IT/Prabhupada 0315 - Siamo Testardi e Cerchiamo di Dimenticare Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Siamo Testardi e Cerchiamo di Dimenticare Krishna
- Prabhupāda 0315


City Hall Lecture -- Durban, October 7, 1975

Signore e signori, vi ringrazio molto per la vostra gentile partecipazione a questo grande Movimento. Questo Movimento non è stato avviato da me. E' stato avviato tanti, tanti anni fa da Krishna stesso. Innanzi tutto, Lui enunciò questa filosofia della Bhagavad-gītā al deva del Sole., come affermato nella Bhagavad-gītā, nel quarto capitolo:

imam vivasvate yogam
proktavan aham avyayam
vivasvan manave prahur
manur iksvakave 'bravit
(BG 4.1)
evam parampara-praptam
imam rajarsayo viduh
(BG 4.2)

Quindi, se calcoliamo l'età di Manu, si arriva a quaranta milioni di anni. Quindi, Krishna ha detto che almeno quaranta milioni di anni fa Lui parlò di questa filosofia della Bhagavad-gītā al deva del sole, Vivasvan. Il nome della divinità dominante il pianeta Sole è Vivasvan. E suo figlio fu Vaivasvata Manu. E suo figlio fu Ikshvaku, la persona all'origine della dinastia Surya-vamsa, nella quale apparve il Signore Ramacandra. Ikshvaku. Quindi, in questo modo, questo Movimento per la Coscienza di Krishna iniziò molto, molto tempo fa. Ma Krishna ha detto evam parampara-praptam imam rajarsayo viduh (BG 4.2): "Anticamente i rajarsi -re saggi- usavano ricevere questo insegnamento attraverso la catena di successione disciplica dei maestri". Perché questo era il modo per comprendere la Bhagavad-gītā. Ma Krishna continua: sa kaleneha yogo nasto parantapa. Krishna, cinquemila anni fa, sul campo di battaglia di Kuruksetra, parlò con Arjuna, che era perplesso se combattere o non combattere. E solo per incoraggiarlo al combattimento, ha esposto questa Bhagavad-gītā, cinquemila anni fa, ad Arjuna. E lì disse: "Il sistema parampara, la successione di maestri, ora è interrotta; quindi la rivolgo ancora a te, in modo che le persone possano imparare da te quello che è il significato di questa filosofia, la coscienza di Krishna".

Così, cinquemila anni fa, questa filosofia fu detta ad Arjuna, e noi ora stiamo ricevendo l'insegnamento. Purtroppo è ancora stata distorta. Perché noi non la riceviamo attraverso il sistema parampara, facciamo inferenze, a modo nostro, e perciò si è nuovamente interrotta. Quindi, ancora una volta, cinquecento anni fa, Śrī Caitanya Mahāprabhu insegnò questa Bhagavad-gītā, in veste di devoto. Śrī Caitanya Mahāprabhu è ammesso come incarnazione di Krishna. Krishna, la Persona Suprema, ha insegnato come un maestro che impartisce l'ordine: sarva-dharman parityajya mam ekam saranam vraja (BG 18.66), ma tuttavia la gente fraintese. Quindi, questa volta, cinquecento anni fa, Śrī Caitanya Mahāprabhu, Krishna stesso, è apparso come un devoto di Krishna. Śrī Caitanya Mahāprabhu è Krishna. Ciò è descritto negli sastra autentici:

krsna-varnam tvisakrsnam
sangopangastra-parsadam
yajnair sankirtanaih prayair
yajanti hi su-medhasah
(SB 11.5.32)

Quindi questo Movimento per la Coscienza di Krishna è praticamente il Movimento di Śrī Caitanya Mahāprabhu. E Śrī Caitanya Mahāprabhu è Krishna stesso. Percui Krishna è molto gentile con le anime condizionate. Sta cercando di elevarle alla vera piattaforma di coscienza di Krishna ancora e ancora. Ma noi siamo così testardi che stiamo cercando di dimenticare Krishna ancora e ancora. Questo sta succedendo.