IT/Prabhupada 0737 - Il Primo Sapere Spirituale è Questo - "Io Non Sono Questo Corpo"

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Il Primo Sapere Spirituale è Questo - "Io Non Sono Questo Corpo"
- Prabhupāda 0737


Lecture on BG 4.1 -- Bombay, March 21, 1974

Prabhupāda: Il corpo è fatto in modo diverso, l'anima spirituale è la stessa; la tua anima spirituale, la mia anima spirituale, sono uguali. Ma il tuo corpo è chiamato corpo americano, il mio corpo è chiamato corpo indiano. Questa è la differenza. Proprio come voi avete un vestito diverso e io ho un vestito diverso.

Vāsāṁsi jīrṇāni yathā... (BG 2.22). Il corpo è proprio come il vestito. Quindi, la prima conoscenza spirituale è questa: "Io non sono questo corpo". Poi inizia la conoscenza spirituale. In caso contrario, non vi è alcuna possibilità di conoscenza spirituale. Yasyātma-buddhiḥ kuṇape tri-dhātuke sva-dhīḥ kalatrādiṣu bhauma ijya-dhīḥ (SB 10.84.13). Uno che sta pensando: "Questo corpo sono io. Questo è me stesso", è un mascalzone, un animale. Tutto qua. Questa mascalzonaggine animale è diffusa in tutto il mondo: "Io sono americano", "Io sono indiano", "Io sono brāhmaṇa", "Io sono kṣatriya". Questo è da mascalzoni. Dovete andare al di sopra di questo, poi allora c'è la conoscenza spirituale. Questo è bhakti-yoga.

māṁ ca yo 'vyabhicāreṇa
bhakti-yogena sevate
sa guṇān samatītyaitān
brahma-bhūyāya kalpate
(BG 14.26)

Ahaṁ brahmāsmi. Questo è necessario. Quindi, al fine di comprendere questo metodo yoga, il bhakti-yoga... Perché solo col bhakti-yoga si può giungere alla piattaforma spirituale. Ahaṁ brahmāsmi. Nāhaṁ vipro... Proprio Caitanya Mahāprabhu disse: nāhaṁ vipro na kṣatriya... (CC Madhya 13.80) Qual è quello śloka?

Devoto: Kibā vipra kibā nyāsī... (CC Madhya 8.128)

Prabhupāda: "Io non sono un brāhmaṇa, io non sono uno kṣatriya, io non sono un vaiśya, io non sono un śūdra. Io non sono un brahmacārī, io non sono un gṛhastha, io non sono un vānaprastha... " Poiché la nostra civiltà Vedica si basa su varṇa e āśrama Caitanya Mahāprabhu ha negato tutte queste cose: "Io non appartengo a nessuno di questi." Allora, qual è la vostra posizione? Gopī-bhartuḥ pada-kamalayor dāsa-dāsānudāsaḥ (CC Madhya 13.80): "Sono eternamente servitore del sostenitore delle gopī." Ciò significa Krishna. Ed Egli predicò: jīvera svarūpa haya nitya-kṛṣṇa-dāsa (CC Madhya 20.108-109). Questa è la nostra identificazione: noi siamo eterni servitori di Krishna. Pertanto, i servitori che si sono ribellati a Krishna, sono venuti in questo mondo materiale. Pertanto, è per recuperare questi servi che Krishna viene. E Krishna dice:

paritrāṇāya sādhūnāṁ
vināśāya ca duṣkṛtām
dharma-saṁsthāpanārthāya
sambhavāmi yuge yuge
(BG 4.8)

Krishna viene. Egli è così gentile.

Cerchiamo quindi di approfittare dell'avvento di Krishna, che ha lasciato dietro di Sè questa Bhagavad-gītā, e leggerla perfettamente, e rendere la vita perfetta. Questo è il Movimento per la Coscienza di Krishna. Non è un movimento falso. Si tratta di un elevato movimento scientifico. Al di fuori dell'India, questi europei e americani stanno approfittando di ciò. Perché non questi giovani indiani? Che male c'è? Così non va bene. Uniamoci insieme; avviare questo Movimento per la Coscienza di Krishna molto seriamente, e liberare questa umanità sofferente, è il nostro scopo. Stanno soffrendo per mancanza di conoscenza. C'è tutto, completamente; è solamente gestito male... E' semplicemente gestito da ladri e furfanti. Aderite. Diventate perfetti nella coscienza di Krishna, prendete la gestione, e rendere la vita un successo.

Molte grazie. Hare Krishna.