IT/Prabhupada 0729 - Una Piccola Offesa Commessa da un Sannyasi Viene Amplificata Mille Volte

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Una Piccola Offesa Commessa da un Sannyasi Viene Amplificata Mille Volte - Prabhupāda 0729


Arrival Address -- London, March 8, 1975

Bhaktivinoda Ṭhākura cantava, jay sakal bipod... (A parte :) Sta andando ora. Jāy sakal'bipod, gāi bhaktivinod, jakhon ami o-nām gai, rādhā-kṛṣṇa bolo bolo, bolo re sobāi. La predicazione di Caitanya Mahāprabhu consiste nel chiedere a tutti di cantare Hare Krisnna, o Rādhā-Krishna. Così Bhaktivinoda Thakura dice: "Quando canto il mantra Hare Krishna tutti i pericoli vanno via." Questo luogo, questo mondo materiale, è un posto pericoloso. padaṁ padaṁ yad vipadām (SB 10.14.58). Vipad significa pericolo, e padaṁ padaṁ significa 'ad ogni passo'. Nel mondo materiale non potete aspettarvi una vita tranquilla, pacifica. Questo non è possibile. E l'unico rimedio è quello di prendere rifugio soltanto ai piedi di loto di Murāri. Murāri significa Krishna.

samāśritā ye pada-pallava-plavaṁ
mahat-padaṁ puṇya-yaśo murāreḥ
bhavāmbudhir vatsa-padaṁ paraṁ padaṁ
padaṁ padaṁ yad vipadāṁ na teṣām
(SB 10.14.58)

Quindi c'è sempre... Se siete su una buona barca, tuttavia, poiché la superficie è l'acqua, non potete pensare che la barca sia sempre regolare e senza problemi. Quindi, il mondo materiale è sempre pieno di preoccupazioni. Percui, se ci manteniamo nella nostra posizione, nel nostro standard, cantando Hare Krishna regolarmente, allora i pericoli cesseranno. Anche i pericoli non sono permanenti; vanno e vengono come i cambiamenti di stagione. A volte fa molto caldo, a volte è molto freddo. Percui Krishna ha avvisato: āgamāpāyino 'nityās tāṁs titikṣasva bhārata (BG 2.14). Quindi non deviate dal canto del mahā-mantra Hare Krishna, e non abbiate paura se c'è qualche pericolo (indistinto). Prendete rifugio ai piedi di loto di Krishna, cantate il mantra Hare Krishna, e i pericoli cesseranno. Ma non dobbiamo rendere tali condizioni pericolose, sono già pericolose. Per questo anche Caitanya Mahāprabhu era molto prudente riguardo alla vita spirituale. Sannyāsīra alpa chidra bāhu kori mane. Altri possono violare le leggi facendo tante attività colpevoli, nessuno se ne prende cura sul serio. Ma quando un gruppo religioso o un sannyāsī commettono una piccola offesa, questa viene ingigantita mille volte. Quindi dobbiamo essere molto attenti a non fare nulla che possa venire ingigantito dagli occhi del pubblico. Poiché noi stiamo predicando, c'è sempre una fazione demoniaca che vuole metterci in difficoltà. Questo è naturale. Anche Hiraṇyakaśipu, pur essendo il padre di Prahlāda Mahārāja, anche lui lo metteva in difficoltà. Ma se rimaniamo sinceri e andiamo avanti con il ​​canto, questi pericoli cesseranno. Non abbiate paura. Non smettete coi vostri principi regolatori e con le regolari attività, col programma. Andate avanti con quelli. Dipende da Krishna, e poco a poco tutto andrà bene.

Penso che sia abbastanza per oggi, il tempo è finito. Le Divinità dovrebbero andare a riposare, non dovremmo trattenerLe. Va bene così. Hare Krishna.