IT/Prabhupada 0760 - In Questo Movemento la Vita Sessuale Non è Proibita Ma è Proibita l'Ipocrisia

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

In Questo Movemento la Vita Sessuale Non è Proibita Ma è Proibita l'Ipocrisia
- Prabhupāda 0760


Lecture on SB 6.1.23 -- Honolulu, May 23, 1976

Senza capire qual è il dovere dell'essere umano, poiché si è caduti, non dovremmo infastidirci per mantenere la nostra famiglia e dei bambini fino al momento della morte. No. Fino a venticinque anni un brahmacārī è formato a non avere vita sessuale. Questo è il brahmacārī: celibato. Ma se non è in grado, allora gli è consentito di accettare la vita gṛhastha. Non c'è inganno, ipocrisia, così che io mi proclamo brahmacārī o sannyāsī e segretamente faccio tutte le sciocchezze. Questa è ipocrisia. La condotta di vita ipocrita non ci farà progredire nella vita spirituale. Questo è l'esempio dato da Śrī Caitanya Mahāprabhu. Un Suo compagno personale, lo conoscete, era Choṭa Haridāsa, Haridāsa Junior. Era un piacevole cantante e cantava nell'assemblea di Caitanya Mahāprabhu. Un giorno andò a mendicare un po' di riso dalla sorella di Śikhi Mahiti; vi era una giovane donna, ed egli la guardò con desiderio. Questo è qualcosa di naturale, ma Caitanya Mahāprabhu comprese. Giusto per insegnarci, mentre stava mangiando, Egli disse: "Chi ha portato questo riso?" "Choṭa Haridāsa". "Allora chiedetegli di non vederMi mai più. Basta." Tutti rimasero sorpresi: "Cosa è successo?" Poi, indagando, fu accertato che egli guardò con desiderio una giovane donna. Caitanya Mahāprabhu è così rigoroso che lo ha rifiutato tra i Suoi compagni. Allora, altri autorevoli devoti, richiesero: "Lui ha commesso qualche errore; per favore, scusalo. Egli è Tuo servitore". Così Caitanya Mahāprabhu disse: "Va bene, allora riportatelo. Vivete voi con lui, Io lascio questo posto. Lascio questo posto." Loro dissero: "No, non solleveremo più questa questione."

Così, quando Choṭa Haridāsa trovò impossibile andare di nuovo nel gruppo di Caitanya Mahāprabhu, provò disperazione. Andò allora a Triveṇī e si suicidò. Caitanya Mahāprabhu sapeva tutto, ma, tempo dopo, chiese: "Che ne è di Choṭa Haridāsa?" Qualcuno disse: "Signore, Tu lo hai respinto, e dallo sconforto si è suicidato" "Oh, così va bene." Guardate quanto rigore: "Bene così!" Non espresse alcuna compassione: "Oh, ho rifiutato questa persona e lui si è suicidato". No. Lui disse: "Oh, così va bene. Va bene." Disse così. Questa è una cosa.

Un'altra cosa: Śivānanda, uno dei Suoi devoto più elevati, si stava prendendo cura di tutti i devoti che andavano da Caitanya Mahāprabhu a fare visita durante il Ratha-yātrā. Sua moglie venne e offrì rispetti a Caitanya Mahāprabhu, il Quale vide che la moglie era incinta. Così subito chiese: "Śivānanda, tua moglie è incinta?" "Sì". "Bene, quando dà alla luce il bambino, chiamalo in questo modo..." Vedete? Un uomo, che aveva semplicemente guardato con desiderio lussurioso una giovane donna, fu respinto. E un uomo, che ha incinta la propria moglie, Lui lo adorava: "Molto bene!" Così, la vita sessuale non è vietata in questo Movimento, ma l'ipocrisia è vietata. Se diventi ipocrita, allora non c'è posto. Questo è l'insegnamento di Caitanya Mahāprabhu. Choṭa Haridāsa, che si proponeva come un brahmacārī, aveva guardato una giovane donna; allora Lui comprese: "E' un ipocrita. Rifiutatelo". E Śivānanda Sena, era gṛhastha; il gṛhastha deve avere dei figli. Cosa c'è di sbagliato? Egli disse: "Sì, i Miei resti del pasto gli dovrebbero essere dati." Questo è il Movimento di Caitanya Mahāprabhu.

Quindi la nostra richiesta è: non siate ipocriti. Ci sono quattro āśrama: brahmacārī, gṛhastha, vānaprastha, sannyāsa. Qualunque āśrama sia adatto per voi, accettatelo; ma sinceramente, non siate ipocriti. Se pensate di desiderare il sesso, va bene; sposatevi e mantenetevi dei gentiluomini. Non siate ipocriti. Questo è il Movimento di Caitanya Mahāprabhu. Non Gli piaceva l'ipocrisia. A nessuno piace. Ma per una persona che è seriamente impegnata nel Movimento per la Coscienza di Krishna, per lui, la vita sessuale e l'opulenza materiale non è molto buona. Questa è l'opinione di Caitanya Mahāprabhu. Pāraṁ paraṁ jigamiṣor bhava... Niṣkiñcanasya bhajanonmukhasya, pāraṁ param... (CC Madhya 11.8) Pertanto, volontariamente, Caitanya Mahāprabhu accettò il sannyāsa. Era molto ben situato nella Sua vita familiare; quando era uomo di famiglia Si sposò due volte. Una moglie morì, e Si sposò di nuovo. Caitanya Mahāprabhu ci ha insegnato a non diventare... Ma quando prese sannyāsa, era molto, molto severo. Nessuna donna poteva avvicinarsi troppo a Lui; a distanza. Questo è l'insegnamento di Caitanya Mahāprabhu.