IT/Prabhupada 0867 - Siamo eterni e siamo responsabili della nostra attività. Questa è conoscenza

From Vanipedia
Jump to: navigation, search

Siamo eterni e siamo responsabili della nostra attività. Questa è conoscenza
- Prabhupāda 0867


750520 - Morning Walk - Melbourne

Hari-śauri: è l'irregolarità del tempo e...

Prabhupāda: Questo è dovuto alla vita peccaminosa, irregolarità.

Hari-śauri: Quindi se si aumenta il Movimento per la Coscienza di Krishna...

Prabhupāda: Allora sarà regolare. E' la punizione della natura. Forse non ti prendi cura di cos'è la vita peccaminosa, ma questo è registrato. Questa è follia. "Non mi importa di Dio, non mi preoccupo di cosa sta per accadere," questa è stoltezza. La gente... nel sistema planetario più basso, loro sono così. Anche in questo pianeta. Nei paesi occidentali ci sono molti posti: "Non danno importanza per niente, ciò che è peccaminoso, ciò che sta per accadere. Godiamoci, questo è tutto. " Questa è la loro filosofia. "Godiamoci, questo è tutto." Il punto di vista materialistico è così. Non sanno che noi siamo eterni e siamo responsabili per le nostre attività. Questa è la conoscenza. Ma loro non hanno alcuna conoscenza. Loro vogliono semplicemente godere. A loro non importa neanche della morte. Semplicemente gratificazione dei sensi. Questo è tutto. Questo si chiama dānava, dānava vita. Lo scienziato spiega che ci sono così tante varietà. Accettano che ci sono varietà. Perché ci sono così tante varietà di vita?

Hari-Sauri: Loro semplicemente stanno approssimando. Hanno detto che da recenti scoperte e dall'esame dei fossili, e in questo modo...

Prabhupāda: Va tutto bene.

Hari-śauri: ...hanno fatto il loro calcolo.

Prabhupāda: Perché ci sono varietà?

Amogha: Dicono che in origine c'era solo una cella, e dall'adattamento di certe circostanze, un genere sarebbe vissuto e un altro sarebbe morto. Così tutte queste varietà si adattarono in condizioni diverse.

Prabhupāda: Chi ha adattato questo? Chi ha gestito?

Amogha: Beh, hanno appena... Accidentalmente.

Prabhupāda: Ah, questa è una sciocchezza. Non succede niente accidentalmente. Questa è una sciocchezza. Ci deve essere qualche arrangiamento. Cosa sta accadendo per caso? Perché ti stai prendendo cura di questi alberi? Così tante cose. Non si fa nulla per caso. Non si vede la causa. Se accidentalmente qualcuno diventa ricco, perché stai lottando duramente per diventare ricco? Perché le loro automobili volano tutto il giorno e la notte, qua e là? Perché stai provando? Lasciate accidentalmente che i soldi vengono, e sedetevi. Perché non fanno questo? Se il caso è li, lasciate che il caso viene, e io diventerò un uomo ricco. Perché loro provano? Perché loro vanno al college? Lascia accidentalmente che si diventa M.A., Ph.D. Questo è da mascalzoni, semplicemente un pensiero scadente. Pensiero scadente. Se le cose accadono per caso, perché si sta cercando? Qual è la risposta?

Amogha: Beh, noi cerchiamo, ma, dobbiamo provare, ma non possiamo dire che cosa succederà. Così sta accadendo per caso quando proviamo. Proprio come a scuola dobbiamo provare, e forse saremo promossi.

Prabhupāda: No, se si crede che succeda per caso, allora non dovresti sforzarti per niente. Non succede niente per caso.

Hari-śauri: Beh, allora non potremmo dire per l'attività dell'uomo, poi, le cose stanno accadendo? Ho avuto una lettera da una persona che conoscevo, e...

Prabhupāda: Attività più la sanzione di Dio- due cose. Ci sono cinque cause: l'attività, il luogo, la percentuale di energia e, in definitiva, la sanzione di Dio. Poi le cose accadono. Altimenti, non si tratta di incidenti.