IT/Prabhupada 0371 - Spiegazione di "Amara Jivana"

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Spiegazione di "Amara Jivana"
- Prabhupāda 0371


Purport to Amara Jivana in Los Angeles

āmāra jīvana sadā pāpe rata nāhiko puṇyera leśa. Questa è una canzone cantata da Bhaktivinoda Ṭhākura in umiltà vaiṣṇava. Un vaiṣṇava è sempre mite e umile. Descrive la vita delle persone in generale, considerando se stesso uno di loro. La gente, in generale, è come la descrizione data qui. Egli dice: "La mia vita è sempre impegnata in attività peccaminose, e se si prova a cercare, non troverete nemmeno una traccia di attività virtuose. Piena solo di attività peccaminose. E sono sempre propenso a dare fastidio ad altri esseri viventi. Questa è la mia attività. Voglio vedere gli altri soffrire, e ne godo". nija sukha lāgi' pāpe nāhi ḍori. "Per la mia personale gratificazione dei sensi non mi curo di alcuna attività peccaminosa. Questo significa che accetto qualsiasi tipo di attività peccaminosa se è soddisfacente per i miei sensi". dayā-hīna swārtha-paro. "Non sono per niente misericordioso, e guardo solo al mio interesse personale". para-sukhe duḥkhī. "Come tale, quando gli altri soffrono divento molto felice, e dico sempre bugie", sadā mithyā-bhāṣī. "Anche per le cose ordinarie mi sono abituato a mentire". para-duḥkha sukha-karo. "E se qualcuno soffre, ciò per me è molto piacevole". aśeṣa kāmanā hṛdi mājhe mora. "Ho un sacco di desideri nel mio cuore, sono sempre arrabbiato e pieno di falso prestigio, sempre gonfio di falso orgoglio". mada-matta sadā viṣaye mohita. "Sono affascinato dalle discussioni sulla gratificazione dei sensi, e sono quasi pazzo". hiṁsā-garva vibhūṣaṇa. "Invidia e falso orgoglio sono i miei ornamenti ". nidralāsya hata sukārje birata "Sono domato, conquistato dal sonno e dalla pigrizia". sukārje birata, "Sono sempre contrario alle attività pie", akārje udyogī ami, "e sono molto entusiasta di svolgere attività empie". pratiṣṭha lāgiyā śāṭhya-ācaraṇa, "Inganno sempre gli altri per il mio prestigio". lobha-hata sadā kāmī, "Sono vinto dall'avidità e sempre lussurioso". e heno durjana saj-jana-barjita, "Quindi sono così caduto, e non ho la compagnia dei devoti". aparadhi, "Offendo"; nirantara, "Sempre". śubha-kārja-śūnya, "Nella mia vita, non c'è un briciolo di attività di buon auspicio". sadānartha manāḥ, "E la mia mente è sempre attratta da qualcosa di nocivo". nānā duḥkhe jara jara. "Ora, alla fine della mia vita, sono quasi invalido per tutti i malori". bārdhakye ekhona upāya-vihīna, "Nella mia vecchiaia non ho altra alternativa ora", tā 'te dīna akiñcana, "quindi, forzatamente, ora devo diventare molto umile e mite". bhaktivinoda prabhura caraṇe, "Così Bhaktivinoda Thakura offre la sua dichiarazione delle attività della vita ai piedi di loto del Signore Supremo".