IT/Prabhupada 0403 - Spiegazione di "Vibhavari Sesa" parte2

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Spiegazione di "Vibhavari Sesa" parte2
- Prabhupāda 0403


Purport to Vibhavari Sesa

Come Rāma, quando Egli apparve come Śrī Rāmacandra, uccise Rāvaṇa, rāvāṇāntakara. mākhana-taskara: e a Vṛndāvana Egli è conosciuto come il ladro di burro. Nel Suo divertimento d'infanzia rubava il burro dalle pentole delle gopī; questo era il Suo piacevole divertimento, quindi Egli è chiamato mākhana-taskara, Mākhanacora. gopī-jana-vastra-hari, ha anche rubato i vestiti alle gopī mentre stavano facendo il bagno. Questo è molto confidenziale. In realtà le gopī volevano Krishna. Pregavano Kātyāyani-devī, la dea Kātyāyani, perché Egli era attraente per tutte le ragazze della Sua età, percui Lo volevano come marito. Apparentemente Krishna era della stessa età, ma come poteva essere marito di tutte le gopī? Ma Egli accettò. Siccome le gopī volevano diventare mogli di Krishna allora Krishna accettò la loro proposta. Al fine di mostrare loro la misericordia rubò le vesti, perché solo un marito può togliere i vestiti che coprono il corpo della moglie, nessun altro li può toccare. Percui questo è il significato, ma la gente non lo sa. Quindi la kṛṣṇa-lila deve essere ascoltata da un'anima realizzata, o questa parte dovrebbe essere evitata; altrimenti fraintenderemmo Krishna che tolse le vesti come se fosse molto degradato, un cacciatore di donne. Ma non è così. Egli è il Signore Supremo. Appaga il desiderio di ogni devoto. Krishna non aveva nteresse a vedere le gopī nude, ma poiché loro volevano diventare mogli allora Egli soddisfò il loro desiderio. Un simbolo: "Sì, Io sono vostro marito, ho preso il vostro vestito. Ora prendete il vostro vestito e andare a casa". Pe questo Egli è conosciuto come gopī-jana-vastra-hari. brajera rākhāla, gopa-vṛnda-pāla, citta-hārī vaṁśī-dhārī. brajera-rākhāla, il mandriano di Vṛndāvana; e gopa-vṛnda-pāla: il Suo scopo era come soddisfare i mandiani, tra cui Suo padre, Suo zio, che governavano le mucche. Per far loro piacere, perciò Lui è gopa-vṛnda-pāla. citta-hārī vaṁśī-dhārī, e quando suonava il flauto s'impossessava del cuore di tutti, citta-hārī. Portava via il cuore a tutti. yogīndra-vandana, nonostante il Krishna giocasse come un piccolo mandriano a Vṛndāvana, proprio come un ragazzo di villaggio scherza con i propri amici, tuttavia Egli è yogīndra-vandana. yogīndra significa grande yogi, mistico. dhyānāvasthita-tad-gatena manasā paśyanti yaṁ yoginaḥ (SB 12.13.1). yoginaḥ, la meditazione; e chi stanno cercando di trovare? Questo Krishna. Stanno cercando di trovare Krishna. Quindi, a meno che non arrivino al punto di concentrare la loro mente su Krishna, il loro principio yogico, o potere mistico, rimane sconcertato. yoginām api sarveṣāṁ mad-gata-antara (BG 6.47). Lo yogi di prima classe deve tenere sempre Krishna nel suo cuore. Questa è la perfezione dello yoga. Per questo è chiamato yogīndra-vandana. śrī-nanda-nandana, braja-jana-bhaya-hārī.: sebbene sia adorato da grandi mistici, tuttavia Egli vive a Vṛndāvana come Figlio di Nanda Mahārāja, e gli abitanti di Vṛndāvana si sentono sani e salvi sotto la protezione di Krishna. navīna nīrada, rūpa manohara, mohana-vaṁśī-vihārī. navīna nīrada, nīrada significa nuvola; la Sua carnagione è come una nuvola nuova. Una nuvola nuova, nerastra, rūpa. Tuttavia Lui è così bello. Generalmente il nero non è considerato molto bello in questo mondo, ma poiché il Suo corpo è trascendentale, anche se Lui è nerastro è universalmente attraente. rūpa manohara. mohana-vaṁśī-vihārī, quando Se ne sta semplicemente con il Suo flauto, , anche se è nerastro, Egli diventa molto attraente per tutti. yaśodā-nandana, kaṁsa-nisūdana: Egli è molto celebrato come il Figlio di madre Yaśodā, Egli è l'assassino di Kaṁsa. E nikuñja-rāsa-vilāsī: ballava la danza rasa, nei nikuñja, vaṁśī-vaṭa, nikuñja. kadamba-kānana, rāsa-parāyaṇa. Ci sono molti alberi kadamba. Il kadamba è un tipo di fiore che è cresce particolarmente a Vṛndāvana, molto profumato e bello, un fiore solido, tondo. kadamba-kānana: godeva della Sua danza rasa sotto questo albero kadamba. ānanda-vardhana prema-niketana, phula-śara-yojaka kāma: eccitava i desideri lussuriosi delle gopī e aumentava la loro beatitudine trascendentale, ānanda-vardhana prema-niketana, poiché Egli è il ricettacolo di ogni piacere. Le gopī Ne godevano perché Egli è il ricettacolo di ogni piacere. Proprio come andiamo a prendere l'acqua da un lago dove c'è acqua. Allo stesso modo, se vogliamo davvero una vita felice, allora dovremmo attingere alla riserva di ogni piacere, Krishna. ānanda-vardhana, quel piacere aumenterà. Il piacere materiale diminuirà, non si può godere per un lungo periodo di tempo, esso si riduce, ma il piacere spirituale, se lo si vuole attinere dal serbatoio di ogni piacere, Krishna, allora aumenterà. La vostra potenza di piacere aumenterà e otterrete sempre più piacere. Come aumenta la vostra potenza di piacere, o di desiderio, così anche l'offerta è incessante. Non vi è alcun limite. phula-śara-yojaka kāma: Egli è il Cupido trascendentale. Cupido, con i suoi archi e frecce incrementa i desideri lussuriosi del mondo materiale. Analogamente, nel mondo spirituale, Egli è il Cupido supremo. Egli incrementava i desideri lussuriosi delle gopī. Andavano lì e per entrambi non c'era alcuna dimnuzione. Incrementavano il loro desiderio, e Krishna provvedeva, senza alcuna considerazione materiale. Semplicemente ballavano, questo è tutto. gopāṅganā-gaṇa, citta-vinodana, samasta-guṇa-gaṇa-dhāma. Egli è particolarmente attraente per le gopāṅganā. gopāṅganā indica le danzatrici di Vraja-dhama. gopāṅgaṇa-gaṇa, citta-vinodana, erano semplicemente assore nel pensiero di Krishna. Erano così tanto attratte, attaccate a Krishna, che non potevano rinunciare per un attimo all'esistenza della Sua forma all'interno del cuore. citta-vinodana, catturò il cuore delle gopī, citta-vinodana. samasta-guṇa-gaṇa-dhāma: Egli è la riserva di tutte le qualità trascendentali. yamunā-jīvana, keli-parāyaṇa, mānasa-candra-cakora. mānasa-candra-cakora, c'è un uccello che è noto come cakora. Guarda verso il chiaro di luna. Allo stesso modo, Egli era la luna tra le Gopi e loro cercavano solamente Lui. Ed Egli è la vita del fiume Yamunā perché Si divertiva a tuffarSi nel fiume Yamunā. nāma-sudhā-rasa, gāo kṛṣṇa-yaśa, rākho vacana. Così Bhaktivinoda Ṭhākura sta chiedendo a ognuno: "Adesso cantate tutti questi diversi Nomi del Signore e salvatemi". rākho vacana mano: "Mia cara mente, ti prego, mantieni la mia parola. Non rifiutare, continua a cantare tutti questi santi Nomi di Krishna".