IT/Prabhupada 0758 - Servire Una Persona Che Ha Dedicato la Sua Vita a Krishna

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Servire Una Persona Che Ha Dedicato la Sua Vita a Krishna
- Prabhupāda 0758


760516 - Lecture SB 06.01.16 - Honolulu

Se si dedica la propria vita a Krishna, yathā kṛṣṇārpita prāṇas tat-puruṣa-niṣevayā (SB 6.1.16); tat-puruṣa, è impossibile dedicare la propria vita a Krishna senza servire il devoto di Krishna; tat-puruṣa-niṣevayā. Non potete avvicinare Krishna direttamente, questo non è possibile. Si deve passare attraverso il Suo devoto. Perciò Krishna manda il Suo devoto: "Vai, e liberali". Proprio come Dhruva Mahārāja; non sapeva come ottenere il favore del Signore Supremo, ma a causa del proprio desiderio... Voleva vedere Dio, ma siccome era uno kṣatriya allora sua madre disse: "Solo Dio ti può aiutare, figlio mio. Se vuoi diventare re e ottenere una posizione migliore accedendo al trono di tuo padre, allora solo Dio ti può aiutare. Io non posso aiutarti." Così divenne determinato: "Devo vedere Dio!" Andò allora nella foresta, ma non sapeva come avvicinare Dio. Un ragazzo di soltanto cinque anni, ma aveva una tale determinazione che Krishna lo notò: "Questo ragazzo è molto determinato." Pertanto Egli mandò il Suo rappresentante, Nārada: "Vai e istruiscilo, lui è molto desideroso."

Perciò Caitanya Mahāprabhu dice: guru-kṛṣṇa-kṛpāya pāya bhakti-latā-bīja (CC Madhya 19.151). Si può accedere al servizio di devozione con una doppia misericordia: una misericordia è Krishna, un'altra misericordia è il maestro spirituale. Quindi qui si dice la stessa cosa: kṛṣṇārpita-prāṇas tat-puruṣa niṣevayā (SB 6.1.16). Non si può essere kṛṣṇārpita prāṇaḥ, non si può dedicare la propria vita a Krishna, a meno che non si abbia ottenuto la misericordia del maestro spirituale. Questo è il modo; non è possibile accedervi direttamente, questo non è possibile. Perciò Narottama dāsa Ṭhākura ha detto -e ci sono molte sue canzoni- chāḍiyā vaiṣṇava-sevā, nistāra pāyeche kebā: "Senza servire un Vaiṣṇava, chi ha ottenuto la liberazione? Nessuno."

tāṅdera caraṇa-sevi bhakta-sane vās
janame janame mora ei abhilāṣ

Narottama dāsa Ṭhākura dice: "Io devo servire i guru: Sanātana Gosvāmī, Rūpa Gosvāmī, e vivere in compagnia dei devoti." Tāṅdera caraṇa-sevi bhakta-sane vās. Narottama dāsa Ṭhākura ha detto: janame janame mora ei abhilāṣ. La nostra ambizione dovrebbe essere quella di servire Krishna attraverso la successione di maestri, i guru, e vivere in compagnia dei devoti. Questo è il procedimento, perciò stiamo aprendo così tanti Centri in tutto il mondo. Questa è la politica: che le persone possano avere la possibilità di associarsi con i devoti e la possibilità di servire il Vaiṣṇava, e allora si avrà successo.

Perciò qui si dice che bhakti-yoga significa non solo dedicare la vita a Krishna, ma anche servire il Vaiṣṇava, tat-puruṣa. Tat-puruṣa significa servire una persona che ha dedicato la propria vita a Krishna. Due cose: la dedizione a Krishna e la dedizione al devoto di Krishna. Quindi, se si avanza in questo modo, allora è molto facile diventare liberi da questa contaminazione materiale. Questo è ciò che si afferma, na tathā hy aghavān rājan pūyeta tapa-ādibhiḥ (SB 6.1.16). Tapa-ādibhiḥ è la procedura generale, ma è molto, molto difficile, soprattutto in questa epoca. Quindi, se ci limitiamo a questo svolgimento, dedicando la vita a Krishna e dedicando la vita al Vaiṣṇava, allora la nostra vita avrà successo. Molte grazie.