam vraja (BG 18.66).

Intervistatore: Ma se qualcun altro dice che Dio gli ha detto qualcosa di diverso, ugualmente gli credereste?

Syamasundara: Non è che noi non accettiamo altri processi religiosi.

Prabhupada: No, crediamo in altri procedimenti. Proprio come ci sono diversi gradini. Se si vuole arrivare alla cosa più in alto, ci arrivi per gradi. Così alcuni fanno cinquanta passi, altri di loro ci arriano con cento passi, ma per completare sono necessari mille gradini.

Intervistatore: E hai risalito i vostri mille?

Prabhupada: Sì.

Intervistatore: Se qualcuno di noi qui stamattina vuole diventare un seguace, cosa dovremmo dare o a cosa rinunciare?

Prabhupada: Prima di tutto si deve rinunciare alla vita sessuale illecita.

Intervistatore: Ritiene che comprende tutta la vita sessuale o...? Che cosa è illecito?

Prabhupāda: sesso illecito ... Senza il matrimonio, senza vita di relazione, questo sesso è vita sessuale illecita.

Intervistatore: Quindi il sesso è consentito nel matrimonio, ma non al di fuori.

Prabhupāda: Questa è vita sessuale animale. Proprio come gli animali, non hanno alcuna relazione e hanno vita sessuale. Ma per la società umana ci sono limitazioni. In ogni paese, in ogni religione c'è un sistema di matrimonio. Quindi senza matrimonio, vita sessuale è vita sessuale illecita.

Intervistatore: Ma il sesso è consentito all'interno del matrimonio.

Prabhupada: Sì, è così.

Intervistatore: E a che altro si dovrebbe rinunciare per ...

Prabhupāda: Si deve rinunciare a tutti i tipi di sostanze intossicanti.

Intervistatore: Vuol dire droghe e alcolici?

Prabhupāda: Qualsiasi tipo di droga che inebria.

Śyāmasundara: Anche il thè...

Prabhupāda: Anche al thè, sigarette... anche questi sono intossicanti.

Intervistatore: Quindi include alcol, marijuana, thè. Altre cose?

Prabhupāda: Sì. Si deve rinunciare al cibo animale. Qualsiasi tipo di sostanza animale. Carne, uova, pesce, cose del genere. E si deve rinunciare al gioco d'azzardo.

Intervistatore: cosa si deve lasciare, la propria famiglia? Penso che ognuno viva nel tempio, non è vero?

Prabhupāda: Oh,sì. A meno che non si abbandonino tutte queste attività peccaminose non si può essere iniziati.

Intervistatore: Allora uno dovrebbe lasciare anche la propria famiglia?

Prabhupāda: Famiglia?

Prabhupāda: La famiglia. Noi non siamo concentrati sulla famiglia, siamo concentrati sull'individuo. Se si vuole essere iniziati in questo Movimento per la Coscienza di Krishna si deve rinunciare a tutte queste attività peccaminose.

Intervistatore: Quindi lasciate anche la famiglia?

Śyāmasundara: No,no, non devi lasciare la tua famiglia.

Intervistatore: Ma supponiamo io voglia essere una iniziata, non dovrei venire a vivere qui?

Śyāmasundara: No.

Prabhupāda: Non è necessario.

Intervistatore: Oh, posso rimanere a casa?

Prabhupāda: Oh, si.

Intervistatore: Riguardo al lavoro però? Uno lo deve lasciare? Prabhupāda Uno deve lasciare queste brutte abitudini e cantare su questi grani il mantra Hare krishna. Tutto qui.

Intervistatore: Dovrei dare un qualche supporto finanziario?

Prabhupāda: No, è una tua scelta volontaria. Se lo dai , bene. Altrimenti, non importa.

Intervistatore: Scusa, non ho compreso.

Prabhupāda: Non vogliamo dipendere dai contributi finanziari di nessuno. Dipendiamo da dio, Krishna.

Intervistatore: Cioè, non devo dare dei soldi dopo tutto.

Prabhupāda: No.

Intervistatore: E' questo uno degli aspetti principali per distinguere un vero guru da un guru falso?

Prabhupāda: Si. Un guru autentico non è un uomo d'affari.