IT/Prabhupada 0738 - Krishna e Balarama Sono Nuovamente Discesi come Caitanya e Nityananda

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Krishna e Balarama Sono Nuovamente Discesi come Caitanya e Nityananda - Prabhupāda 0738


Lecture on CC Adi-lila 1.2 -- Mayapur, March 26, 1975

Qui, Kṛṣṇa Caitanya e Nityānanda, sono identificati nel Signore Kṛṣṇa e Balarāma. Nella manifestazione di Krishna questi due fratelli erano impegnati come ragazzi mandriani, amici delle gopī e figli di madre Yaśodā e Nanda Mahārāja. Questa è la vita reale a Vṛndāvana. Krishna e Balarāma sono ragazzi mandriani di villaggio. Questa è la storia di Krishna-Balarāma in tenera età. E un'altra loro occupazione, quando andarono a Mathurā, uccisero Kaṁsa e i lottatori; e ancora, dopo essere andati a Dvārakā, hanno dovuto combattere con tanti demoni. Ma nella loro infanzia, fino ai sedici anni, furono a Vṛndāvana; vita felice, semplicemente amore. Questo è paritrāṇāya sādhūnām (BG 4.8). Sādhu, i devoti, sono sempre ansiosi di vedere Krishna, Balarāma e i Loro compagni. Sono sempre molto addolorati a causa della separazione. Per dare loro ringiovanimento vitale, Kṛṣṇa-Balarāma giocano nella loro infanzia a Vṛndāvana. E fuori di Vṛndāvana, a partire da Mathurā fino a Dvārakā e altri luoghi, l'occupazone era vināśāya ca duṣkṛtām: uccidere. Avevano quindi due occupazioni: una è pacificare i devoti, e l'altra è di uccidere i demoni. Naturalmente, Krishna e Balarāma sono la Verità Assoluta; non c'è differenza tra uccidere e amare. Loro sono l'Assoluto. Coloro che sono stati uccisi, si sa, sono stati anche liberati da questa schiavitù materiale.

Ora, questi due stessi fratelli, sono nuovamente discesi come Śrī Kṛṣṇa Caitanya-Nityānanda; sahoditau (CC Ādi 1.2): sono apparsi contemporaneamente. Non è che uno è apparso e l'altro non c'è. No. Entrambi, sahoditau. E vengono paragonati al Sole e alla Luna. L'attività del Sole e della Luna è di dissipare le tenebre; Il Sole sorge durante il giorno, e la Luna sorge durante la notte. Ma questi sole e luna, sole e la luna meravigliosi, citrau, sono apparsi insieme. Ma l'occupazione è la stessa, tamo-nudau; l'occupazione è quella di dissipare l'oscurità, perché noi siamo nelle tenebre. Noi, chiunque sia in questo mondo materiale, è nelle tenebre; tenebre significa che è ignorante, senza conoscenza. Essi sono per lo più animali. —"Perché sono animali? Uomini così civili, così ben vestiti e con lauree universitarie? Perché sono nelle tenebre?" Sì, sono nelle tenebre. —"Qual è la prova?" La prova è che essi non sono coscienti di Krishna; questa è la prova. Questa è la loro oscurità. Chiedete a chiunque, uno per uno; chiedete cosa ne sanno di Krishna. Ognuno è ignorante, all'oscuro. Percui la prova è questa. E come viene provato? Krishna dice, non lo diciamo noi, è Krishna che lo dice. E cosa dice? Na māṁ duṣkṛtino mūḍhāḥ prapadyante narādhamāḥ māyayāpahṛta-jñānā (BG 7.15). Apahṛta-jñānā significa oscurità. Anche se hanno lauree universitarie, nonostante essi siano chiamati civilizzati, progrediti nella civiltà materiale, ma sono māyayāpahṛta-jñānā. Le loro lauree... Poiché non conoscono bene Krishna, e poiché non si arrendono a Krishna, Krishna richiede personalmente: sarva-dharmān parityajya mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja... (BG 18.66). Lo chiede personalmente a ogni individuo. Perché questi mascalzoni e stupidi sono nelle tenebre, non sanno qual è lo scopo della vita, Krishna è così gentile che sollecita: sarva-dharmān parityajya mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja. Questa è la filosofia. Tuttavia loro non stanno facendo così. Perché? Narādhamāḥ: perché i più degradati dell'umanità, narādhama. E come sono diventati narādhama? Sono duṣkṛtina, commettono sempre una vita peccaminosa. E in cosa consiste la vita peccaminosa? Sesso illecito, consumo di carne, intossicazione e gioco d'azzardo. Poiché sono dipendenti da queste cose sono duṣkṛtina e narādhama, i più degradati del genere umano. E qualsiasi conoscenza acquisiscano con la cosiddetta educazione, è falsa conoscenza, māyayāpahṛta-jñānā. La situazione è questa.