IT/Prabhupada 0412 - Ktrishna Vuole che Questo Movimento Per la Coscienza di Krishna sia Diffuso

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Krishna Vuole che Questo Movimento Per la Coscienza di Krishna sia Diffuso
- Prabhupāda 0412


Conversation with Devotees -- April 12, 1975, Hyderabad

Prabhupāda: anāśritaḥ karma-phalaṁ kāryaṁ karma karoti yaḥ, sa sannyāsī (BG 6.1). anāśritaḥ karma-phalaṁ: tutti si aspettano qualche buon risultato per la propria gratificazione dei sensi. Questo è anāśritaḥ karma-phalaṁ: prendere rifugio nel buon risultato. Ma uno che non prende rifugio nel risultato delle attività... È mio dovere, karyam. karyam significa 'è'mio dovere'. Non importa quale sia il risultato, devo farlo sinceramente al meglio delle mie capacità. Quindi non mi interessa del risultato. Il risultato è in mano a Krishna. karyam: "E' mio dovere, il mio Guru Mahārāja l'ha detto, quindi è mio dovere. Non importa se si tratta di successo o di insuccesso. Questo dipende da Krishna". In questo modo, chiunque, se lavora, allora è un sannyāsī. Non è il vestito, ma l'atteggiamento nel lavoro. Sì, questo è sannyāsa. karyam: "E' mio dovere". sa sannyāsī ca yogī ca. Ed è uno yogi, uno yogi di prima classe. Proprio come Arjuna. Arjuna, ufficialmente, non ha preso sannyāsa. Era un gṛhastha, un soldato. Ma quando prese molto sul serio 'karyam': "Krishna vuole questa battaglia. Non importa se devo uccidere i miei parenti, devo farlo". Questo è il sannyāsa. All'inizio, con Krishna, sosteneva: "Questo tipo di combattimento non è giusto. Uccidere i familiari e così via, eccetera, eccetera". Lui discuteva. Ma dopo aver ascoltato la Bhagavad-gītā, quando capì: "E' il mio dovere. Krishna vuole che io lo faccia..." karyam. Quindi, a dispetto del suo essere un capofamiglia, un soldato, egli era un sannyāsī. Lui accettò karyam. karyam significa "E' mio dovere". Questo è il vero sannyāsa. "Krishna vuole che questo Movimento per la Coscienza di Krishna venga diffuso. Quindi questo è il mio karyam. Questo è il mio dovere. E la direzione è il mio maestro spirituale. Quindi devo farlo". Questo è il sannyāsa. Questo è sannyāsa, mentalità sannyāsa. Ma c'è una formalità. Questa dovrebbe...può essere accettata.

ospite indiano: Ciò ha avuto qualche effetto psicologico.

Prabhupāda: Si. In India in particolare, alla gente piace. Il sannyāsī può predicare. Altrimenti la formula del sannyāsa che viene data è karyam: "Ma questo è il mio unico dovere. Questo è tutto. Il Movimento per la Coscienza Krishna deve essere spinto. Questo è il mio unico dovere". Lui è un sannyāsī. Perché Krishna viene personalmente e chiede: sarva-dharmān parityaja mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja. E Caitanya Mahāprabhu, Krishna, dice: yei kṛṣṇa tattva vettha sei guru haya, "Chiunque conosca la scienza di Krishna è guru". E qual è l'occupazione del guru? yāre dekha, tāre kaha 'kṛṣṇa'-upadeśa (CC Madhya 7.128): "Chiunque tu incontri cerca soltanto di imprimere su di lui l'insegnamento di Krsna". sarva-dharmān parityaja... Quindi, in questo modo, se lo accettiamo molto seriamente -questo è il mio dovere- allora sei un sannyāsī. È tutto. sa sannyāsī. Krishna lo certifica: sa sannyāsī. Le persone non stanno prendendo seriamente l'insegnamento di Krishna. Questa è la sfortuna dell'India. Portano in lizza tanti Krishna. È Krishna...o'Rāmakrishna è tanto quanto Krishna'. Queste mascalzonate hanno ucciso, hanno fatto il più grande disservizio. Invece di Krishna hanno portato una canaglia, Rāmakrishna.

Bhāgavata: Hanno una grande maṭha a Bhuvaneśvara. A Bhuvaneśvara hanno una grande Rāmakrishna maṭha. La scuola Vivekananda, la biblioteca, tanta terra, ogni cosa, molto organizzato.

Prabhupāda: Quindi possiamo farlo. Devi convincere la gente. Non è questione di fare competizione a loro. Ma voi potete predicare la vostra propria filosofia ovunque.

ospite indiano: Quello che succede con le persone in Orissa; cercano di convincerli: "No, quello è falso! E' questo il modo".

Prabhupāda: No, l'allettamento della Rāmakrishna Mission è il daridra-nārāyaṇa-seva e l'ospedale. Questo è il loro unico allettamento. Loro non hanno un programma. Nessuno è attratto dalla loro filosofia. E che filosofia hanno? Non importa. Noi non ci occupiamo di loro.